Electrolux, pesante taglio dei salari e chiusura in Friuli

Redazione di Operai Contro, i sindacati mazzettari sono pronti a svenderci. Il padrone non aspetta altro: -Sospendere gli effetti della contrattazione di secondo livello che vale circa 130 euro al mese sugli attuali stipendi medi da 1.350 -andare verso la chiusura dello stabilimento di Porcia (Pordenone). – In più taglio dell’80% dei 2.700 euro di premio aziendale e riduzione delle orario a 6 ore. Sono le richieste presentate da Electrolux ai sindacati. Altre fonti hanno parlato di un’alternativa ancora più dura da parte di Electrolux: riduzione di circa il 40% di stipendio, per salvare i quattro stabilimenti italiani. In […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

i sindacati mazzettari sono pronti a svenderci.

Il padrone non aspetta altro:

-Sospendere gli effetti della contrattazione di secondo livello che vale circa 130 euro al mese sugli attuali stipendi medi da 1.350

-andare verso la chiusura dello stabilimento di Porcia (Pordenone).

– In più taglio dell’80% dei 2.700 euro di premio aziendale e riduzione delle orario a 6 ore.

Sono le richieste presentate da Electrolux ai sindacati.

Altre fonti hanno parlato di un’alternativa ancora più dura da parte di Electrolux:

riduzione di circa il 40% di stipendio, per salvare i quattro stabilimenti italiani. In questo caso si tratterebbe di accettare un taglio dei salari dagli attuali 1.400 Euro mensili a 700-800 euro, sempre con una riduzione dell’orario a 6 ore. Tra le prospettive resterebbe valido un numero di esuberi aumentato rispetto all’inizio della trattativa: circa 700 fra Solaro (Milano), Forlì e Susegana (Treviso), che producono lavastoviglie, forni e piani cottura, frigoriferi.

Per Porcia non c’è piano industriale
Resta tuttavia in primo piano l’ipotesi chiusura per lo stabilimento Porcia (Pordenone) – dove si producono frigoriferi, 1.200 dipendenti in tutto, ma 2.000 lavoratori coinvolti con l’indotto – per il quale nei giorni scorsi prima Unindustria e poi la Regione hanno presentato il proprio piano per trattenere la multinazionale. Per il sito produttivo friulano l’azienda svedese non ha nemmeno presentato un piano industriale. Sul lavoro a Porcia il taglio sarebbe stimato in 7,50 euro l’ora ma il costo del prodotto finito graverebbe di 30 euro a pezzo mandando fuori mercato la produzione. A questo punto sono indispensabili interventi della Regione e del Governo. Ogni soluzione è da verificare.

Operai occupiamo le fabbriche, Operai cacciamo i sindacalisti mazzettari

Un gruppo di operai Electrolux

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.