Archive for Febbraio 13th, 2014

  • Redazione di Operai Contro, Emilio Riva, il patron dell’Ilva, è stato rinviato a giudizio assieme ad altri due ex dirigenti del gruppo e a un ex manager di Deutsche Bank, tutti imputati per frode fiscale in relazione ad una maxi-evasione da circa 52 milioni di euro. Lo ha deciso il gup di Milano Anna Maria Zamagni che ha accolto la richiesta del pm Stefano Civardi. Il processo inizierà il 19 maggio davanti alla prima sezione penale di Milano Secondo la ricostruzione del procuratore aggiunto Francesco Greco e del pm Stefano Civardi, infatti, il colosso del settore siderurgico avrebbe indicato […] 0

    RIVA ASSASSINO ED EVASORE FISCALE

    Redazione di Operai Contro, Emilio Riva, il patron dell’Ilva, è stato rinviato a giudizio assieme ad altri due ex dirigenti del gruppo e a un ex manager di Deutsche Bank, tutti imputati per frode fiscale in relazione ad una maxi-evasione da circa 52 milioni di euro. Lo ha deciso il gup di Milano Anna Maria Zamagni che ha accolto la richiesta del pm Stefano Civardi. Il processo inizierà il 19 maggio davanti alla prima sezione penale di Milano Secondo la ricostruzione del procuratore aggiunto Francesco Greco e del pm Stefano Civardi, infatti, il colosso del settore siderurgico avrebbe indicato […]

    Continue Reading

  • CASA: “ LE MISURE CAUTELARI DISPOSTE OGGI NEI CONFRONTI DEI PROMOTORI DELLE  MANIFESTAZIONI DEL 31 OTTOBRE SCORSO SONO INACCETTABILI” DICHIARAZIONE DI WALTER DE CESARIS, SEGRETARIO NAZIONALE UNIONE INQUILINI “Apprendiamo da fonti giornalistiche di misure cautelari nei confronti dei promotori delle manifestazioni del 31 ottobre 2013 sulla casa in occasione della conferenza Stato – regioni che il ministro Lupi aveva convocato proprio a  seguito delle mobilitazioni dello scorso ottobre. Si tratta di un provvedimento inaccettabile che vuole colpire non solo gli autori di eventuali atti specifici ma gli organizzatori della manifestazione. L’intento repressivo è pertanto evidente e va rifiutato apertamente. […] 0

    COMUNICATO STAMPA

    CASA: “ LE MISURE CAUTELARI DISPOSTE OGGI NEI CONFRONTI DEI PROMOTORI DELLE  MANIFESTAZIONI DEL 31 OTTOBRE SCORSO SONO INACCETTABILI” DICHIARAZIONE DI WALTER DE CESARIS, SEGRETARIO NAZIONALE UNIONE INQUILINI “Apprendiamo da fonti giornalistiche di misure cautelari nei confronti dei promotori delle manifestazioni del 31 ottobre 2013 sulla casa in occasione della conferenza Stato – regioni che il ministro Lupi aveva convocato proprio a  seguito delle mobilitazioni dello scorso ottobre. Si tratta di un provvedimento inaccettabile che vuole colpire non solo gli autori di eventuali atti specifici ma gli organizzatori della manifestazione. L’intento repressivo è pertanto evidente e va rifiutato apertamente. […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, diciasette esponenti dei movimenti di lotta per la casa sono stati arrestati dagli uomini della Digos della Questura della Capitale e dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma. Sono accusati di aver partecipato agli scontri con le forze dell’ordine durante una manifestazione del 31 ottobre scorso a Roma    Agenti e militari erano schierati in via del Tritone per consentire il regolare svolgimento dellaConferenza Stato-Regioni, quando si verificarono tensioni e l’assalto ad un blindato dei carabinieri. “Adunata sediziosa, rapina, violenza, resistenza e lesioni aggravate a danno di pubblici ufficiali, danneggiamenti aggravati” sono i reati più gravi contestati […] 0

    Lo stato dei padroni

    Redazione di Operai Contro, diciasette esponenti dei movimenti di lotta per la casa sono stati arrestati dagli uomini della Digos della Questura della Capitale e dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma. Sono accusati di aver partecipato agli scontri con le forze dell’ordine durante una manifestazione del 31 ottobre scorso a Roma    Agenti e militari erano schierati in via del Tritone per consentire il regolare svolgimento dellaConferenza Stato-Regioni, quando si verificarono tensioni e l’assalto ad un blindato dei carabinieri. “Adunata sediziosa, rapina, violenza, resistenza e lesioni aggravate a danno di pubblici ufficiali, danneggiamenti aggravati” sono i reati più gravi contestati […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, nel 2013 in Italia la disoccupazione giovanile è arrivata vicino al 40%. Solo la  Grecia e Spagna, con disoccupazione giovanile fra il 50 e il 60% fanno meglio di noi. Ma la disoccupazione dei giovani è in crescita in Italia e presto supereremo Grecia e Spagna Tutti i gangster della politica e i padroni da 5 anni parlano di lavoro Noi giovani disoccupati non avremo la pensione e se l’avremo sarà una miseria Condannati alla fame oggi e condannati alla fame da vecchi Giovani disoccupati cosa abbiamo da perdere? Ribelliamoci Un giovane disoccupato     Facebook Comments 0

    Disoccupazione giovanile: “Nel 2013 in Italia è arrivata vicina al 40%”

    Redazione di Operai Contro, nel 2013 in Italia la disoccupazione giovanile è arrivata vicino al 40%. Solo la  Grecia e Spagna, con disoccupazione giovanile fra il 50 e il 60% fanno meglio di noi. Ma la disoccupazione dei giovani è in crescita in Italia e presto supereremo Grecia e Spagna Tutti i gangster della politica e i padroni da 5 anni parlano di lavoro Noi giovani disoccupati non avremo la pensione e se l’avremo sarà una miseria Condannati alla fame oggi e condannati alla fame da vecchi Giovani disoccupati cosa abbiamo da perdere? Ribelliamoci Un giovane disoccupato     Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Galli della Loggia è preoccupato: “Nell’Europa «normale» si diventa capi del governo dopo aver vinto le elezioni, in Italia no”. Galli della Loggia ha ragione la borghesia italiana è talmente nella merda da non poter far vincere l’elezioni a un suo uomo. Monti, Letta, non hanno vinto nessuna elezione. Monti non era neanche stato eletto Il Pd di Letta l’elezioni le ha perse. Ma ciò che preoccupa Galli è che Matteo Renzi sarà chiamato tra pochissimo alla carica di presidente del Consiglio: non solo senza aver mai partecipato a una competizione politica nazionale, e tanto […] 0

    GIOCHI PERICOLOSI

    Redazione di Operai Contro, Galli della Loggia è preoccupato: “Nell’Europa «normale» si diventa capi del governo dopo aver vinto le elezioni, in Italia no”. Galli della Loggia ha ragione la borghesia italiana è talmente nella merda da non poter far vincere l’elezioni a un suo uomo. Monti, Letta, non hanno vinto nessuna elezione. Monti non era neanche stato eletto Il Pd di Letta l’elezioni le ha perse. Ma ciò che preoccupa Galli è che Matteo Renzi sarà chiamato tra pochissimo alla carica di presidente del Consiglio: non solo senza aver mai partecipato a una competizione politica nazionale, e tanto […]

    Continue Reading

  • Operai, ma in fin dei conti cosa vuole Renzi? Tiene accesi i riflettori sul teatrino della politica, sostenuto da chi vuole procedere nel colpire la nostra condizione di vita. Non siamo certo noi i difensori di Letta, ma se Renzi lo vuole spintonare via senza dire cosa vuole fare, vuol dire che il suo programma non è meno antioperaio e antipopolare di quello di Letta. Renzi ha al suo attivo l’accordo elettorale con il pregiudicato Berlusconi Renzi ha al suo attivo la proposta di eliminare le pensioni di reversibilità Letta resiste a Renzi tirando su un fumus di 50 […] 0

    I 50 punti di Letta

    Operai, ma in fin dei conti cosa vuole Renzi? Tiene accesi i riflettori sul teatrino della politica, sostenuto da chi vuole procedere nel colpire la nostra condizione di vita. Non siamo certo noi i difensori di Letta, ma se Renzi lo vuole spintonare via senza dire cosa vuole fare, vuol dire che il suo programma non è meno antioperaio e antipopolare di quello di Letta. Renzi ha al suo attivo l’accordo elettorale con il pregiudicato Berlusconi Renzi ha al suo attivo la proposta di eliminare le pensioni di reversibilità Letta resiste a Renzi tirando su un fumus di 50 […]

    Continue Reading

  • DAI GIORNALI: GAZZETTA DI MODENA Operai da 1300 euro al mese, precari con contratti in scadenza e cassintegrati da 700 euro mensili. È questo il “profilo” dei lavoratori che in questi giorni si sono visti confermare dal Prefetto di Modena la sanzione, di ben 2500 euro ciascuno, per aver bloccato l’autostrada A1. Avvenne nel marzo del 2012, durante una manifestazione sindacale contro la modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e per l’estensione degli ammortizzatori sociali per fronteggiare la crisi economica. Per la Fiom Cgil di Modena si tratta di un atto di vera e propria punizione nei confronti […] 0

    Bloccarono l’A1 un quarto d’ora: maxi-multa a dieci operai Fiom

    DAI GIORNALI: GAZZETTA DI MODENA Operai da 1300 euro al mese, precari con contratti in scadenza e cassintegrati da 700 euro mensili. È questo il “profilo” dei lavoratori che in questi giorni si sono visti confermare dal Prefetto di Modena la sanzione, di ben 2500 euro ciascuno, per aver bloccato l’autostrada A1. Avvenne nel marzo del 2012, durante una manifestazione sindacale contro la modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e per l’estensione degli ammortizzatori sociali per fronteggiare la crisi economica. Per la Fiom Cgil di Modena si tratta di un atto di vera e propria punizione nei confronti […]

    Continue Reading