Archive for Luglio 19th, 2013

  • Aggressione per il ministro della salute greco, Adonis Georgiadis, colpito da pugni e schiaffi fuori da uno degli ospedali ateniesi che vorrebbe chiudere, l’Attika Hospital: ed è il secondo episodio in meno di una settimana, dopo quello capitato al sindaco di Atene. In Grecia la tensione è altissima e non solo per il via libera del governo ai 25mila licenziamenti nel pubblico impiego da realizzare a settembre, ma perché i cittadini vivono drammaticamente il distacco della politica e il cinismo con cui tali misure sono poste in essere. Dopo che anche l’Europa ha certificato che un greco su tre è a rischio indigenza, è […] 0

    Grecia, ministro della Salute preso a pugni.

    Aggressione per il ministro della salute greco, Adonis Georgiadis, colpito da pugni e schiaffi fuori da uno degli ospedali ateniesi che vorrebbe chiudere, l’Attika Hospital: ed è il secondo episodio in meno di una settimana, dopo quello capitato al sindaco di Atene. In Grecia la tensione è altissima e non solo per il via libera del governo ai 25mila licenziamenti nel pubblico impiego da realizzare a settembre, ma perché i cittadini vivono drammaticamente il distacco della politica e il cinismo con cui tali misure sono poste in essere. Dopo che anche l’Europa ha certificato che un greco su tre è a rischio indigenza, è […]

    Continue Reading

  • La brace era rimasta coperta nel pomeriggio, quando erano stati bruciati i materassi e due blocchi erano stati devastarti dalla quarantina di ospiti tunisini del Cie. Il fuoco, quello con le fiamme della rivolta collettiva, è divampato poi in tuta la sua potenza verso la mezzanotte ed e proseguito sino alle 4 del mattino. http://video.gelocal.it/gazzettadimodena/locale/modena-cie-in-stato-d-assedio-per-la-rivolta/16068/16187 Danni per 70mila euro, come riferisce il Siulp, e nove le persone arrestate. Ecco i protagonisti della nottata al Cie, Centro identificazione ed espulsione in via La Marmora: una dozzina di tunisini sui tetti che tiravano le tegole contro gli agenti giù nel cortile, […] 1

    PROTESTA AL CIE DI MODENA

    La brace era rimasta coperta nel pomeriggio, quando erano stati bruciati i materassi e due blocchi erano stati devastarti dalla quarantina di ospiti tunisini del Cie. Il fuoco, quello con le fiamme della rivolta collettiva, è divampato poi in tuta la sua potenza verso la mezzanotte ed e proseguito sino alle 4 del mattino. http://video.gelocal.it/gazzettadimodena/locale/modena-cie-in-stato-d-assedio-per-la-rivolta/16068/16187 Danni per 70mila euro, come riferisce il Siulp, e nove le persone arrestate. Ecco i protagonisti della nottata al Cie, Centro identificazione ed espulsione in via La Marmora: una dozzina di tunisini sui tetti che tiravano le tegole contro gli agenti giù nel cortile, […]

    Continue Reading

  • In queste ore 200.000 minatori artigianali in diciotto dipartimenti della Colombia sono scesi per le strade del paese contro la politica neoliberista del governo, che consegna le collettive risorse minerarie a grandi gruppi multinazionali mediante concessioni per lo sfruttamento di aree strategiche. Parallelamente, vengono impiegati polizia antisommossa ed esercito per “liberare” la strada della locomotiva minerario-energetica, asse portante della politica economica filoimperialista del governo, dalle “ingombranti”comunità locali. Vengono implementate una serie di norme legislative repressive che rendono formalmente illegali le tradizionali pratiche estrattive. La legislazione nega la possibilità di sostentamento dei piccoli minatori artigianali, dichiarandoli fuori legge e per questa […] 0

    17/07 – SCIOPERO DI 200.000 MINATORI SCUOTE LA COLOMBIA

    In queste ore 200.000 minatori artigianali in diciotto dipartimenti della Colombia sono scesi per le strade del paese contro la politica neoliberista del governo, che consegna le collettive risorse minerarie a grandi gruppi multinazionali mediante concessioni per lo sfruttamento di aree strategiche. Parallelamente, vengono impiegati polizia antisommossa ed esercito per “liberare” la strada della locomotiva minerario-energetica, asse portante della politica economica filoimperialista del governo, dalle “ingombranti”comunità locali. Vengono implementate una serie di norme legislative repressive che rendono formalmente illegali le tradizionali pratiche estrattive. La legislazione nega la possibilità di sostentamento dei piccoli minatori artigianali, dichiarandoli fuori legge e per questa […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, ogni tanto qualche leccaculo della stampa italiana ci annuncia che in america la crisi è finita La città di Detroit è fallita Dopo mesi di polemiche, discussioni, timori, dopo la nomina di un commissario straordinario che avrebbe dovuto gestire l’emergenza, la culla dell’auto americana ha dovuto dichiarare bancarotta. Un debito da 18 miliardi di dollari, ha confermato il commissario Kevyn Orr, lasciando intendere che il buco potrebbe arrivare a 20 miliardi. Si tratta della maggiore città americana a far bancarotta nella storia degli Stati Uniti. Tra le prime conseguenze, ci sarà il taglio di salari e pensioni per migliaia di dipendenti pubblici. Tra le ragioni che hanno […] 0

    Usa, a Detroit debito da 18 miliardi: bancarotta per la culla dell’auto

    Redazione di Operai Contro, ogni tanto qualche leccaculo della stampa italiana ci annuncia che in america la crisi è finita La città di Detroit è fallita Dopo mesi di polemiche, discussioni, timori, dopo la nomina di un commissario straordinario che avrebbe dovuto gestire l’emergenza, la culla dell’auto americana ha dovuto dichiarare bancarotta. Un debito da 18 miliardi di dollari, ha confermato il commissario Kevyn Orr, lasciando intendere che il buco potrebbe arrivare a 20 miliardi. Si tratta della maggiore città americana a far bancarotta nella storia degli Stati Uniti. Tra le prime conseguenze, ci sarà il taglio di salari e pensioni per migliaia di dipendenti pubblici. Tra le ragioni che hanno […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro Alle elezioni Pisapia aveva presentato il programma, ma non i fuori programma. –        Abbonamento mensile Atm, aumenta da 30 a 36 euro. –        Singolo biglietto urbano, aumenta da 1,50 a 1,70 euro. –        Asili nido, oltre l’iscrizione: aumento di 27 euro per i redditi sotto i 12.500 euro annui. Aumento di 60 euro fino 27 mila euro di Isee, sopra questa soglia aumento di 120 euro. –        Impianti sportivi: piscine, palestre, bocce, atletica, calcio, ecc. aumento del 20%. –        Musei: aumenti del 20%. Francesca Balzani assessore al bilancio del comune di Milano così presenta i rincari: […] 0

    Milano: i fuori programma del sindaco.

    Caro Operai Contro Alle elezioni Pisapia aveva presentato il programma, ma non i fuori programma. –        Abbonamento mensile Atm, aumenta da 30 a 36 euro. –        Singolo biglietto urbano, aumenta da 1,50 a 1,70 euro. –        Asili nido, oltre l’iscrizione: aumento di 27 euro per i redditi sotto i 12.500 euro annui. Aumento di 60 euro fino 27 mila euro di Isee, sopra questa soglia aumento di 120 euro. –        Impianti sportivi: piscine, palestre, bocce, atletica, calcio, ecc. aumento del 20%. –        Musei: aumenti del 20%. Francesca Balzani assessore al bilancio del comune di Milano così presenta i rincari: […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Il gruppo del Pd del Senato ha approvato la proposta di votare ‘no’ domani in Aula al Senato alle mozioni di sfiducia al ministro Alfano. Il Pdl è compatto nel sostegno ad Alfano e tutto il resto sono solo “resoconti e titoli inventati di sana pianta” per spargere veleno sul Pdl. Epifani, gruppo unanime, sostegno a governo – “Nel gruppo del Pd, c’è stata una discussione seria” e al termine “il gruppo praticamente all’unanimità ha condiviso l’idea che il governo deve andare avanti”. Napolitano invoca il sostegno a Letta Questi sono i politici italiani Saluti Facebook […] 0

    I SOSTENITORI DEL DITTATORE DEL KAZAKISTAN

    Redazione di Operai Contro, Il gruppo del Pd del Senato ha approvato la proposta di votare ‘no’ domani in Aula al Senato alle mozioni di sfiducia al ministro Alfano. Il Pdl è compatto nel sostegno ad Alfano e tutto il resto sono solo “resoconti e titoli inventati di sana pianta” per spargere veleno sul Pdl. Epifani, gruppo unanime, sostegno a governo – “Nel gruppo del Pd, c’è stata una discussione seria” e al termine “il gruppo praticamente all’unanimità ha condiviso l’idea che il governo deve andare avanti”. Napolitano invoca il sostegno a Letta Questi sono i politici italiani Saluti Facebook […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, In questi giorni si parla della dissidente kazaka e della figlia sequestrata dal governo borghese italiano e rimandata in kazakistan a seguito delle pressioni del governo kazako. Tutti si sono dimenticati che anche questo episodio contro i ‘dissidenti’, è un ulteriore episodio che succede ad altri, tra  cui , ricordiamolo, la strage di classe  della polizia e dall’esercito, fatta nel dicembre 2011 nella cittadina di Zhanaozen. Al termine di una giornata tesa e confusa, con manifestazioni e scontri, oltre che di provocazioni organizzate dalla polizia  con caccia all’uomo,  12 operai furono uccisi e decine di essi  […] 0

    strage di operai kazaki. ricordo della loro lotta di classe anche contro eni e finmeccanica

    Redazione di Operai Contro, In questi giorni si parla della dissidente kazaka e della figlia sequestrata dal governo borghese italiano e rimandata in kazakistan a seguito delle pressioni del governo kazako. Tutti si sono dimenticati che anche questo episodio contro i ‘dissidenti’, è un ulteriore episodio che succede ad altri, tra  cui , ricordiamolo, la strage di classe  della polizia e dall’esercito, fatta nel dicembre 2011 nella cittadina di Zhanaozen. Al termine di una giornata tesa e confusa, con manifestazioni e scontri, oltre che di provocazioni organizzate dalla polizia  con caccia all’uomo,  12 operai furono uccisi e decine di essi  […]

    Continue Reading