Askoll di Asti, continua il presidio degli operai

Continua il presidio ai cancelli della fabbrica di Castell’Alfero in provincia di Asti da parte dei 220 dipendenti tra operai e impiegati, sono decisi a non permettere alla dirigenza del gruppo Askoll di raggiungere il proprio obbiettivo : spostare la fabbrica altrove. Gli operai sono fortemente preoccupati perché la proprietà vicentina durante l’incontro tenuto ieri mattina tra i vertici aziendali del gruppo Askoll e i sindacati di zona ha fatto intendere che sicuramente sposterà la fabbrica nella quale si producono motorini elettrici. Alla cattiva notizia, tutti uniti operai e impiegati si sono riuniti in assemblea per decidere le iniziative di lotta, blocco totale della produzione con scioperi e presidi ai cancelli. […]
Condividi:

Continua il presidio ai cancelli della fabbrica di Castell’Alfero in provincia di Asti da parte dei 220 dipendenti tra operai e impiegati, sono decisi a non permettere alla dirigenza del gruppo Askoll di raggiungere il proprio obbiettivo : spostare la fabbrica altrove.

Gli operai sono fortemente preoccupati perché la proprietà vicentina durante l’incontro tenuto ieri mattina tra i vertici aziendali del gruppo Askoll e i sindacati di zona ha fatto intendere che sicuramente sposterà la fabbrica nella quale si producono motorini elettrici.

Alla cattiva notizia, tutti uniti operai e impiegati si sono riuniti in assemblea per decidere le iniziative di lotta, blocco totale della produzione con scioperi e presidi ai cancelli.

Gli scioperi e le proteste continueranno anche nei prossimi giorni, gli operai sono sul piede di guerra, decisi e convinti a resistere contro chi vuole chiudere la fabbrica. 

Per evitare la chiusura, hanno dichiarato i dirigenti, servirebbero 30 milioni di euro, altrimenti si deve traslocare all’estero.

Gli operai non ne vogliono sapere di questi ricatti, dove sono finiti i profitti degli anni precedenti ?

Le colpe dell’incapacità gestionali dei dirigenti non le devono pagare ancora  e sempre gli operai.

Operai cacciate a pedate nel culo i dirigenti chi vi vogliono fregare.

Rosario, sostenitore degli operai

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.