Archive for Gennaio 1st, 2014

  • Redazione di Operai Contro, C’è ogni genere di prodotto nel novero dei settori maggiormente interessati dai “tavoli” aperti presso il Ministero dello Sviluppo economico e che riguardano imprese in crisi. Il 2014 si apre infatti con 159 tavoli di confronto instaurati, ai quali nel corso dell’anno ormai passato si sono seduti per almeno due volte tutte le parti in causa: proprietà, lavoratori e istituzioni. In totale il problema riguarda 120mila lavoratori, con un numero di esuberi che ammonta in media al 15% della forza lavoro delle singole imprese, diciotto delle quali (per 2.300 dipendenti) hanno dichiarato la cessazione di […] 0

    IL 2014 DEGLI OPERAI E LAVORATORI

    Redazione di Operai Contro, C’è ogni genere di prodotto nel novero dei settori maggiormente interessati dai “tavoli” aperti presso il Ministero dello Sviluppo economico e che riguardano imprese in crisi. Il 2014 si apre infatti con 159 tavoli di confronto instaurati, ai quali nel corso dell’anno ormai passato si sono seduti per almeno due volte tutte le parti in causa: proprietà, lavoratori e istituzioni. In totale il problema riguarda 120mila lavoratori, con un numero di esuberi che ammonta in media al 15% della forza lavoro delle singole imprese, diciotto delle quali (per 2.300 dipendenti) hanno dichiarato la cessazione di […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Voi l’avevate detto che Francesco non è un coglione, ma alle volte esagera Francesco ha lanciato a fine anno un appello perché Roma accolga i rifugiati, i disoccupati e i sottopagati. Francesco dovremo trasferire a Roma i 3/4 della popolazione italiana Un osservatore Facebook Comments 0

    FRANCESCO CI INVITA A TRASFERIRCI A ROMA

    Redazione di Operai Contro, Voi l’avevate detto che Francesco non è un coglione, ma alle volte esagera Francesco ha lanciato a fine anno un appello perché Roma accolga i rifugiati, i disoccupati e i sottopagati. Francesco dovremo trasferire a Roma i 3/4 della popolazione italiana Un osservatore Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, quest’anno oltre le letterine a babbo Natale abbiamo avuto la favola di Grillo Il discorso è iniziato con un saluto polemico: «Buon anno a tutte le italiane e a tutti gli italiani in ascolto, ovunque voi siate. Vi guardo, vi vedo attraverso la Rete. So tutto di voi. Vi controllo. E mi domando dopo tutti questi anni passati a denunciare, organizzare, promuovere iniziative di ogni genere, mi domando cosa state aspettando? Nessuno risolverà i vostri problemi se voi non inizierete per primi. Avete ancora il coraggio di votare per chi ha rovinato il Paese? Continuate […] 0

    LA SCOSSA DI GRILLO

    Redazione di Operai Contro, quest’anno oltre le letterine a babbo Natale abbiamo avuto la favola di Grillo Il discorso è iniziato con un saluto polemico: «Buon anno a tutte le italiane e a tutti gli italiani in ascolto, ovunque voi siate. Vi guardo, vi vedo attraverso la Rete. So tutto di voi. Vi controllo. E mi domando dopo tutti questi anni passati a denunciare, organizzare, promuovere iniziative di ogni genere, mi domando cosa state aspettando? Nessuno risolverà i vostri problemi se voi non inizierete per primi. Avete ancora il coraggio di votare per chi ha rovinato il Paese? Continuate […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, dopo sette discorsi di fine anno, Napolitano non sapeva più che dire. Aveva fatto promesso in questi sette anni che non sono andate in porto. Napolitano non ha trovato di meglio che leggerci le letterine che gli scrivono i poveri cristi. Ma non sono mancate le frasi celebri.   ”Resterò presidente fino a quando la situazione del Paese e delle istituzioni me lo farà ritenere necessario e possibile, e fino a quando le forze me lo consentiranno. Fino ad allora e non un giorno di più; e dunque di certo solo per un tempo non […] 0

    LE LETTERINE DI CAPODANNO

    Redazione di Operai Contro, dopo sette discorsi di fine anno, Napolitano non sapeva più che dire. Aveva fatto promesso in questi sette anni che non sono andate in porto. Napolitano non ha trovato di meglio che leggerci le letterine che gli scrivono i poveri cristi. Ma non sono mancate le frasi celebri.   ”Resterò presidente fino a quando la situazione del Paese e delle istituzioni me lo farà ritenere necessario e possibile, e fino a quando le forze me lo consentiranno. Fino ad allora e non un giorno di più; e dunque di certo solo per un tempo non […]

    Continue Reading