Archive for Febbraio 27th, 2016

  • Redazione di operai Contro, la guerra imperialista alla Libia è iniziata da tempo. USA, Francia, Italia hanno da tempo iniziato lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi e di gas. I mercenari da tempo sono assoldati dalle compagnie petrolifere Ora sono entrati in campo i mercenari ufficiali degli USA, Francia e Italia Sono mesi che i droni USA bombardano la Libia usando la base di Sigonella I padroni italiani sono entrati in una nuova guerra. Gli operai sono quelli che pagano con l’aumento dello sfruttamento. Ai disoccupati Renzi regalerà una tomba sulle spiagge libiche I vari gruippettini, che si definiscono di […] 0

    LA GUERRA IN LIBIA

    Redazione di operai Contro, la guerra imperialista alla Libia è iniziata da tempo. USA, Francia, Italia hanno da tempo iniziato lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi e di gas. I mercenari da tempo sono assoldati dalle compagnie petrolifere Ora sono entrati in campo i mercenari ufficiali degli USA, Francia e Italia Sono mesi che i droni USA bombardano la Libia usando la base di Sigonella I padroni italiani sono entrati in una nuova guerra. Gli operai sono quelli che pagano con l’aumento dello sfruttamento. Ai disoccupati Renzi regalerà una tomba sulle spiagge libiche I vari gruippettini, che si definiscono di […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Subito dopo la chiusura dei seggi, alla mezzanotte scorsa ora locale, è cominciato in Iran lo scrutinio dei voti per il nuovo Parlamento (Majlis) e per la nuova Assemblea degli Esperti, organismo che dovrà nominare la prossima Guida Suprema, in caso di morte di Khamenei. Sono oltre 33 milioni, ovvero il 60% su 55 milioni di elettori potenziali, coloro che che hanno votato ieri nelle elezioni per il nuovo Parlamento iraniano e la nuova Assemblea degli Esperti, organismo giuridico-religioso che nomirà la prossima Guida Suprema. Il presidente iraniano Hassan Rohani si aspettava un’affluenza “epocale”, ma […] 0

    LE DEMOCRATICHE ELEZIONI IN IRAN

    Redazione di Operai Contro, Subito dopo la chiusura dei seggi, alla mezzanotte scorsa ora locale, è cominciato in Iran lo scrutinio dei voti per il nuovo Parlamento (Majlis) e per la nuova Assemblea degli Esperti, organismo che dovrà nominare la prossima Guida Suprema, in caso di morte di Khamenei. Sono oltre 33 milioni, ovvero il 60% su 55 milioni di elettori potenziali, coloro che che hanno votato ieri nelle elezioni per il nuovo Parlamento iraniano e la nuova Assemblea degli Esperti, organismo giuridico-religioso che nomirà la prossima Guida Suprema. Il presidente iraniano Hassan Rohani si aspettava un’affluenza “epocale”, ma […]

    Continue Reading

  • Redazione,  Il 16 novembre scorso IPAB di Vicenza ha revocato alla coop Bramasole l’appalto del San Camillo e ha deciso di affidare la gestione dello stesso alla sua partecipata Ipark. Delle 64 lavoratrici che lavoravano da 10 anni al San Camillo, Ipark ha deciso di riassumerne solo 32 con contratti a tempo determinato e tramite agenzie interinali. All’interno del San Camillo lavoravano 13 operatrici nere. Nessuna di queste e’ stata ripresa. Insieme a loro sono state lasciate a casa le lavoratrici più attive nel denunciare le carenze organizzative, i turni con poco personale, la frammentazione degli orari, la mancanza […] 0

    VICENZA: IPAB LICENZIA TUTTE LE OPERATRICI DI PELLE NERA

    Redazione,  Il 16 novembre scorso IPAB di Vicenza ha revocato alla coop Bramasole l’appalto del San Camillo e ha deciso di affidare la gestione dello stesso alla sua partecipata Ipark. Delle 64 lavoratrici che lavoravano da 10 anni al San Camillo, Ipark ha deciso di riassumerne solo 32 con contratti a tempo determinato e tramite agenzie interinali. All’interno del San Camillo lavoravano 13 operatrici nere. Nessuna di queste e’ stata ripresa. Insieme a loro sono state lasciate a casa le lavoratrici più attive nel denunciare le carenze organizzative, i turni con poco personale, la frammentazione degli orari, la mancanza […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, i leader finanziari dei padroni sono riuniti a Shanghai e temono un’altro stop dell’economia globale. I padroni hanno paura. Una ondata di merda fuoriesce dalle bische dei padroni e ammorba l’aria. Il supersfruttamento di milioni di operai non basta più per la ripresa dei profitti Milioni di emigranti sono in marcia alla ricerca di cibo La miseria della popolazione del mondo cresce La guerra mondiale si estende: Iraq, Afghanistan, Siria, Libia, Ucraina, Palestina, Mali, Egitto. Tra poco tutti i paesi saranno coinvolti: USA, Russia, Francia, Italia, Gran Bretagna, Turchia, ecc Il cadavere del capitalismo non […] 0

    LA PAURA DEI PADRONI SUONA L’ORA DEGLI OPERAI

    Redazione di Operai Contro, i leader finanziari dei padroni sono riuniti a Shanghai e temono un’altro stop dell’economia globale. I padroni hanno paura. Una ondata di merda fuoriesce dalle bische dei padroni e ammorba l’aria. Il supersfruttamento di milioni di operai non basta più per la ripresa dei profitti Milioni di emigranti sono in marcia alla ricerca di cibo La miseria della popolazione del mondo cresce La guerra mondiale si estende: Iraq, Afghanistan, Siria, Libia, Ucraina, Palestina, Mali, Egitto. Tra poco tutti i paesi saranno coinvolti: USA, Russia, Francia, Italia, Gran Bretagna, Turchia, ecc Il cadavere del capitalismo non […]

    Continue Reading

  • DA today.it del 18 febbraio 2015 “A Melfi nessuno è più happy” „Vi ricordate il video girato alla Fiat-Sata S.Nicola di Melfi? C’erano gli operai felici dentro lo stabilimento che cantavano e ballavano una hit del momento “Happy” (felice ndr). GUARDA IL VIDEO DEGLI OPERAI FIAT CHE BALLANO “HAPPY” Oggi però sembra proprio che nessuno si senta più “happy” e quelle immagini sanno di operazione di marketing. Gli operai hanno infatti denunciato a Basilicata24 i ritmi serrati a cui sono costretti a lavorare: “Come un treno ad alta velocità che non conosce fermate”. Il paragone è azzeccato visto che […] 0

    A Melfi nessuno è più “happy”: “Ci sta schiattando il fegato”

    DA today.it del 18 febbraio 2015 “A Melfi nessuno è più happy” „Vi ricordate il video girato alla Fiat-Sata S.Nicola di Melfi? C’erano gli operai felici dentro lo stabilimento che cantavano e ballavano una hit del momento “Happy” (felice ndr). GUARDA IL VIDEO DEGLI OPERAI FIAT CHE BALLANO “HAPPY” Oggi però sembra proprio che nessuno si senta più “happy” e quelle immagini sanno di operazione di marketing. Gli operai hanno infatti denunciato a Basilicata24 i ritmi serrati a cui sono costretti a lavorare: “Come un treno ad alta velocità che non conosce fermate”. Il paragone è azzeccato visto che […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, all’ILVA di Taranto e a Taranto l’assassinio dei padroni è legale Da anni noi operai denunciamo che siamo costretti a lavorare con la morte sulle spalle Da anni noi operai denunciamo che i nostri figli vengono assassinati Niente è cambiato e niente cambierà fino a quando noi operai non ci organizzeremo e insorgeremo contro gli assassini Padroni, politici e sindacalisti sono dei bastardi assassini e non meritano altro che essere seppelliti per sempre Un operaio dell’ILVA di Taranto dal fatto quotidiano Diossina in valori alti, altissimi, al quartiere Tamburi di Taranto. Numeri schizzati anche quaranta […] 0

    ILVA DI TARANTO: ASSASSINARE GLI OPERAI E I LORO FIGLI E’ LEGALE

    Redazione di Operai Contro, all’ILVA di Taranto e a Taranto l’assassinio dei padroni è legale Da anni noi operai denunciamo che siamo costretti a lavorare con la morte sulle spalle Da anni noi operai denunciamo che i nostri figli vengono assassinati Niente è cambiato e niente cambierà fino a quando noi operai non ci organizzeremo e insorgeremo contro gli assassini Padroni, politici e sindacalisti sono dei bastardi assassini e non meritano altro che essere seppelliti per sempre Un operaio dell’ILVA di Taranto dal fatto quotidiano Diossina in valori alti, altissimi, al quartiere Tamburi di Taranto. Numeri schizzati anche quaranta […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, alla mezzanotte tra venerdì e Sabato è iniziata in Siria la tregua concordata tra gli assassini USA e Russi. Tutti i Siriani che si oppongono al dittatore Assad e ai padroni occidentali e Russi devono deporre le armi Da parte loro Russi e USA continuano a bombardare e massacrare la popolazione Siriana Questa è la tregua degli assassini Un lettore Facebook Comments 0

    SIRIA: GLI ASSASSINI HANNO DATO INIZIO ALLA TREGUA

    Redazione di Operai Contro, alla mezzanotte tra venerdì e Sabato è iniziata in Siria la tregua concordata tra gli assassini USA e Russi. Tutti i Siriani che si oppongono al dittatore Assad e ai padroni occidentali e Russi devono deporre le armi Da parte loro Russi e USA continuano a bombardare e massacrare la popolazione Siriana Questa è la tregua degli assassini Un lettore Facebook Comments

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, Angelo Panebianco è stato contestato un’altra volta per ciò che scrive sul Corriere della sera, a favore dei padroni e della loro guerra. Le ripetute contestazioni sono avvenute all’università di Bologna dove insegna. L’articolo che sul Corriere del 23 febbraio ne ha dato notizia si chiude così: “Non si aspettava, Panebianco, che l’argomento potesse riguardare la sua stessa scuola”. Come dire che dopo aver lanciato il sasso sul Corriere, pensava di nascondere la mano all’università dove insegna. I padroni possiedono mezzi e macchine per la stampa e la distribuzione dei propri giornali. Uno di questi è […] 0

    Panebianco: libertà di parola e macchina di stampa

    Caro Operai Contro, Angelo Panebianco è stato contestato un’altra volta per ciò che scrive sul Corriere della sera, a favore dei padroni e della loro guerra. Le ripetute contestazioni sono avvenute all’università di Bologna dove insegna. L’articolo che sul Corriere del 23 febbraio ne ha dato notizia si chiude così: “Non si aspettava, Panebianco, che l’argomento potesse riguardare la sua stessa scuola”. Come dire che dopo aver lanciato il sasso sul Corriere, pensava di nascondere la mano all’università dove insegna. I padroni possiedono mezzi e macchine per la stampa e la distribuzione dei propri giornali. Uno di questi è […]

    Continue Reading

  • Redazione di operai contro, è un po che non si sentiva più parlare di Landini. Dopo che le aveva sparate grosse per la vicenda relativa alle acciaierie di Terni evocando le occupazioni di fabbriche e dopo che aveva fatto grandi proclami che sembravano lanciarlo in politica e che impazzava senza sosta da un programma televisivo ad un altro, Landini era quasi scomparso. Ora eccolo che riappare nella veste anche peggiore di “sponsor “ dell’ imprenditore Alberto Vacchi. Ovviamente non si tratta di una sponsorizzazione palese ma le dichiarazioni di stima da parte di Landini e della FIOM della zona […] 0

    LANDINI BOLLITO E IL PADRONE BUONO

    Redazione di operai contro, è un po che non si sentiva più parlare di Landini. Dopo che le aveva sparate grosse per la vicenda relativa alle acciaierie di Terni evocando le occupazioni di fabbriche e dopo che aveva fatto grandi proclami che sembravano lanciarlo in politica e che impazzava senza sosta da un programma televisivo ad un altro, Landini era quasi scomparso. Ora eccolo che riappare nella veste anche peggiore di “sponsor “ dell’ imprenditore Alberto Vacchi. Ovviamente non si tratta di una sponsorizzazione palese ma le dichiarazioni di stima da parte di Landini e della FIOM della zona […]

    Continue Reading

  • In Piaggio la parola solidarietà si legge discriminazione ecco come si negano i diritti con i soldi dell’INPS:I contratti di solidarietà sono applicati in Piaggio da 3 anni, con la firma, sempre scontata, dei sindacati FIM e UILM. L’azienda li ha sempre usati non solo per ridurre i suoi costi a spese dell’INPS, ma soprattutto per riorganizzare la produzione e intensificare i ritmi di lavoro, approfittando della ridotta capacita` di resistenza dei lavoratori, presenti in fabbrica in minor numero e più ricattabili. Quest’anno l’applicazione del contratto di solidarietà è diventata sempre più pesante e discriminatoria. Con il pagamento delle […] 0

    IN PIAGGIO LA PAROLA SOLIDARIETA’ SI LEGGE DISCRIMINAZIONE

    In Piaggio la parola solidarietà si legge discriminazione ecco come si negano i diritti con i soldi dell’INPS:I contratti di solidarietà sono applicati in Piaggio da 3 anni, con la firma, sempre scontata, dei sindacati FIM e UILM. L’azienda li ha sempre usati non solo per ridurre i suoi costi a spese dell’INPS, ma soprattutto per riorganizzare la produzione e intensificare i ritmi di lavoro, approfittando della ridotta capacita` di resistenza dei lavoratori, presenti in fabbrica in minor numero e più ricattabili. Quest’anno l’applicazione del contratto di solidarietà è diventata sempre più pesante e discriminatoria. Con il pagamento delle […]

    Continue Reading