Archive for Aprile 19th, 2013

  • Redazione di Operai Contro, sono sempre più convinto che la scelta che abbiamo fatto di non andare a votare è stata giustissima. Bersani e Sel presentano il loro vero candidato: Romano Prodi, una uomo dei padroni da sempre nemico degli operai. Il puttaniere Berlusaconi  e Monti presentano il loro candidato: il ministro poliziotto Cancellieri. Il M5S resta fermo a votare il proprio candidato: Stefano Rodotà, politicante della 1 repubblica. Alla fne alcuni esponenti del M5S voteranno Prodi. Grillo può continuare   Facebook Comments 0

    L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DEI PADRONI

    Redazione di Operai Contro, sono sempre più convinto che la scelta che abbiamo fatto di non andare a votare è stata giustissima. Bersani e Sel presentano il loro vero candidato: Romano Prodi, una uomo dei padroni da sempre nemico degli operai. Il puttaniere Berlusaconi  e Monti presentano il loro candidato: il ministro poliziotto Cancellieri. Il M5S resta fermo a votare il proprio candidato: Stefano Rodotà, politicante della 1 repubblica. Alla fne alcuni esponenti del M5S voteranno Prodi. Grillo può continuare   Facebook Comments

    Continue Reading

  • La Cgil è preoccupata che gli operai una buona volta dicano basta! Esplode la richiesta di ore di cassa integrazione a marzo. Con poco meno di 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, la cig aumenta in tutti i suoi segmenti (ordinaria, straordinaria e deroga), sia sul mese sia sull’anno. Le 96.973.927 ore registrate a marzo segnano infatti un incremento consistente su febbraio (pari ad un +22,44%), mentre da inizio anno il monte ore complessivo è pari a 265.043.645 per un +11,98% sul primo trimestre del 2012. Dietro questa mole di ore sono coinvolti da inizio anno circa […] 0

    CIG, A MARZO BOOM DI RICHIESTE: IN CASSA 520.000

    La Cgil è preoccupata che gli operai una buona volta dicano basta! Esplode la richiesta di ore di cassa integrazione a marzo. Con poco meno di 100 milioni di ore registrate lo scorso mese, la cig aumenta in tutti i suoi segmenti (ordinaria, straordinaria e deroga), sia sul mese sia sull’anno. Le 96.973.927 ore registrate a marzo segnano infatti un incremento consistente su febbraio (pari ad un +22,44%), mentre da inizio anno il monte ore complessivo è pari a 265.043.645 per un +11,98% sul primo trimestre del 2012. Dietro questa mole di ore sono coinvolti da inizio anno circa […]

    Continue Reading

  • RASSEGNA STAMPA MarketWatch          130417 Va indebolendosi l’appoggio della Germania all’euro Darrell Delamaide Tesi: –       Sta svanendo l’impegno della Germania per l’euro, che rimarrà solo alle condizioni da essa poste, ma questo porrà problemi. –       Mentre la Cancelliera Merkel chiede “più Europa”- cioè l’unione bancaria e più stretta integrazione fiscale e politica –       la richiesta del ministro Finanze tedesco Schäuble della revisione dei trattati UE come precondizione all’Unione bancaria apre nuovi dubbi sulla reale volontà della Germania di impegnarsi per il mantenimento dell’euro. La richiesta di revisione dei trattati apre tutta una serie di problemi che porterebbe forti ritardi se […] 0

    UE-GERMANIA-EURO

    RASSEGNA STAMPA MarketWatch          130417 Va indebolendosi l’appoggio della Germania all’euro Darrell Delamaide Tesi: –       Sta svanendo l’impegno della Germania per l’euro, che rimarrà solo alle condizioni da essa poste, ma questo porrà problemi. –       Mentre la Cancelliera Merkel chiede “più Europa”- cioè l’unione bancaria e più stretta integrazione fiscale e politica –       la richiesta del ministro Finanze tedesco Schäuble della revisione dei trattati UE come precondizione all’Unione bancaria apre nuovi dubbi sulla reale volontà della Germania di impegnarsi per il mantenimento dell’euro. La richiesta di revisione dei trattati apre tutta una serie di problemi che porterebbe forti ritardi se […]

    Continue Reading

  • PUBBLICHIAMO IL VOLANTINO DISTRIBUITO ALL’ALFA DI POMIGLIANO Padroni, sindacalisti venduti e politicanti ci hanno abituato a perdere. Il copione è sempre lo stesso. Il padrone dichiara la crisi dell’azienda. Il costo ricade su di noi. I sindacalisti organizzano qualche processione di protesta, poi firmano un accordo di ristrutturazione. Lo stato ci mette qualche soldo per gli “ammortizzatori sociali”. Se la fabbrica chiude, tutti in mezzo alla strada. Se la fabbrica non chiude, una parte di noi va in mezzo alla strada e quelli che rimangono lavorano il doppio per gli stessi soldi. Nel 2009, in una fabbrica storica di Milano, […] 0

    DELLARTEDELLAGUERRA

    PUBBLICHIAMO IL VOLANTINO DISTRIBUITO ALL’ALFA DI POMIGLIANO Padroni, sindacalisti venduti e politicanti ci hanno abituato a perdere. Il copione è sempre lo stesso. Il padrone dichiara la crisi dell’azienda. Il costo ricade su di noi. I sindacalisti organizzano qualche processione di protesta, poi firmano un accordo di ristrutturazione. Lo stato ci mette qualche soldo per gli “ammortizzatori sociali”. Se la fabbrica chiude, tutti in mezzo alla strada. Se la fabbrica non chiude, una parte di noi va in mezzo alla strada e quelli che rimangono lavorano il doppio per gli stessi soldi. Nel 2009, in una fabbrica storica di Milano, […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro le firme per le ultime elezioni di Formigoni a governatore della Lombardia, sono risultate false. Ci son voluti due anni perché il tribunale di Milano accertasse i brogli. Formigoni eletto con i brogli l’aveva fatta franca, anche se poi è stato disarcionato, indagato per altre ladronerie. Se Formigoni non andrà in galera per estorsione e usurpazione del potere, dovrebbero liberare subito, tutti i prigionieri che sono stati costretti a delinquere, non per mantenere il potere in regione Lombardia, ma semplicemente perché schiacciati da una condizione sociale insostenibile. Saluti da un affezionato lettore Facebook Comments 0

    IL LADRONE CELESTE MERITA LA GALERA

    Caro Operai Contro le firme per le ultime elezioni di Formigoni a governatore della Lombardia, sono risultate false. Ci son voluti due anni perché il tribunale di Milano accertasse i brogli. Formigoni eletto con i brogli l’aveva fatta franca, anche se poi è stato disarcionato, indagato per altre ladronerie. Se Formigoni non andrà in galera per estorsione e usurpazione del potere, dovrebbero liberare subito, tutti i prigionieri che sono stati costretti a delinquere, non per mantenere il potere in regione Lombardia, ma semplicemente perché schiacciati da una condizione sociale insostenibile. Saluti da un affezionato lettore Facebook Comments

    Continue Reading

  • Nato a Cosenza il 30 maggio del 1933, Stefano Rodotà è il rampollo di una ricca famiglia. Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università Sapienza. É professore emerito di Diritto civile. Ha insegnato in diverse Univerità estere tra cui l’All Souls College di Oxford, la Stanford School of Law e in Francia presso la Faculté de Droit di Paris 1 Panthéon-Sorbonne. In Italia ha insegnato nelle università di Macerata, Genova e Sapienza – Università di Roma. È presidente del consiglio d’amministrazione dell’International University College di Torino. Carriera politica  Inizia la sua attività politica nel Partito radicale di Mario Pannunzio rifiutando […] 0

    STEFANO RODOTA’ UN VECCHIO POLITICO DELLA 1 REPUBBLICA E’ IL CANDIDATO DEL M5S

    Nato a Cosenza il 30 maggio del 1933, Stefano Rodotà è il rampollo di una ricca famiglia. Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università Sapienza. É professore emerito di Diritto civile. Ha insegnato in diverse Univerità estere tra cui l’All Souls College di Oxford, la Stanford School of Law e in Francia presso la Faculté de Droit di Paris 1 Panthéon-Sorbonne. In Italia ha insegnato nelle università di Macerata, Genova e Sapienza – Università di Roma. È presidente del consiglio d’amministrazione dell’International University College di Torino. Carriera politica  Inizia la sua attività politica nel Partito radicale di Mario Pannunzio rifiutando […]

    Continue Reading

  • Le elezioni del presidente mettono in chiaro che il parlamento dei padroni è un porcaio. Non riescono ad eleggere il loro presidente nonostante gli inciuci segreti e in rete Le prime due votazioni per il nuovo presidente della Repubblica finiscono con altrettante fumate nere. Nessuno ha raggiunto i 672 voti che rappresentano la maggioranza qualificata dei due terzi dell’assemblea. La prima è stata una Waterloo per il Pd: Franco Marini, la figura indicata dai democratici. La seconda è finita con un nulla di fatto perché tutti i partiti maggiori hanno votato scheda bianca. L’unico avversario dell’ex presidente del Senato è stato alla fine Stefano Rodotà, il candidato proposto […] 0

    IL PORCAIO DEL PARLAMENTO DEI PADRONI

    Le elezioni del presidente mettono in chiaro che il parlamento dei padroni è un porcaio. Non riescono ad eleggere il loro presidente nonostante gli inciuci segreti e in rete Le prime due votazioni per il nuovo presidente della Repubblica finiscono con altrettante fumate nere. Nessuno ha raggiunto i 672 voti che rappresentano la maggioranza qualificata dei due terzi dell’assemblea. La prima è stata una Waterloo per il Pd: Franco Marini, la figura indicata dai democratici. La seconda è finita con un nulla di fatto perché tutti i partiti maggiori hanno votato scheda bianca. L’unico avversario dell’ex presidente del Senato è stato alla fine Stefano Rodotà, il candidato proposto […]

    Continue Reading