IL RAZZISMO DILAGA IN RUSSIA

Redazione di Operai Contro, In Russia la crisi economica fa sentire i suoi effetti e anche qui come in molti altri paesi del mondo il razismo fa proseliti. Secondo quanto riportato dal New York Times, ieri diversi cittadini russi hanno deciso di andare al mercato della frutta e verdura e picchiare i poveri immigrati , la maggior parte dei quali sono originari del caucaso e che li lavorano. All’intervento della polizia un uomo russo completamente ubriaco ha gridato verso la polizia, che cercava di spingere la folla fuori dal mercato, di lasciarli in pace e di andare piuttosto dentro a fare […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

In Russia la crisi economica fa sentire i suoi effetti e anche qui come in molti altri paesi del mondo il razismo fa proseliti. Secondo quanto riportato dal New York Times, ieri diversi cittadini russi hanno deciso di andare al mercato della frutta e verdura e picchiare i poveri immigrati , la maggior parte dei quali sono originari del caucaso e che li lavorano.

All’intervento della polizia un uomo russo completamente ubriaco ha gridato verso la polizia, che cercava di spingere la folla fuori dal mercato, di lasciarli in pace e di andare piuttosto dentro a fare i controlli sugli immigrati. La polizia li ha oggi accontentati andando appunto a svolgere i controlli che hanno portato a 1200 arresti tra gli immigrati mentre in contemporanea venivano liberati in buona parte i cittadini  russi arrestati ieri anche se alcuni per ora rimangono in attesa di processo e multati. In una nota Putin ha blandamente sostenuto che i responsabili delle violenze dovranno pagare,ma in realtà ha puntato maggiormente il dito contro gli immigrati come causa delle violenze e ha sostenuto che il mercato andrà chiuso per la sua illegalità.
Di fatto il governo russo ha voluto comunicare con questa vicenda che a deciso di appoggiare e sostenere i nazionalisti e le loro violenze pensando anche di introdurre un visto obbligatorio per i cittadini provenienti dalle regioni dell’Asia centrale un tempo parte dell’ unione sovietica.

Ciuffo

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.