Archive for Gennaio 4th, 2016

  • Redazione  di Operai Contro, il delegato Luca Fiorini è stato sospeso dai padroni della Basell durante la contrattazione Questa sospensione è una rivalsa per i mancati licenziamenti dello scorso 10 dicembre. L’azienda aveva messo a casa senza preavviso due lavoratrici, motivando il provvedimento con la necessità di contenere i costi. I sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil hanno dichiarato uno sciopero spalmato in cinque giorni Un operaio della Basell           Facebook Comments 1

    BASELL SOSPENDE SINDACALISTA DURANTE LA TRATTATIVA

    Redazione  di Operai Contro, il delegato Luca Fiorini è stato sospeso dai padroni della Basell durante la contrattazione Questa sospensione è una rivalsa per i mancati licenziamenti dello scorso 10 dicembre. L’azienda aveva messo a casa senza preavviso due lavoratrici, motivando il provvedimento con la necessità di contenere i costi. I sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil hanno dichiarato uno sciopero spalmato in cinque giorni Un operaio della Basell           Facebook Comments

    Continue Reading

  • Le scintille di inizio anno tra Arabia Saudita e Iran non sono (solo) l’ultimo capitolo dello scontro secolare tra le due anime dell’Islam. Ma anche il risultato di tensioni più recenti che toccano gli interessi economici delle due potenze: quelli legati alla produzione e all’esportazione del petrolio. I cui prezzi nei giorni scorsi hanno raggiunto i minimi dal 2004, dopo aver perso circa il 70% dal giugno 2014. Una rivoluzione che, intrecciata con le novità tecnologiche sul fronte dell’estrazione, sta mettendo in ginocchio molti grandi produttori – dal Sudamerica alla Russia – e ha affossato anche i conti 2015 della monarchia saudita. Mentre […] 0

    DIETRO LE FIAMME DI GUERRA TRA IRAN E ARABIA SAUDITA LA GUERRA PER IL PETROLIO

    Le scintille di inizio anno tra Arabia Saudita e Iran non sono (solo) l’ultimo capitolo dello scontro secolare tra le due anime dell’Islam. Ma anche il risultato di tensioni più recenti che toccano gli interessi economici delle due potenze: quelli legati alla produzione e all’esportazione del petrolio. I cui prezzi nei giorni scorsi hanno raggiunto i minimi dal 2004, dopo aver perso circa il 70% dal giugno 2014. Una rivoluzione che, intrecciata con le novità tecnologiche sul fronte dell’estrazione, sta mettendo in ginocchio molti grandi produttori – dal Sudamerica alla Russia – e ha affossato anche i conti 2015 della monarchia saudita. Mentre […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, ormai il gangster Renzi è un invitato fisso di Marchionne La quotazione della Ferrari alla Borsa di Milano è un successo del gangster Renzi Che cosa guadagnano gli operai dalla quotazione in borsa? Un operaio della Ferrari   Dal Fattoquotidiano Al suono della prima campanella del 2016 c’era anche Matteo Renzi. Il premier non ha voluto mancare al debutto a Piazza Affari di Ferrari: un modo per rivendicare come un successo del governo la scelta della “doppia quotazione” fatta da Sergio Marchionne. Milano è infatti la seconda piazza su cui approdano i titoli del Cavallino rampante, già negoziati a […] 0

    NUOVO SUCCESSO DEL GOVERNO

    Redazione di Operai Contro, ormai il gangster Renzi è un invitato fisso di Marchionne La quotazione della Ferrari alla Borsa di Milano è un successo del gangster Renzi Che cosa guadagnano gli operai dalla quotazione in borsa? Un operaio della Ferrari   Dal Fattoquotidiano Al suono della prima campanella del 2016 c’era anche Matteo Renzi. Il premier non ha voluto mancare al debutto a Piazza Affari di Ferrari: un modo per rivendicare come un successo del governo la scelta della “doppia quotazione” fatta da Sergio Marchionne. Milano è infatti la seconda piazza su cui approdano i titoli del Cavallino rampante, già negoziati a […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Giuseppe Sala, candidato di Renzi alle primarie del Pd a sindaco di Milano,  rivendica il suo dna politico e spiega: «Appartengo a una generazione per cui a 18 si stava di qua o di là e io stavo con la sinistra, certo – precisa – progressista, non c’è dubbio». Giuseppe Sala è di sinistra, smettiamola di rompere. Oggi essere di sinistra, destra, centro, non vuol dire niente. Si può essere di sinistra, destra o centro ed essere a favore dei padroni. Sono di sinistra i sostenitori del reazionario Pisapia. Sono di sinistra o di destra […] 0

    SALA E’ DI SINISTRA

    Redazione di Operai Contro, Giuseppe Sala, candidato di Renzi alle primarie del Pd a sindaco di Milano,  rivendica il suo dna politico e spiega: «Appartengo a una generazione per cui a 18 si stava di qua o di là e io stavo con la sinistra, certo – precisa – progressista, non c’è dubbio». Giuseppe Sala è di sinistra, smettiamola di rompere. Oggi essere di sinistra, destra, centro, non vuol dire niente. Si può essere di sinistra, destra o centro ed essere a favore dei padroni. Sono di sinistra i sostenitori del reazionario Pisapia. Sono di sinistra o di destra […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, dopo la scelta dell’Opec di non tagliare la produzione di petrolio, la guerra dell’oro nero si fa più cruenta. Con la sovra produzione dell’offerta, è crollato del 65% il costo del barile di greggio. Con queste condizioni gli Usa sono tagliati fuori dall’esportazione del proprio petrolio, il cui costo di estrazione è di 60 dollari al barile. I paesi arabi grandi produttori di greggio si preparano a mettere nei propri paesi, tasse o aumentarle, o tagliare la spesa, per colmare i mancati introiti dovuti al calo della quotazione del greggio. La guerra del petrolio, alla base […] 0

    CROLLO DEL COSTO DEL PETROLIO

    Caro Operai Contro, dopo la scelta dell’Opec di non tagliare la produzione di petrolio, la guerra dell’oro nero si fa più cruenta. Con la sovra produzione dell’offerta, è crollato del 65% il costo del barile di greggio. Con queste condizioni gli Usa sono tagliati fuori dall’esportazione del proprio petrolio, il cui costo di estrazione è di 60 dollari al barile. I paesi arabi grandi produttori di greggio si preparano a mettere nei propri paesi, tasse o aumentarle, o tagliare la spesa, per colmare i mancati introiti dovuti al calo della quotazione del greggio. La guerra del petrolio, alla base […]

    Continue Reading