Archive for Maggio 3rd, 2013

  • Redazione di Operai Contro, Berlusconi il puttaniere, aveva promesso di abolire l’IMU sulla prima casa e restituire quella  pagata nel 2012. Il puttaniere pur di stare al governo con il Pd ci prende pere il culo. L’attuale imposta sugli immobili sarebbe trasformata in Imposta di servizio dei Comuni e, tra le prime cose, assorbirebbe anche la nuova tassa sui rifiuti. La Tares, rivista e corretta rispetto alla Tarsu e alla Tia, che dovrebbe debuttare alla fine di quest’anno e che vale circa un miliardo di euro annui. Anche la nuova imposta, come l’Imu da quest’anno e la futura Tares, sarebbe […] 0

    ALLEGRIA, ALLEGRIA

    Redazione di Operai Contro, Berlusconi il puttaniere, aveva promesso di abolire l’IMU sulla prima casa e restituire quella  pagata nel 2012. Il puttaniere pur di stare al governo con il Pd ci prende pere il culo. L’attuale imposta sugli immobili sarebbe trasformata in Imposta di servizio dei Comuni e, tra le prime cose, assorbirebbe anche la nuova tassa sui rifiuti. La Tares, rivista e corretta rispetto alla Tarsu e alla Tia, che dovrebbe debuttare alla fine di quest’anno e che vale circa un miliardo di euro annui. Anche la nuova imposta, come l’Imu da quest’anno e la futura Tares, sarebbe […]

    Continue Reading

  • Caro operai Contro Prima di fare il Ministro dell’Economia, Saccomanni è stato direttore generale della Banca d’Italia, mica un pirla qualsiasi. Draghi lo vorrebbe come suo successore come governatore della Banca Centrale Europea. Per stare ben allineato con i suoi colleghi del governo Letta, Saccomanni è pronto per “Un approccio rapido e urgente sull’Imu”. Per i cassaintegrati e gli esodati, Saccomanni è solo preoccupato di non prendere “provvedimenti improvvisati”. Anche lui come i suoi predecessori non ha nessuna intenzione di sbloccare la situazione degli esodati, permettendo loro di andare in pensione dopo essere stati “sgambettati” una prima volta. Nessuna […] 0

    SACCOMANNI, MICA UN PIRLA QUALSIASI

    Caro operai Contro Prima di fare il Ministro dell’Economia, Saccomanni è stato direttore generale della Banca d’Italia, mica un pirla qualsiasi. Draghi lo vorrebbe come suo successore come governatore della Banca Centrale Europea. Per stare ben allineato con i suoi colleghi del governo Letta, Saccomanni è pronto per “Un approccio rapido e urgente sull’Imu”. Per i cassaintegrati e gli esodati, Saccomanni è solo preoccupato di non prendere “provvedimenti improvvisati”. Anche lui come i suoi predecessori non ha nessuna intenzione di sbloccare la situazione degli esodati, permettendo loro di andare in pensione dopo essere stati “sgambettati” una prima volta. Nessuna […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Peggiora ancora la disoccupazione in Italia. Questa, nelle nuove previsioni della Commissione Ue, raggiungerà quota 11,8% nel 2013 e sfonderà la soglia del 12%, arrivando al 12,2% nel 2014, Le parole del governo dei padroni vengono smentite dalla realtà Questo è l’unico governo possibile per continuare a difendere gli interessi dei padroni. Operai il capitalismo è incapace di risolvere la crisi Operai l’unica possibilità che hanno i padroni è una nuova guerra mondiale Operai perché morire di fame? Un operaio disoccupato Facebook Comments 0

    Ue, disoccupazione in Italia all’11,8%

    Redazione di Operai Contro, Peggiora ancora la disoccupazione in Italia. Questa, nelle nuove previsioni della Commissione Ue, raggiungerà quota 11,8% nel 2013 e sfonderà la soglia del 12%, arrivando al 12,2% nel 2014, Le parole del governo dei padroni vengono smentite dalla realtà Questo è l’unico governo possibile per continuare a difendere gli interessi dei padroni. Operai il capitalismo è incapace di risolvere la crisi Operai l’unica possibilità che hanno i padroni è una nuova guerra mondiale Operai perché morire di fame? Un operaio disoccupato Facebook Comments

    Continue Reading

  • Cara redazione di Operai Contro, Letta completa la squadra dei padroni. 21 ministri,10 vice ministri, 30 sottosegretari. 945 parlamentari di cui sono 630 deputati e 315 sono senatori. Un esercito al servizio dei padroni I partiti già sono pronti a richiedere i rimborsi elettorali Una vera mangiatoia un lettore Facebook Comments 0

    LA SQUADRA DEI PADRONI

    Cara redazione di Operai Contro, Letta completa la squadra dei padroni. 21 ministri,10 vice ministri, 30 sottosegretari. 945 parlamentari di cui sono 630 deputati e 315 sono senatori. Un esercito al servizio dei padroni I partiti già sono pronti a richiedere i rimborsi elettorali Una vera mangiatoia un lettore Facebook Comments

    Continue Reading

  • SABATO 4 MAGGIO ore 18,45 in vico Seminario, 1 TARANTO PROIEZIONE DEL FILM DELL’ARTE DELLA GUERRA (presso il cinquecentesco ex seminario arcivescovile nel cuore del Borgo antico sede del MUDI ) L’ingresso è gratuito, dopo il film ci sarà un dibattito. Il film è in concorso al Premio Marcellino De Baggis di Taranto. PRESS KIT  IL TRAILER DEL FILM Facebook Comments 0

    TARANTO: PROIEZIONE DELL’ARTE DELLA GUERRA

    SABATO 4 MAGGIO ore 18,45 in vico Seminario, 1 TARANTO PROIEZIONE DEL FILM DELL’ARTE DELLA GUERRA (presso il cinquecentesco ex seminario arcivescovile nel cuore del Borgo antico sede del MUDI ) L’ingresso è gratuito, dopo il film ci sarà un dibattito. Il film è in concorso al Premio Marcellino De Baggis di Taranto. PRESS KIT  IL TRAILER DEL FILM Facebook Comments

    Continue Reading

  • Dopo un corteo di centinaia di persone che ha attraversato nel pomeriggio le strade di Bagnoli per gridare, nel giorno della “festa” del lavoro, tutta la nostra rabbia contro l’intensificazione dello sfruttamento, contro i licenziamenti e la disoccupazione sempre crescenti, contro l’avvelenamento dei nostri territori e la svendita dei nostri diritti, siamo andati a dirne quattro direttamente a chi è a pieno titolo complice di questa tragedia: i sindacati confederali, che da anni, piuttosto che assolvere al loro presunto ruolo di difensori dei lavoratori, non hanno fatto altro che venderne la pelle a poco prezzo. Per noi il primo maggio […] 0

    Abbiamo “rovinato la festa” ai confederali…

    Dopo un corteo di centinaia di persone che ha attraversato nel pomeriggio le strade di Bagnoli per gridare, nel giorno della “festa” del lavoro, tutta la nostra rabbia contro l’intensificazione dello sfruttamento, contro i licenziamenti e la disoccupazione sempre crescenti, contro l’avvelenamento dei nostri territori e la svendita dei nostri diritti, siamo andati a dirne quattro direttamente a chi è a pieno titolo complice di questa tragedia: i sindacati confederali, che da anni, piuttosto che assolvere al loro presunto ruolo di difensori dei lavoratori, non hanno fatto altro che venderne la pelle a poco prezzo. Per noi il primo maggio […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Cadaveri su cadaveri continuano auscire dalle macerie del Rana Palace di Dacca, in Bangladesh, crollato la settimana scorsa con all’interno migliaia di lavoratori tessili sottopagati. Ma dagli Stati Uniti arriva un primo “mea culpa” ufficiale: l’ammissione fatta dal Dipartimento di Stato che alcune imprese della moda americana ed europea, tra cui l’italiana Benetton che però nega, si avvalevano delle aziende che producevano nel “palazzo della morte”. Dalle viscere del Rana Plaza sventrato dalle ruspe sono stati estratti altri corpi, che hanno portato il totale dei morti accertati a quota 442, secondo l’ultimo bollettino dell’esercito, impegnato a sgomberare le macerie. Un conteggio destinato ad aumentare nei […] 0

    DACCA, 500 OPERAIE E OPERAI ASSASSINATI DAI PADRONI

    Redazione di Operai Contro, Cadaveri su cadaveri continuano auscire dalle macerie del Rana Palace di Dacca, in Bangladesh, crollato la settimana scorsa con all’interno migliaia di lavoratori tessili sottopagati. Ma dagli Stati Uniti arriva un primo “mea culpa” ufficiale: l’ammissione fatta dal Dipartimento di Stato che alcune imprese della moda americana ed europea, tra cui l’italiana Benetton che però nega, si avvalevano delle aziende che producevano nel “palazzo della morte”. Dalle viscere del Rana Plaza sventrato dalle ruspe sono stati estratti altri corpi, che hanno portato il totale dei morti accertati a quota 442, secondo l’ultimo bollettino dell’esercito, impegnato a sgomberare le macerie. Un conteggio destinato ad aumentare nei […]

    Continue Reading