LA GIUNGLA DI CALAIS

Redazione di Operai Contro,Lo stato dei padroni Francesi si prepara allo sgombero della parte sud della “giungla” di Calais, la più grande baraccopoli di migranti in EuropaIl problema dell’arrivo massiccio di immigrati a Calais, una base utilizzata per poter emigrare in Inghilterra, esiste dagli anni Novanta. Nel 2002 venne smantellato dall’allora ministro degli Interni Nicolas Sarkozy un centro di accoglienza della Croce Rossa e in seguito non si è più trovata una soluzione definitiva all’emergenza. Intanto nascevano aggregati di baracche e tende, in condizioni igieniche disastrose, periodicamente smantellati. La “giungla” attuale si è sviluppata nella primavera 2015, su una serie di […]
Condividi:
Redazione di Operai Contro,Lo stato dei padroni Francesi si prepara allo sgombero della parte sud della “giungla” di Calais, la più grande baraccopoli di migranti in EuropaIl problema dell’arrivo massiccio di immigrati a Calais, una base utilizzata per poter emigrare in Inghilterra, esiste dagli anni Novanta. Nel 2002 venne smantellato dall’allora ministro degli Interni Nicolas Sarkozy un centro di accoglienza della Croce Rossa e in seguito non si è più trovata una soluzione definitiva all’emergenza. Intanto nascevano aggregati di baracche e tende, in condizioni igieniche disastrose, periodicamente smantellati. La “giungla” attuale si è sviluppata nella primavera 2015, su una serie di dune, a una manciata di chilometri dal centro della città. Adesso, secondo le autorità pubbliche, vi alloggerebbero circa 4mila persone. Ma secondo le ong sarebbero molte di più. Nel novembre scorso sono stati finalmente installati dallo Stato francese dei container per ospitare i profughi, ma i posti letti disponibili sono solo 1.500. Gli altri continuano a vivere in ricoveri di fortuna, perlopiù costruiti con pali di legno e teli di plastica.

I padroni Francesi con i loro mercenari fanno la guerra in tutta l’Africa ora si preparano alla guerra contro gli emigrati della Giungla.

I padroni francesi sono il vero nemico del popolo francese

Un lettore

 

I

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.