PARTITO PER IL LAVORO

Egr. redazione O.C. sono Giovanni operaio di 55 anni e lavoro in una piccola fabbrica di Sesto San Giovanni(MI) e vi scrivo a riguardo dell'assemblea pubblica che si è svolta ieri presso la Camera del Lavoro della CGIL di Sesto S.G.,assemblea organizzata dal Movimento del Partito del Lavoro. Titolo della locandina di presentazione: Perché i lavoratori contino! Sottotitolo: confronto tra lavoratori di numerosi posti di lavoro del pubblico e privato ed esponenti delle formazioni della sinistra italiana come C.Salvi,C.Mineo,G.Migliore,C.Grassi,C.Procaccini,O.Rosati,M.Rota,N.Nicolosi e G.P.Patta . Cara redazione ditemi voi se non è la solita passerella di nomi noti di politici falliti di […]
Condividi:
Egr. redazione O.C.

sono Giovanni operaio di 55 anni e lavoro in una piccola fabbrica di 
Sesto San Giovanni(MI) e vi scrivo a riguardo dell'assemblea pubblica 
che si è svolta ieri presso la Camera del Lavoro della CGIL di Sesto 
S.G.,assemblea organizzata dal Movimento del Partito del Lavoro.

Titolo della locandina di presentazione: Perché i lavoratori contino!

Sottotitolo: confronto tra lavoratori di numerosi posti di lavoro del 
pubblico e privato ed esponenti delle formazioni della sinistra italiana 
come 
C.Salvi,C.Mineo,G.Migliore,C.Grassi,C.Procaccini,O.Rosati,M.Rota,N.Nicolosi 
e G.P.Patta .

Cara redazione ditemi voi se non è la solita passerella di nomi noti di 
politici falliti di sinistra che chiaccherano a vanvera su problemi 
invece reali degli operai e dei lavoratori.

Che ne sanno questi politici di come gli operai vengono sfruttati tutti 
i giorni in fabbrica e che ne sanno come sono ricattati i giovani sul 
posto di lavoro solo perché hanno dei vergognosi contratti di lavoro 
interinali che durano anche soli pochi giorni.

Sulla locandina poi si evince che esiste anche "un Movimento del 
Partito del Lavoro che intende costruire con i lavoratori 
un'organizzazione che consenta loro di tornare ad essere protagonisti 
della lotta politica".
Perché ?
"perché in Italia manca un soggetto politico che rappresenti gli 
interessi del mondo del lavoro : è il risultato prima di tutto dello 
scioglimento del PCI ".

Ma, porca vacca, come possono gli operai credere di delegare ancora i 
propri interessi ai politici di partiti di sinistra o destra che siano 
dopo tanti anni di esperienze negative  e prese per il culo ?
I politici percepiscono almeno 10.000 euro al mese senza spaccarsi la 
schiena in catena di montaggio e senza rischiare la vita e noi operai 
dovremo farci tutelare da costoro ?

Dov'erano i politici della sinistra quando veniva approvata la legge 
Fornero ?

Ma basta, noi operai siamo costretti a lavorare, spesso in condizioni 
disagiate e pericolose per non parlare dei giovani che non raggiungono 
nemmeno i 1.000 euro al mese.

E ora con la crisi del capitalismo che continua e continua inesorabile 
si tira in ballo lo scioglimento del PCI e la sua mancanza.

Forse che quando c'era il PCI gli operai stavano meglio ed erano meno 
sfruttati di adesso ?
Non facciamo finta di non ricordare che da sempre, cioè da quando gli 
operai  vendono la loro forza lavoro ai padroni, gli operai sono morti a 
migliaia nei posti di lavoro per infortuni mortali o per esposizioni 
all'amianto o ad altre sostanze cancerogene .
Con il PCI presente hanno cominciato a chiudere centinaia di grandi 
fabbriche da nord a sud e sempre con accordi sindacali.

Noi operai non abbiamo bisogno di "contare" in Parlamento, abbiamo 
invece bisogno di un vero Partito degli Operai dove sono gli operai 
stessi che decidono come difendersi e come ribellarsi ai padroni e ai 
loro servi soprattutto per non farsi sfruttare più come schiavi.

Giovanni
operaio di Sesto San Giovanni
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.