DUE PAPI AL POSTO DI UNO

Egregio Direttore in tempi in cui il successore di S. Pietro si è sdoppiato, uno è potuto andare tranquillo in Brasile, mentre l’altro a casa curava il Vaticano e i suoi tesori. A questo proposito invio alcune brevi considerazioni.   1) Una chiesa che non condanna lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e men che meno si prefigge e lotta per la sua abolizione, è una chiesa che benedice questo sfruttamento, sta dalla parte degli sfruttatori. Questo è il dato di fatto. Il papa può trovare tutte le frasi ad effetto che vuole, in mondovisione, con la complicità delle televisioni del […]
Condividi:

Egregio Direttore

in tempi in cui il successore di S. Pietro si è sdoppiato, uno è potuto andare tranquillo in Brasile, mentre l’altro a casa curava il Vaticano e i suoi tesori. A questo proposito invio alcune brevi considerazioni.

 

1) Una chiesa che non condanna lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e men che meno si prefigge e lotta per la sua abolizione, è una chiesa che benedice questo sfruttamento, sta dalla parte degli sfruttatori.

Questo è il dato di fatto. Il papa può trovare tutte le frasi ad effetto che vuole, in mondovisione, con la complicità delle televisioni del pianeta, un boomerang che mostra tutta la pacchiana teatralità della sua visita in Brasile.

 

2) Quali sono gli interessi economici del Vaticano?

Come mai il papa non ne parla in pubblico?

 

 

3) Il Papa declara che “nel lavoro sociale i cattolici ricostruiscono la loro egemonia”.

L’egemonia rispetto a chi o che cosa?

Cosa intende il Papa per “lavoro sociale”? Lavorare per un padrone pubblico o privato?

Perché l’uomo deve avere un padrone?

 

4) Il Brasile, la nazione cattolica più grande al mondo, non smette di perdere fedeli. Tra il 2.000 e il 2010, proprio gli anni in cui tra i cattolici in Brasile è esploso il”movimento carismatico”, i ragazzi tra i 15 e i 19 anni che si definiscono cattolici, sono crollati del 20%, da 13,3 a 10,8 milioni. (Dati non a campione ma tratti dai censimenti nazionali). Non cambia la solfa nel resto del mondo cattolico.

 

5) Ecco alcuni commenti dei giornali, riferiti alle prediche del papa di questi giorni.

“Il Papa guarda l’orologio”.

“I vescovi cantano e ballano”.

“Gli alti prelati alzano il pollice come il Papa”.

“Le suore ballano sulla spiaggia”.

“I vescovi scattano foto al Papa”.

Non c’è dubbio: con due Papi al posto di uno, la chiesa si rinnova.

Saluti da un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.