Asia Centrale, Caspio, Energia, Cina

RASSEGNA STAMPA Asia Centrale, Caspio, Energia, Cina Wsj          130418 Un buco da $30 MD nel Mar Caspio? JUSTIN SCHECK + India Punchline           130417 La Cina sorpassa l’India nell’affare Kashagan M K Bhadrakumar ————————————- Nel progetto di Kashagan si inserisce la Cina: –       Per imporsi in Centro Asia, Pechino conduce negoziati bilaterali, non ha più bisogno della Shanghai Cooperation Organisation. –       Negoziando con il Kazakistan, é riuscita a realizzare l’obiettivo che si era posta nel 2003: prendersi quote del progetto petrolifero di Kashagan, offrendo un prezzo più alto dell’India. ————————- –       L’ormai decennale progetto per l’estrazione di petrolio dagli enormi […]
Condividi:

RASSEGNA STAMPA

Asia Centrale, Caspio, Energia, Cina

Wsj          130418

Un buco da $30 MD nel Mar Caspio?

JUSTIN SCHECK

+ India Punchline           130417

La Cina sorpassa l’India nell’affare Kashagan

M K Bhadrakumar

————————————-

Nel progetto di Kashagan si inserisce la Cina:

       Per imporsi in Centro Asia, Pechino conduce negoziati bilaterali, non ha più bisogno della Shanghai Cooperation Organisation.

       Negoziando con il Kazakistan, é riuscita a realizzare l’obiettivo che si era posta nel 2003: prendersi quote del progetto petrolifero di Kashagan, offrendo un prezzo più alto dell’India.

————————-

       L’ormai decennale progetto per l’estrazione di petrolio dagli enormi giacimenti kazaki al largo di Kashagan, nel Caspio, è finora costato oltre $30MD.

       Il giacimento conterrebbe oltre 10MD di barili di petrolio (incrementabili fino a 13 MD di barili) ma presenta difficoltà: è misto con gas solfidrico, si trova a circa 3650 metri sotto il livello del mare, che gela per diversi mesi l’anno.

       I gruppi che attualmente fanno parte del consorzio North Caspian Operating Company BV (NCOC) sono Exxon Mobil, Eni, Royal Dutch Shell.

       Il gruppo statale kazako, KazMunaiGaz (KMG), possiede circa il 20% di Kashagan.

Eni partecipa con il 16,81% al progetto complessivo North Caspian SEA PSA, in cui rientra anche il giacimento gigante di Kashagan.

o   Dal 2003 i gruppi petroliferi, anche kazaki, hanno pagato alla joint venture creata nel 2003 da Saipem (43% di Eni) con un gruppo in cui aveva quote un ex viceministro kazako all’energia, Kapparov (dallo scorso anno ministro per l’ambiente) oltre $100mn. per progetti vari.

o   Il corso indagini del  governo italiano su eventuali tangenti pagate da Eni al Kazakistan.

       L’accordo di condivisione di produzione siglato nel 1997 dai vari gruppi petroliferi  con il governo kazako termina nel 2014, senza una sua proroga, che il governo kazako non intende concedere, i gruppi rischiano di non intascare i profitti previsti ad inizio progetto.

       Ai prezzi attuali di $90/barile, i 370 000 b/g iniziali (che dovrebbero triplicare) darebbero incassi per $3 330 000/giorno.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.