DISEGUAGLIANZE SOCIALI IN GERMANIA

RASSEGNA STAMPA Germania, UE, società Faz      131025 Quasi un tedesco su sei a rischio di povertà – DIW: Il salario minimo non può eliminare la povertà Johannes Pennekamp –       Benché la Germania finora sia uscita bene dalla crisi del debito europeo, da uno studio dell’Ufficio statistico federale tedesco (La vita in Europa) risulta che nel 2011 era a rischio di povertà quasi 1 tedesco su 6 (il 16,1%, pari a circa 13 milioni di tedeschi), quota aumentata dello 0,3% rispetto all’anno precedente, a conferma di una tendenza in crescita. –       Secondo la definizione UE, è a rischio di povertà […]
Condividi:

RASSEGNA STAMPA

Germania, UE, società

Faz      131025

Quasi un tedesco su sei a rischio di povertà – DIW: Il salario minimo non può eliminare la povertà

Johannes Pennekamp

–       Benché la Germania finora sia uscita bene dalla crisi del debito europeo, da uno studio dell’Ufficio statistico federale tedesco (La vita in Europa) risulta che nel 2011 era a rischio di povertà quasi 1 tedesco su 6 (il 16,1%, pari a circa 13 milioni di tedeschi), quota aumentata dello 0,3% rispetto all’anno precedente, a conferma di una tendenza in crescita.

–       Secondo la definizione UE, è a rischio di povertà chi ha un reddito inferiore al 60% del reddito medio. Nel 2011 questo limite per le famiglie tedesche con un solo componente era di €980 mensili, compresi i servizi sociali, e al netto di tasse e contributi. La cifra per le famiglie di due persone adulte e due figli sotto i 14 anni era di €2058, mensili.

Due anni fa, la soglia di povertà era inferiore di quasi €500.

–       A rischio di povertà molto più di 2/3 delle persone con famiglie con disoccupati; solo il 7,7% le famiglie dove non ci sono disoccupati.

Secondo

–       dell’Istituto Tedesco per la Ricerca Economica (DIW) sia i salari in aumento che il salario minimo, che molto probabilmente verrà introdotto dal prossimo governo, non migliorerebbero la situazione della maggior parte delle persone a rischio; in una famiglia con diversi redditi, un salario minimo per un suo componente verrebbe nella maggior parte tassato.

–       In Grecia, nel 2011 la quota delle persone a rischio è aumentata di quasi due punti, al 23,1%

–       in Portogallo è stabile al 18%; in Francia al 14,1%; solo al 10,1% in Olanda, non ci sono dati attuali per Spagna, Irlanda e Italia.

–       In Grecia nel 2010-2012 la soglia di povertà per famiglie con un solo componente è scesa da €7178/anno a €5708; in Portogallo da €5207 a €4994

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.