I CIE DI TURCO-NAPOLITANO E LA LEGGE BOSSI-FINI

Redazione di Operai Contro, Il neo ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge ha affermato: “Il reato di clandestinità andrebbe abrogato“. I fascisti del Pdl e i nazisti della Lega gli sono saltati addosso per azzannarla. Io sono d’accordo con Cecile Kyenge A mio parere deve aggiungere anche la chiusura dei CIE I centri di identificazione ed espulsione (CIE), prima denominati centri di permanenza temporanea (CPT), sono strutture previste dalla legge italiana istituite per trattenere gli stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera” nel caso in cui il provvedimento non sia immediatamente eseguibile. Essi sono stati istituiti in ottemperanza a quanto disposto all’articolo 12 della legge […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

Il neo ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge ha affermato:

“Il reato di clandestinità andrebbe abrogato“.

I fascisti del Pdl e i nazisti della Lega gli sono saltati addosso per azzannarla.

Io sono d’accordo con Cecile Kyenge

A mio parere deve aggiungere anche la chiusura dei CIE

centri di identificazione ed espulsione (CIE), prima denominati centri di permanenza temporanea (CPT), sono strutture previste dalla legge italiana istituite per trattenere gli stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera” nel caso in cui il provvedimento non sia immediatamente eseguibile. Essi sono stati istituiti in ottemperanza a quanto disposto all’articolo 12 della legge Turco-Napolitano (L. 40/1998)[1]

I CIE sono delle galere.

Un immigrato Senegalese

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.