Archive for Maggio 6th, 2013

  • Caro Operai Contro Più di 13 milioni di euro lo “stipendio” di Marchionne nel 2012, solo in qualità di titolare della quotazione Fiat in Borsa. Altri 9 milioni di euro a Marchionne per Fiat Industrial. Segue Michele Norsa con 7 milioni di euro. 6 milioni di euro ad Andrea Guerra per Luxottica. 6 milioni anche a Paolo Scaroni dell’Eni. E così via per i 34 titolari delle prime società quotate nell’indice Ftse Mib di Piazza Affari. Una media di 3,2 milioni a testa, pari a più 1,5% rispetto al 2011. Per i big degli sfruttatori la crisi è un […] 0

    L’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DEGLI STIPENDI

    Caro Operai Contro Più di 13 milioni di euro lo “stipendio” di Marchionne nel 2012, solo in qualità di titolare della quotazione Fiat in Borsa. Altri 9 milioni di euro a Marchionne per Fiat Industrial. Segue Michele Norsa con 7 milioni di euro. 6 milioni di euro ad Andrea Guerra per Luxottica. 6 milioni anche a Paolo Scaroni dell’Eni. E così via per i 34 titolari delle prime società quotate nell’indice Ftse Mib di Piazza Affari. Una media di 3,2 milioni a testa, pari a più 1,5% rispetto al 2011. Per i big degli sfruttatori la crisi è un […]

    Continue Reading

  • I lavoratori protestano davanti allo stabilimento Fiat Cinquanta dipendenti della Unilogistic sono entrati nello stabilimento per protestare contro la rescissione del contratto. Dopo tre giorni di presidio stamane cinquanta lavoratori della Unilogistic sono entrati nello stabilimento Fiat ricambi di Rivalta. I dipendenti sono 70 e lavorano nella logistica della fabbrica; il 3 maggio sono stati licenziati perchè la Fiat ha rescisso il contratto. La situazione al momento è molto tesa e sul posto sono arrivati i carabinieri di zona. E’ in corso una trattativa per capire se c’è la possibilità di aprire un tavolo con tutte le parti. Commentata […] 0

    Lavoratori licenziati occupano la Fiat di Rivalta

    I lavoratori protestano davanti allo stabilimento Fiat Cinquanta dipendenti della Unilogistic sono entrati nello stabilimento per protestare contro la rescissione del contratto. Dopo tre giorni di presidio stamane cinquanta lavoratori della Unilogistic sono entrati nello stabilimento Fiat ricambi di Rivalta. I dipendenti sono 70 e lavorano nella logistica della fabbrica; il 3 maggio sono stati licenziati perchè la Fiat ha rescisso il contratto. La situazione al momento è molto tesa e sul posto sono arrivati i carabinieri di zona. E’ in corso una trattativa per capire se c’è la possibilità di aprire un tavolo con tutte le parti. Commentata […]

    Continue Reading

  • Lo scorso 3 maggio era giunta la richiesta di concordato preventivo da parte della dirigenza Aziendale. La decisione aveva lasciato a bocca asciutta le lavoratrici, già da tempo costrette a ricevere lo stipendio a singhiozzo, e più propense ad accettare l’esercizio straordinario dell’azienda. In seguito alla richiesta di concordato era stata convocata un’assemblea straordinaria nei locali aziendali per decidere la continuazione della vertenza, da tenersi in data odierna. Cosicchè stamattina, giunte dinanzi ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici hanno trovato un cancello chiuso e il divieto di tenere l’assemblea nelle stanze della mensa aziendale, della quale avevano chiesto l’uso. Tre vigilantes a […] 0

    [Grosseto] Lavoratrici ex-Mabro forzano i cancelli della fabbrica per fare assemblea

    Lo scorso 3 maggio era giunta la richiesta di concordato preventivo da parte della dirigenza Aziendale. La decisione aveva lasciato a bocca asciutta le lavoratrici, già da tempo costrette a ricevere lo stipendio a singhiozzo, e più propense ad accettare l’esercizio straordinario dell’azienda. In seguito alla richiesta di concordato era stata convocata un’assemblea straordinaria nei locali aziendali per decidere la continuazione della vertenza, da tenersi in data odierna. Cosicchè stamattina, giunte dinanzi ai cancelli della fabbrica, le lavoratrici hanno trovato un cancello chiuso e il divieto di tenere l’assemblea nelle stanze della mensa aziendale, della quale avevano chiesto l’uso. Tre vigilantes a […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, i parlamentari sono dei ladri. Da quelli del Pd a quelli del Movimento 5 stelle. I deputati prendono al mese 10.435,00 a cui vanno aggiunti 8 mila euro tra diaria e rimborsi forfettari Quindi un deputato prende 18 435,00 euro al mese. In un anno circa 258.000 euro Io come operaio in cassa integrazione prendo 10.000 euro in un anno I Grillini si riducono l’indennità a 5 mila euro,ne restano 13000 al mese. In un anno 182.000 euro Alla faccia degli onesti deputati Un operaio in cassa integrazione Facebook Comments 0

    MA QUANTO CAZZO GUADAGNA UN PARLAMENTARE?

    Redazione di Operai Contro, i parlamentari sono dei ladri. Da quelli del Pd a quelli del Movimento 5 stelle. I deputati prendono al mese 10.435,00 a cui vanno aggiunti 8 mila euro tra diaria e rimborsi forfettari Quindi un deputato prende 18 435,00 euro al mese. In un anno circa 258.000 euro Io come operaio in cassa integrazione prendo 10.000 euro in un anno I Grillini si riducono l’indennità a 5 mila euro,ne restano 13000 al mese. In un anno 182.000 euro Alla faccia degli onesti deputati Un operaio in cassa integrazione Facebook Comments

    Continue Reading

  • I lavoratori SDA dei magazzini dell’Hub, di Roma 1 e Roma 2 sono scesi in sciopero alle 13 di giovedì, 2 maggio 2013, dopo circa un mese di stato d’agitazione. La cooperativa Orbea, infatti, nonostante l’accordo firmato il 25 febbraio, ne ha disatteso i termini, avendo rispettato alcuni punti ma non altri, oppure avendone rispettati alcuni solo parzialmente, col chiaro obiettivo di rimangiarsi una parte del risultato e di dividere i lavoratori tra chi ne avrebbe beneficiato maggiormente e chi in minor misura. I passaggi di livello non sono avvenuti come da accordo: quelli che dovevano essere collocati ai […] 0

    COMUNICATO ESITO SCIOPERO FACCHINI DEI TRE MAGAZZINI SDA DI ROMA

    I lavoratori SDA dei magazzini dell’Hub, di Roma 1 e Roma 2 sono scesi in sciopero alle 13 di giovedì, 2 maggio 2013, dopo circa un mese di stato d’agitazione. La cooperativa Orbea, infatti, nonostante l’accordo firmato il 25 febbraio, ne ha disatteso i termini, avendo rispettato alcuni punti ma non altri, oppure avendone rispettati alcuni solo parzialmente, col chiaro obiettivo di rimangiarsi una parte del risultato e di dividere i lavoratori tra chi ne avrebbe beneficiato maggiormente e chi in minor misura. I passaggi di livello non sono avvenuti come da accordo: quelli che dovevano essere collocati ai […]

    Continue Reading

  • RASSEGNA STAMPA Frustrazione verso Parigi – I parametri di una crisi franco-tedesca Majid Sattar, Berlino –       L’aspra critica espressa la scorsa settimana dal congresso del Partito socialista francese,  al governo, contro la politica di risparmio della Cancelliera Merkel (CDU) (definita “egoistica inflessibilità”) è considerata a Berlino solo come indicatore del clima tra i due paesi; o   più preoccupante il fatto che Francia e Germania non riescano a elaborare una sostanziale iniziativa comune per rafforzare l’integrazione della UE, come da esse concordato a gennaio, in occasione del giubileo del Trattato dell’Eliseo. –       Parigi e Berlino stanno ora cercando di definire […] 0

    UE, GERMANIA, FRANCIA, ITALIA

    RASSEGNA STAMPA Frustrazione verso Parigi – I parametri di una crisi franco-tedesca Majid Sattar, Berlino –       L’aspra critica espressa la scorsa settimana dal congresso del Partito socialista francese,  al governo, contro la politica di risparmio della Cancelliera Merkel (CDU) (definita “egoistica inflessibilità”) è considerata a Berlino solo come indicatore del clima tra i due paesi; o   più preoccupante il fatto che Francia e Germania non riescano a elaborare una sostanziale iniziativa comune per rafforzare l’integrazione della UE, come da esse concordato a gennaio, in occasione del giubileo del Trattato dell’Eliseo. –       Parigi e Berlino stanno ora cercando di definire […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Il neo ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge ha affermato: “Il reato di clandestinità andrebbe abrogato“. I fascisti del Pdl e i nazisti della Lega gli sono saltati addosso per azzannarla. Io sono d’accordo con Cecile Kyenge A mio parere deve aggiungere anche la chiusura dei CIE I centri di identificazione ed espulsione (CIE), prima denominati centri di permanenza temporanea (CPT), sono strutture previste dalla legge italiana istituite per trattenere gli stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera” nel caso in cui il provvedimento non sia immediatamente eseguibile. Essi sono stati istituiti in ottemperanza a quanto disposto all’articolo 12 della legge […] 0

    I CIE DI TURCO-NAPOLITANO E LA LEGGE BOSSI-FINI

    Redazione di Operai Contro, Il neo ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge ha affermato: “Il reato di clandestinità andrebbe abrogato“. I fascisti del Pdl e i nazisti della Lega gli sono saltati addosso per azzannarla. Io sono d’accordo con Cecile Kyenge A mio parere deve aggiungere anche la chiusura dei CIE I centri di identificazione ed espulsione (CIE), prima denominati centri di permanenza temporanea (CPT), sono strutture previste dalla legge italiana istituite per trattenere gli stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera” nel caso in cui il provvedimento non sia immediatamente eseguibile. Essi sono stati istituiti in ottemperanza a quanto disposto all’articolo 12 della legge […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, I politici della regione Lombardia sono bravi truffatori: da una parte si interviene sulle indennità degli ottanta consiglieri regionali lombardi e dall’altra si compensa e si ricompensa il taglio aumentando ad hoc i rimborsi spese, che potrebbero così passare a 4500 euro netti al mese. Sarebbe l’effetto di una proposta di legge ideata come risposta ai tagli previsti dalla legge 213 del 2012 , dopo i noti casi alla Fiorito er Batman. Qualora fosse approvata la proposta di legge (targata Pd, Pdl, Lega) elaborata da un gruppo di lavoro coordinato dall’assessore al Bilancio, Massimo Garavaglia, […] 0

    LOMBARDIA. i CONSIGLIERI SI TAGLIANO LO STIPENDIO E SI AUMENTANO I RIMBORSI

    Redazione di Operai Contro, I politici della regione Lombardia sono bravi truffatori: da una parte si interviene sulle indennità degli ottanta consiglieri regionali lombardi e dall’altra si compensa e si ricompensa il taglio aumentando ad hoc i rimborsi spese, che potrebbero così passare a 4500 euro netti al mese. Sarebbe l’effetto di una proposta di legge ideata come risposta ai tagli previsti dalla legge 213 del 2012 , dopo i noti casi alla Fiorito er Batman. Qualora fosse approvata la proposta di legge (targata Pd, Pdl, Lega) elaborata da un gruppo di lavoro coordinato dall’assessore al Bilancio, Massimo Garavaglia, […]

    Continue Reading

  • Continua a salire il bilancio dei morti nel crollo del 24 aprile in Bangladesh man mano che procedono le ricerche sotto le macerie. I morti sono saliti oltre i 620 dai 547 di venerdì e i corpi vengono rinvenuti in stato di decomposizione, per cui risultano difficili le identificazioni. La polizia ha fatto sapere infatti che sono saliti a 622 i corpi recuperati. Il bilancio sembra destinato a salire. Si tratta probabilmente del peggiore incidente mai avvenuto nella storia dell’industria di abbigliamento non solo in Bangladesh, ma nel mondo. Nel palazzo caduto a Dacca avevano sede almeno cinque fabbriche tessili.   […] 0

    LA STRAGE DI OPERAI

    Continua a salire il bilancio dei morti nel crollo del 24 aprile in Bangladesh man mano che procedono le ricerche sotto le macerie. I morti sono saliti oltre i 620 dai 547 di venerdì e i corpi vengono rinvenuti in stato di decomposizione, per cui risultano difficili le identificazioni. La polizia ha fatto sapere infatti che sono saliti a 622 i corpi recuperati. Il bilancio sembra destinato a salire. Si tratta probabilmente del peggiore incidente mai avvenuto nella storia dell’industria di abbigliamento non solo in Bangladesh, ma nel mondo. Nel palazzo caduto a Dacca avevano sede almeno cinque fabbriche tessili.   […]

    Continue Reading