Ucciso per il profitto a 37 anni

Caro Operai Contro, un’altra vittima dell’interminabile strage per il profitto dei padroni. Ti mando la notizia presa da Repubblica . Ciao. Torino 14 settembre. Operaio muore schiacciato da una sabbiatrice. Alfio Randazzo operaio di Ciriè lavorava alla Silea di Torino, aveva 37 anni. Alfio è rimasto schiacciato da una sabbiatrice, stava lavorando con il macchinario quando un ingranaggio lo ha preso e trascinato fino alla vita sotto il pesante attrezzo. L’operaio ha iniziato a urlare e il titolare della fabbrica ha cercato di aiutarlo. È salito sul muletto e ha cercato di sollevare la sabbiatrice. È riuscito a liberarlo […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

un’altra vittima dell’interminabile strage per il profitto dei padroni.

Ti mando la notizia presa da Repubblica

. Ciao.

Torino 14 settembre. Operaio muore schiacciato da una sabbiatrice.

Alfio Randazzo operaio di Ciriè lavorava alla Silea di Torino, aveva 37 anni. Alfio è rimasto schiacciato da una sabbiatrice, stava lavorando con il macchinario quando un ingranaggio lo ha preso e trascinato fino alla vita sotto il pesante attrezzo. L’operaio ha iniziato a urlare e il titolare della fabbrica ha cercato di aiutarlo. È salito sul muletto e ha cercato di sollevare la sabbiatrice. È riuscito a liberarlo ma le lesioni provocate dall’ingranaggio erano troppo gravi. L’uomo è morto dopo i prolungati tentativi di rianimazione messi in atto dai soccorritori del 118. I tecnici dello Spresal dell’Asl To1 hanno eseguito un sopralluogo nel capannone insieme ai carabinieri. Tutti gli atti dell’incidente arriveranno sulla scrivania del pm Raffaele Guariniello.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.