NAZIPADANI DOC A PONTIDA

Caro Operai Contro Nel 2012 l’emigrazione italiana è aumentata del 30,1%, una cifra che sfiora le 80 mila persone. Spinte dalla crisi a cercare altrove un lavoro, vanno per lo più in Germania, ma per i nazipadani capi della Lega, non è la crisi che li costringe ad emigrare, bensì la colpa è degli immigrati negli anni precedenti in Italia, che avrebbero rubato loro il lavoro. Cosi i nazipadani aumentano e incitano al razzismo e alla discriminazione. La Svizzera ostacola 50 mila frontalieri italiani che “rubano” il pane con bassi salari ai lavaratori svizzeri. Maroni deve suo malgrado prendere […]
Condividi:

Caro Operai Contro

Nel 2012 l’emigrazione italiana è aumentata del 30,1%, una cifra che sfiora le 80 mila persone. Spinte dalla crisi a cercare altrove un lavoro, vanno per lo più in Germania, ma per i nazipadani capi della Lega, non è la crisi che li costringe ad emigrare, bensì la colpa è degli immigrati negli anni precedenti in Italia, che avrebbero rubato loro il lavoro. Cosi i nazipadani aumentano e incitano al razzismo e alla discriminazione.

La Svizzera ostacola 50 mila frontalieri italiani che “rubano” il pane con bassi salari ai lavaratori svizzeri. Maroni deve suo malgrado prendere atto, che i lavoratori della “macroregione del Nord”, non sono altro che i “terroni” d’Europa.

Oggi i capi della Lega Nord nazipadani DOC, chiamano i rimasugli del “popolo di Pontida”.

Bossi non è più segretario, ma il nazi-demenzialismo-filopadronale dei capi leghisti è invariato.

Si veda il programma del nuovo segretario della Lega, nonché presidente della regione Lombardia Maroni, che già alla prima seduta del consiglio regionale, ha stanziato un milardo di euro per i padroni. Maroni cerca di recuperare il consenso dei tanti padroni che han girato le spalle alla Lega, nelle ultime tornate elettorali.

La Lega torna a Pontida a suonare le trombe per la piccola e  media impresa, un concerto accompagnato dall’inizio alla fine dai nuovi spartiti, dalle ben più gravi note razziste dei nazipadani DOC.

Saluti da Palazzago BG

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.