I tagliaborse delle vacanze.

Caro Operai Contro gli operai ma non solo, che non possono concedersi una breve vacanza al mare sono in aumento.  Tanti altri sono costretti a ridurre al lumicino le vacanze, qualche giorno e basta. Gli albergatori, gli armatori, le agenzie e tutti “i padroni delle vacanze” in Italia, vogliono rifarsi dal calo dei flussi alzando i prezzi. Risultato: anche i vacanzieri esteri che venivano in Italia sono calati in un anno del 10%, in favore di altri paesi. Eppure giornali e televisione dicono che: “L’Europa promuove il mare italiano”. “Acque pulite in 9 spiagge su 10”. “Il mare italiano […]
Condividi:

Caro Operai Contro

gli operai ma non solo, che non possono concedersi una breve vacanza al mare sono in aumento.  Tanti altri sono costretti a ridurre al lumicino le vacanze, qualche giorno e basta.

Gli albergatori, gli armatori, le agenzie e tutti “i padroni delle vacanze” in Italia, vogliono rifarsi dal calo dei flussi alzando i prezzi.

Risultato: anche i vacanzieri esteri che venivano in Italia sono calati in un anno del 10%, in favore di altri paesi.

Eppure giornali e televisione dicono che:

“L’Europa promuove il mare italiano”.

“Acque pulite in 9 spiagge su 10”.

“Il mare italiano è sempre più pulito”.

“Fioccano bandiere blu e targhe d’eccellenza”.

La crisi non c’è solo in Italia, in più se anche il 10% degli stranieri scappa, io me la spiego in un unico modo: che in Italia “i padroni delle vacanze” sono dei veri e propri tagliaborse, con prezzi allucinanti e nessuno in grado di mettergli un freno, neanche Letta, che sprona i suoi  a essere più “aggressivi”.

Ma forse Letta intendeva più aggressivi, nei confronti di chi socialmente più debole, compresi quanti non possono permettersi una breve vacanza.

Saluti da un operaio in cassa integrazione

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.