Giornale, Numero 291 del 6 aprile 2013

LA MAGISTRATURA DELL’AQUILA RICERCA IL SIGNOR “TERREMOTO”

Dal 6 Aprile 2009 la città dell’Aquila è un ammasso di macerie. L’Aquila è l’immagine del capitalismo in Italia. Tutti i partiti borghesi, i padroni e tecnici, si sono divertiti. […]

Dal 6 Aprile 2009 la città dell’Aquila è un ammasso di macerie.

L’Aquila è l’immagine del capitalismo in Italia.

Tutti i partiti borghesi, i padroni e tecnici, si sono divertiti.

Alla vigilia delle commemorazioni per il tragico evento che ha provocato la morte di 309 persone, all’Aquila il quarto anniversario del terremoto e’ vissuto in un clima di grande dolore, di drammatico ricordo, ma anche di rabbia: anzi, per molti cittadini ed anche per alcune istituzioni, la ricorrenza e’ il prologo alla protesta, dura, anche con azioni clamorose.

Il puttaniere Berlusconi realizzo il suo macabro album fotografico

Il Pd promise e abbraccio lo stato.

309 morti grazie ai delinquenti della commissione tecnica dei grandi rischi.

Nessuno è in galera

La magistratura indaga e ingrassa alla ricerca del signor terremoto

Lascia una risposta