CONDANNATI A MORTE DALLO STATO DEI PADRONI

Redazione di Operai Contro, La popolazione della terra dei fuochi è stata condannata a morte dallo stato dei padroni. Gli esecutori della condanna a morte sono i politici e gli amministratori della repubblica dei padroni. Il boia, i camorristi legati ai politici e agli amministratori. Il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, e i vescovi delle diocesi della Terra dei fuochi definiscono “ la condanna a morte” come dramma umanitario. Ma quale dramma umanitario. I vescovi vogliono salvare il culo ai politici e agli amministratori locali. I porporati hanno scritto una lettera aperta alle istituzioni locali: “Fate presto, sentiamo il dovere di dire […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

La popolazione della terra dei fuochi è stata condannata a morte dallo stato dei padroni.

Gli esecutori della condanna a morte sono i politici e gli amministratori della repubblica dei padroni.

Il boia, i camorristi legati ai politici e agli amministratori.

Il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, e i vescovi delle diocesi della Terra dei fuochi definiscono “ la condanna a morte” come dramma umanitario.

Ma quale dramma umanitario. I vescovi vogliono salvare il culo ai politici e agli amministratori locali. I porporati hanno scritto una lettera aperta alle istituzioni locali:

Fate presto, sentiamo il dovere di dire a quanti hanno ruolo, responsabilità e autorità di intervenire e decidere per frenare il dilagare di timore, di paura e di mali”.

Signori porporati sono vent’anni che gli amministratori locali e i politici sapevano e intascavano i soldi.

Signori vescovi avete paura anche voi della ribellione della popolazione.

Condannati ad una morte lenta che colpisce per prima i bambini, la ribellione deve essere decisa e non fare sconti a nessuno

Basta con le letterine

Un operaio

 

Condividi:

Facebook Comments

1 Comment

  1. piero

    Possibile che nessuno menzioni mai gli industriali che hanno smaltito rifiuti speciali nella terra dei fuochi, ma anche nei paesi del terzo mondo? Mi pare che non c’è stato mai nessuno imprenditore pentito, al contrario dei camorristi. Allora chi è peggio? Un’altra considerazione: com’è potuto avvenire che per decenni si sono scaricati rifiuti senza che nessuno si sia accorto di nulla, ecco cosa avviene quando non si presidia il territtorio! infine perchè si permettono dei processi industriali che producono scorie tossiche ( la solita domanda retorica). Allora perchè non si ha il coraggio di dire che è questa struttura socioeconomica a produrre tutto ciò, sempre allo scopo di sostenere il profitto. Anche queste morti bisogna metterle nel conto!