Archive for Settembre 20th, 2015

  • Redazione, La cosiddetta “sinistra” italiana è a corto di persone per tirare il carretto. Negli ultimi venti anni si è bruciata un sacco di personaggi, dal “mortadella”, il mitico Prodi, al venditore di pentole… Renzi. Mano in tasca da bulletto, oppure mano nella mano a toccare l’anello nuziale, simbolo della famiglia per bene. Con una nuova marcia su Roma, si è fatto incoronare “Presidente del Consiglio” da un Presidente della Repubblica che ha sfidato le leggi naturali ed è rimasto in vita per portare a compimento l’ultimo suo volere. Renzi, per sparare le sue minchiate si serve di immagini […] 0

    Il venditore di pentole.

    Redazione, La cosiddetta “sinistra” italiana è a corto di persone per tirare il carretto. Negli ultimi venti anni si è bruciata un sacco di personaggi, dal “mortadella”, il mitico Prodi, al venditore di pentole… Renzi. Mano in tasca da bulletto, oppure mano nella mano a toccare l’anello nuziale, simbolo della famiglia per bene. Con una nuova marcia su Roma, si è fatto incoronare “Presidente del Consiglio” da un Presidente della Repubblica che ha sfidato le leggi naturali ed è rimasto in vita per portare a compimento l’ultimo suo volere. Renzi, per sparare le sue minchiate si serve di immagini […]

    Continue Reading

  • Redazione di operai contro, la presenza in Siria dell’esercito russo è ormai un dato acquisito dalle altre potenze europee e dagli Usa. Il salto di qualità nella guerra in Medio Oriente lo sta imponendo la Russia con il rafforzamento militare di tutta la fascia costiera del Mediterraneo che va dalla sua storica e strategica base del porto di Tartus fino all’aeroporto di Latakia. Il quale è da due settimane rifornito quotidianamente con un ponte aereo di carri armati T-90 e artiglieria, sistemi missilistici e antiaereo. La determinazione della Russia ha riacceso la voglia di bombardare di Usa e Francia, […] 0

    La guerra al Califfato pone le basi alla III guerra mondiale

    Redazione di operai contro, la presenza in Siria dell’esercito russo è ormai un dato acquisito dalle altre potenze europee e dagli Usa. Il salto di qualità nella guerra in Medio Oriente lo sta imponendo la Russia con il rafforzamento militare di tutta la fascia costiera del Mediterraneo che va dalla sua storica e strategica base del porto di Tartus fino all’aeroporto di Latakia. Il quale è da due settimane rifornito quotidianamente con un ponte aereo di carri armati T-90 e artiglieria, sistemi missilistici e antiaereo. La determinazione della Russia ha riacceso la voglia di bombardare di Usa e Francia, […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il gangster Renzi si vanta che i padroni italiani non costruiscono muri. E’ semplicemente un imbroglione, ma si fa imbrogliare chi vuole essere imbrogliato. Al sud, il muro di Renzi è il mare Mediterraneo E’ talmente pieno di cadaveri di emigranti che tra poco si potrà passeggiare dalla Sicilia alla Libia. Al nord- ovest ai confini con la Francia, dalle parti di Ventimiglia, il muro del gangster è la polizia. Si tratta semplicemente di far sloggiare un centinaio di emigranti che vogliono passare in Francia Renzi ha provato a farli sloggiare con la polizia, ora […] 0

    I MURI DEL GANGSTER RENZI

    Redazione di Operai Contro, il gangster Renzi si vanta che i padroni italiani non costruiscono muri. E’ semplicemente un imbroglione, ma si fa imbrogliare chi vuole essere imbrogliato. Al sud, il muro di Renzi è il mare Mediterraneo E’ talmente pieno di cadaveri di emigranti che tra poco si potrà passeggiare dalla Sicilia alla Libia. Al nord- ovest ai confini con la Francia, dalle parti di Ventimiglia, il muro del gangster è la polizia. Si tratta semplicemente di far sloggiare un centinaio di emigranti che vogliono passare in Francia Renzi ha provato a farli sloggiare con la polizia, ora […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, per la terza volta nel 2015 il popolo greco è stato chiamato a votare. Più del 50% non ha votato I padroni greci continuano la farsa della democrazia parlamentare Qualunque partito borghese sarà chiamato a formare un nuovo governo, sarà un partito di delinquenti al servizio dei padroni greci. In Grecia l’unico cambiamento lo si ottiene con le armi Un operaio greco Facebook Comments 0

    ELEZIONI IN GRECIA: PIU’ DEL 50% NON HA VOTATO

    Redazione di Operai Contro, per la terza volta nel 2015 il popolo greco è stato chiamato a votare. Più del 50% non ha votato I padroni greci continuano la farsa della democrazia parlamentare Qualunque partito borghese sarà chiamato a formare un nuovo governo, sarà un partito di delinquenti al servizio dei padroni greci. In Grecia l’unico cambiamento lo si ottiene con le armi Un operaio greco Facebook Comments

    Continue Reading

  • dal fatto quotidiano Per i  lavoratori sottopagati non si può, è una vergogna agli occhi del mondo. Per gli amici con la Ferrari sì. La vicenda del Colosseo chiuso per tre ore finisce con un decreto del premier Matteo Renzi che precetta i dipendenti dei musei equiparando i beni culturali ai servizi essenziali. Mai più scene come quelle di Roma ePompei. Bene. Se solo questa scelta non poggiasse sullamistificazione delle assemblee selvagge che erano invece regolarmente autorizzate. E se il premier che bolla come “nemico pubblico” chi prende mille euro al mese per aver chiuso per tre ore l’anfiteatro romano non fosse […] 0

    Colosseo, quando Renzi chiuse Ponte Vecchio ai turisti per il galà della Ferrari

    dal fatto quotidiano Per i  lavoratori sottopagati non si può, è una vergogna agli occhi del mondo. Per gli amici con la Ferrari sì. La vicenda del Colosseo chiuso per tre ore finisce con un decreto del premier Matteo Renzi che precetta i dipendenti dei musei equiparando i beni culturali ai servizi essenziali. Mai più scene come quelle di Roma ePompei. Bene. Se solo questa scelta non poggiasse sullamistificazione delle assemblee selvagge che erano invece regolarmente autorizzate. E se il premier che bolla come “nemico pubblico” chi prende mille euro al mese per aver chiuso per tre ore l’anfiteatro romano non fosse […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Il piagnisteo sui diritti dei turisti aveva un unico scopo eliminare il diritto di sciopero. E così dopo il varo del decreto che equipara i musei ai servizi pubblici essenziali, il premier Renzi sull’Unità ribadisce: ‘Mai più la cultura ostaggio dei sindacalisti‘. Oggi i musei devono essere garantiti contro gli scioperi. Domani i profitti dei padroni dovranno essere garantiti contro gli scioperi degli operai. Lo sciopero è un’arma degli operai per la lotta contro i padroni I sindacati hanno annacquato questa arma. Il governo la vuole proibire I politici dei padroni devono proteggere i profitti […] 0

    LO SCIOPERO

    Redazione di Operai Contro, Il piagnisteo sui diritti dei turisti aveva un unico scopo eliminare il diritto di sciopero. E così dopo il varo del decreto che equipara i musei ai servizi pubblici essenziali, il premier Renzi sull’Unità ribadisce: ‘Mai più la cultura ostaggio dei sindacalisti‘. Oggi i musei devono essere garantiti contro gli scioperi. Domani i profitti dei padroni dovranno essere garantiti contro gli scioperi degli operai. Lo sciopero è un’arma degli operai per la lotta contro i padroni I sindacati hanno annacquato questa arma. Il governo la vuole proibire I politici dei padroni devono proteggere i profitti […]

    Continue Reading

  • PER IL DIBATTITO   La Grecia è scomparsa, o quasi, dalle prime pagine. È prevedibile ci tornerà dopo le elezioni del 20 settembre. Ma non saranno certo le imminenti elezioni, quale che sia il loro esito, a risolvere la «questione greca». Le sue coordinate, infatti, sono extra-parlamentari. Attengono alla crisi del capitalismo e ai rapporti di forza tra le classi. E sono già chiare da anni. Le vicende del referendum e del dopo-referendum, con la resa di Tsipras e di Syriza ai diktat della Troika e dei capitalisti greci, le hanno ulteriormente confermate. Perché dicono che nonostante la catena […] 0

    La resa di Syriza non chiude la «questione greca»

    PER IL DIBATTITO   La Grecia è scomparsa, o quasi, dalle prime pagine. È prevedibile ci tornerà dopo le elezioni del 20 settembre. Ma non saranno certo le imminenti elezioni, quale che sia il loro esito, a risolvere la «questione greca». Le sue coordinate, infatti, sono extra-parlamentari. Attengono alla crisi del capitalismo e ai rapporti di forza tra le classi. E sono già chiare da anni. Le vicende del referendum e del dopo-referendum, con la resa di Tsipras e di Syriza ai diktat della Troika e dei capitalisti greci, le hanno ulteriormente confermate. Perché dicono che nonostante la catena […]

    Continue Reading

  • RIPUBBLICHIAMO LO SCRITTO DI E. A. Prima questione Per arrivare a concepire la necessità e la possibilità di un partito operaio indipendente occorre innanzitutto riconoscersi come classe sociale particolare. Siamo operai e cioè produttori diretti della ricchezza materiale, noi oggettiviamo il nostro lavoro in un prodotto materiale. Ma questa caratteristica appartiene ai produttori diretti dall’inizio della storia dell’umanità. Noi operai moderni ci distinguiamo da quegli altri produttori per il fatto che produciamo la ricchezza materiale in un rapporto sociale particolare: quello del lavoro salariato. Siamo i diretti agenti della produzione materiale sotto il comando del padrone e possiamo produrre […] 0

    QUESTIONI DI PARTITO

    RIPUBBLICHIAMO LO SCRITTO DI E. A. Prima questione Per arrivare a concepire la necessità e la possibilità di un partito operaio indipendente occorre innanzitutto riconoscersi come classe sociale particolare. Siamo operai e cioè produttori diretti della ricchezza materiale, noi oggettiviamo il nostro lavoro in un prodotto materiale. Ma questa caratteristica appartiene ai produttori diretti dall’inizio della storia dell’umanità. Noi operai moderni ci distinguiamo da quegli altri produttori per il fatto che produciamo la ricchezza materiale in un rapporto sociale particolare: quello del lavoro salariato. Siamo i diretti agenti della produzione materiale sotto il comando del padrone e possiamo produrre […]

    Continue Reading

  • Redazione, molto spesso i centri di accoglienza, sono i bancomat dei politici e dei mafiosi. Oltre il CARA di Mineo tanti sono i centri di accoglienza da chiudere se si vuole accogliere veramente gli immigrati Vi invio un articolo Un lettore Evidentemente Salvatore Buzzi è stato preso alla lettera dai due indagati della Procura di Cosenza che ha sequestrato il centro di accoglienza in contrada Spineto, nel comune di Aprigliano, salito agli onori della cronaca quest’estate dopo le proteste dei profughi che lamentavano le condizioni disumane in cui sono costretti a vivere. La squadra mobile ha applicato i sigilli […] 0

    I CENTRI DI ACCOGLIENZA

    Redazione, molto spesso i centri di accoglienza, sono i bancomat dei politici e dei mafiosi. Oltre il CARA di Mineo tanti sono i centri di accoglienza da chiudere se si vuole accogliere veramente gli immigrati Vi invio un articolo Un lettore Evidentemente Salvatore Buzzi è stato preso alla lettera dai due indagati della Procura di Cosenza che ha sequestrato il centro di accoglienza in contrada Spineto, nel comune di Aprigliano, salito agli onori della cronaca quest’estate dopo le proteste dei profughi che lamentavano le condizioni disumane in cui sono costretti a vivere. La squadra mobile ha applicato i sigilli […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, L’Ungheria ha completato la barriera di filo spinato di 41 km alla frontiera con la Croazia e richiama riservisti per “gestire la situazione dell’immigrazione di massa”. ” Gli altri 330 km del confine con la Croazia sono segnati dal fiume Drava, difficilmente valicabile dai migranti.“ L’Italia ha un muro segnato dal Mediterraneo. Nel 2015 vi sono stati più di 3000 migranti morti Tutti i paesi Europei innalzano muri e chiamano i soldati a controllare i confini Durante il nazismo molti europei, di fronte ai campi di sterminio, si difesero adducendo la scusa che non sapevano. […] 0

    Migranti: Ungheria completa muro.

    Redazione di Operai Contro, L’Ungheria ha completato la barriera di filo spinato di 41 km alla frontiera con la Croazia e richiama riservisti per “gestire la situazione dell’immigrazione di massa”. ” Gli altri 330 km del confine con la Croazia sono segnati dal fiume Drava, difficilmente valicabile dai migranti.“ L’Italia ha un muro segnato dal Mediterraneo. Nel 2015 vi sono stati più di 3000 migranti morti Tutti i paesi Europei innalzano muri e chiamano i soldati a controllare i confini Durante il nazismo molti europei, di fronte ai campi di sterminio, si difesero adducendo la scusa che non sapevano. […]

    Continue Reading