Archive for Aprile 15th, 2013

  • VENERDI’ 19 APRILE, AL CINEMA ACADEMY ASTRA, VIA MEZZOCANNONE 109, NAPOLI, PROIEZIONE DEL FILM “DELL’ARTEDELLAGUERRA” CON LA PRESENZA DEI REGISTI E DEGLI OPERAI DELL’INNSE La lotta operaia è una guerra, lo è sempre stata. Per quanto la parola guerra vada spesa con attenzione e cura. Il titolo del film parte dalla sua costruzione narrativa: è un manuale che detta regole ben precise che si avvicinano molto alla tecnica militare. Gli operai della Innse parlano molto chiaramente di nemico, di esercito, di difesa del territorio e di strategia: partendo da questo, e ispirandoci al teorico prussiano Carl Von Clausewitz, abbiamo […] 1

    DELL’ARTE DELLA GUERRA. LA LOTTA OPERAIA ALL’INNSE

    VENERDI’ 19 APRILE, AL CINEMA ACADEMY ASTRA, VIA MEZZOCANNONE 109, NAPOLI, PROIEZIONE DEL FILM “DELL’ARTEDELLAGUERRA” CON LA PRESENZA DEI REGISTI E DEGLI OPERAI DELL’INNSE La lotta operaia è una guerra, lo è sempre stata. Per quanto la parola guerra vada spesa con attenzione e cura. Il titolo del film parte dalla sua costruzione narrativa: è un manuale che detta regole ben precise che si avvicinano molto alla tecnica militare. Gli operai della Innse parlano molto chiaramente di nemico, di esercito, di difesa del territorio e di strategia: partendo da questo, e ispirandoci al teorico prussiano Carl Von Clausewitz, abbiamo […]

    Continue Reading

  • Egregio Direttore Non trovano i soldi per rifinanziare la cassa integrazione. Li hanno trovati per le aziende creditrici dello Stato. Li hanno trovati per le banche, i banchieri e i loro intrallazzati. Li trovano ogni giorno per pagare profumatamente quella banda di politicanti parassiti, mestieranti e faccendieri. Hanno tagliato le pensioni, allungato l’età lavorativa, facilitato il licenziamento, per la bella vita dei banchieri, dei padroni, della “casta”e portaborse al seguito. La misura è colma- Saluti da Portici Facebook Comments 1

    LA MISURA E’ COLMA

    Egregio Direttore Non trovano i soldi per rifinanziare la cassa integrazione. Li hanno trovati per le aziende creditrici dello Stato. Li hanno trovati per le banche, i banchieri e i loro intrallazzati. Li trovano ogni giorno per pagare profumatamente quella banda di politicanti parassiti, mestieranti e faccendieri. Hanno tagliato le pensioni, allungato l’età lavorativa, facilitato il licenziamento, per la bella vita dei banchieri, dei padroni, della “casta”e portaborse al seguito. La misura è colma- Saluti da Portici Facebook Comments

    Continue Reading

  • Romano Prodi, dopo il flop del suo esecutivo ‘di lotta e di governo’, nel 2007, e dopo il conseguente oblio, neanche interpellato sui guai dell’Eurozona di cui fu l’ideatore ed il fondatore, ritorna in auge nel listino degli probabili presidenti della Repubblica, con il voto del PD e del M5S. Ma chi è Romano Prodi? Cosa ci racconta il suo curriculum? Iniziamo col dire che non proviene da una ‘famiglia di contadini’, ma, più esattamente, da una famiglia di piccoli proprietari terrieri emiliani, relativamente benestanti visto chei figli poterono studiare presso il prestigioso liceo classico Ariosto di Reggio Emilia […] 0

    PRODI, UN NEMICO DEGLI OPERAI DALLA DC A CANDIDATO PRESIDENTE DEL PD – M5S

    Romano Prodi, dopo il flop del suo esecutivo ‘di lotta e di governo’, nel 2007, e dopo il conseguente oblio, neanche interpellato sui guai dell’Eurozona di cui fu l’ideatore ed il fondatore, ritorna in auge nel listino degli probabili presidenti della Repubblica, con il voto del PD e del M5S. Ma chi è Romano Prodi? Cosa ci racconta il suo curriculum? Iniziamo col dire che non proviene da una ‘famiglia di contadini’, ma, più esattamente, da una famiglia di piccoli proprietari terrieri emiliani, relativamente benestanti visto chei figli poterono studiare presso il prestigioso liceo classico Ariosto di Reggio Emilia […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, anche Fornero è preoccupata. I soldi per la cassa integrazione sono finiti.Se i padroni e i sindacati seguivano la sua legge e licenziavano subito, il problema non c’era. Fornero promette: ” quello che so è che sono pienamente consapevole del problema e che noi, anche se siamo un governo in carica solo per l’ordinaria amministrazione, non rimarremo di certo con le mani in mano. Io posso promettere questo, e lo farò: finché sarò al ministero mi impegnerò al massimo per trovare almeno parte delle risorse necessarie.” E’ sperabile che l’impegno non sia come quello per gli […] 0

    LA SIGNORA DEI LICENZIAMENTI

    Caro Operai Contro, anche Fornero è preoccupata. I soldi per la cassa integrazione sono finiti.Se i padroni e i sindacati seguivano la sua legge e licenziavano subito, il problema non c’era. Fornero promette: ” quello che so è che sono pienamente consapevole del problema e che noi, anche se siamo un governo in carica solo per l’ordinaria amministrazione, non rimarremo di certo con le mani in mano. Io posso promettere questo, e lo farò: finché sarò al ministero mi impegnerò al massimo per trovare almeno parte delle risorse necessarie.” E’ sperabile che l’impegno non sia come quello per gli […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, gli abitanti di  Taranto hanno disertato il referendum inutile sul futuro dell’Ilva: in pochi sono andati a votare  la consultazione non ha ottenuto i numeri necessari per essere ritenuto valida. Non è stato raggiunto il quorum del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto (173mila). Anzi, la percentuale è ben al di sotto delle aspettative degli organizzatori: il 19,52%. Hanno votato 33.774 persone su 173.061 aventi diritto. Ai tarantini sono state poste due domande: sì o no alla chiusura totale dello stabilimento; si o no alla chiusura parziale dell’Ilva cioè della sola area a […] 0

    TARANTO, IL FALLIMENTO DEL REFERENDUM INUTILE

    Redazione di Operai Contro, gli abitanti di  Taranto hanno disertato il referendum inutile sul futuro dell’Ilva: in pochi sono andati a votare  la consultazione non ha ottenuto i numeri necessari per essere ritenuto valida. Non è stato raggiunto il quorum del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto (173mila). Anzi, la percentuale è ben al di sotto delle aspettative degli organizzatori: il 19,52%. Hanno votato 33.774 persone su 173.061 aventi diritto. Ai tarantini sono state poste due domande: sì o no alla chiusura totale dello stabilimento; si o no alla chiusura parziale dell’Ilva cioè della sola area a […]

    Continue Reading