Archive for Giugno, 2012

  • Manifattura di cotone New.co.cot- Perosa Argentina. Ottenuta l’ultima cassa integrazione fino a dicembre 2012 le 186 operaie/i fanno un bilancio del presidio iniziato il 1 maggio. Dopo 50 giorni di presenza in valle le prime riflessioni sono: 1) Le operaie della New Cocot sono uscite dal silenzio. 2) Altre realta’ di fabbrica e lavorative finalmente dopo anni si sono parlate. 3) Anche con il territorio si e’ aperto un dialogo. 4) Rilevante e’ la lettera che Vescovo e Concistoro Valdese hanno inviato alla Fornero, nella quale si ribadisce la necessita’ di [k]redistribuire il lavoro esistente[k]. 5) Le istituzioni locali […] 0

    Manifattura di cotone New.co.cot- Perosa Argentina

    Manifattura di cotone New.co.cot- Perosa Argentina. Ottenuta l’ultima cassa integrazione fino a dicembre 2012 le 186 operaie/i fanno un bilancio del presidio iniziato il 1 maggio. Dopo 50 giorni di presenza in valle le prime riflessioni sono: 1) Le operaie della New Cocot sono uscite dal silenzio. 2) Altre realta’ di fabbrica e lavorative finalmente dopo anni si sono parlate. 3) Anche con il territorio si e’ aperto un dialogo. 4) Rilevante e’ la lettera che Vescovo e Concistoro Valdese hanno inviato alla Fornero, nella quale si ribadisce la necessita’ di [k]redistribuire il lavoro esistente[k]. 5) Le istituzioni locali […]

    Continue Reading

  • Le RSU Fiom Fomas Cernusco L.ne-Osnago-Lallio e RSU USB Fomas Osnago ribadiscono la loro assoluta contrarieta’ alla riforma del lavoro varata da questo governo e questa maggioranza parlamentare, che priva i lavoratori di diritti fondamentali conquistati dai nostri padri, art.18 e ammortizzatori sociali, aumentando la precarieta’ e l’incertezza del futuro di tutti noi. RSU FIOM FOMAS CERNUSCO L.NE RSU FIOM OSNAGO RSU DIOM LALLIO RSU USB FOMAS OSNAGO Facebook Comments 0

    COMUNICATO

    Le RSU Fiom Fomas Cernusco L.ne-Osnago-Lallio e RSU USB Fomas Osnago ribadiscono la loro assoluta contrarieta’ alla riforma del lavoro varata da questo governo e questa maggioranza parlamentare, che priva i lavoratori di diritti fondamentali conquistati dai nostri padri, art.18 e ammortizzatori sociali, aumentando la precarieta’ e l’incertezza del futuro di tutti noi. RSU FIOM FOMAS CERNUSCO L.NE RSU FIOM OSNAGO RSU DIOM LALLIO RSU USB FOMAS OSNAGO Facebook Comments

    Continue Reading

  • CHE FINE FANNO I CAPITALI [k]ILLECITI[k]? Cara redazione, in Italia e in Europa c[k]e’ una corsa frenetica per recuperare risorse finanziare da destinare alle banche e ai singoli Stati per superare la crisi. Ognuno ha la sua proposta: i Paesi piu’ indebitati vorrebbero una condivisione europea dei debiti pubblici dei singoli Stati, attraverso l[k]emissione di [k] Euro Bond[k], cioe’ fondi sovrani europei per reperire capitali da altri Stati (in pratica dalla Cina e altre Nazioni emergenti), con la creazione di un debito estero europeo; la Germania, invece, vorrebbe coinvolgere la Banca Mondiale per finanziare i singoli Stati, imponendo, pero’, […] 0

    CHE FINE FANNO I CAPITALI ILLECITI?

    CHE FINE FANNO I CAPITALI [k]ILLECITI[k]? Cara redazione, in Italia e in Europa c[k]e’ una corsa frenetica per recuperare risorse finanziare da destinare alle banche e ai singoli Stati per superare la crisi. Ognuno ha la sua proposta: i Paesi piu’ indebitati vorrebbero una condivisione europea dei debiti pubblici dei singoli Stati, attraverso l[k]emissione di [k] Euro Bond[k], cioe’ fondi sovrani europei per reperire capitali da altri Stati (in pratica dalla Cina e altre Nazioni emergenti), con la creazione di un debito estero europeo; la Germania, invece, vorrebbe coinvolgere la Banca Mondiale per finanziare i singoli Stati, imponendo, pero’, […]

    Continue Reading

  • Facebook Comments 0

    NON DOBBIAMO ABBASSARE LA TESTA

    Facebook Comments

    Continue Reading

  • Il 2013 si chiudera’ con un milione e 482mila posti di lavoro in meno dal 2008, inizio crisi (in termini di unita’ di lai questaavoro equivalenti a tempo pieno):era -1 milione e 276mila a inizio 2012. La disoccupazione salira’ al 10,9% a fine 2012 e tocchera’ il record del 12,4% nel quarto trimestre 2013 (13,5% con la Cig). Operai questa e’ la realta’ che dovremmo dimenticare con una partita di calcio. Operai, la legge sul licenziamento facile e’ passata. Operai tocca a noi scendere in campo contro i nostri padroni Facebook Comments 0

    CRISI, L’ITALIA COME IN GUERRA

    Il 2013 si chiudera’ con un milione e 482mila posti di lavoro in meno dal 2008, inizio crisi (in termini di unita’ di lai questaavoro equivalenti a tempo pieno):era -1 milione e 276mila a inizio 2012. La disoccupazione salira’ al 10,9% a fine 2012 e tocchera’ il record del 12,4% nel quarto trimestre 2013 (13,5% con la Cig). Operai questa e’ la realta’ che dovremmo dimenticare con una partita di calcio. Operai, la legge sul licenziamento facile e’ passata. Operai tocca a noi scendere in campo contro i nostri padroni Facebook Comments

    Continue Reading

  • Il piano industriale di Mps prevede la “completa razionalizzazione dell’assetto del gruppo con incorporazione delle controllate e chiusura di 400 filiali” entro il 2015. Lo si legge in una nota diffusa da Rocca Salimbeni. La chiusura delle 400 filiali fa parte di un programma di riduzione di costi e di ricerca di efficienza da attuare, scrive la banca, “in un percorso socialmente sostenibile”. Nell’arco del piano e’ prevista una riduzione di 4.600 posti di lavoro come conseguenza della cessione di asset (1.200 dipendenti), di razionalizzazione del gruppo e di esternalizzazione delle attivita’ di back-office (2.300 dipendenti), oltre ai processi […] 0

    MONTE DEI PASCHI DI SIENA , 4600 LICENZIAMENTI

    Il piano industriale di Mps prevede la “completa razionalizzazione dell’assetto del gruppo con incorporazione delle controllate e chiusura di 400 filiali” entro il 2015. Lo si legge in una nota diffusa da Rocca Salimbeni. La chiusura delle 400 filiali fa parte di un programma di riduzione di costi e di ricerca di efficienza da attuare, scrive la banca, “in un percorso socialmente sostenibile”. Nell’arco del piano e’ prevista una riduzione di 4.600 posti di lavoro come conseguenza della cessione di asset (1.200 dipendenti), di razionalizzazione del gruppo e di esternalizzazione delle attivita’ di back-office (2.300 dipendenti), oltre ai processi […]

    Continue Reading

  • MOLTENO – Uno dopo l’altro gli operai della Thule di Molteno hanno lasciato la linea di montaggio che produce catene (per le gomme delle auto e per il settore industriale) e hanno varcato il cancello dello stabilimento: erano in sciopero. Le maestranze del primo turno hanno incrociato le braccia per un’ora contro i licenziamenti. [k]Due nostri colleghi, un quadro di 52 anni e una addetta al centralino di 40 anni hanno ricevuto la lettera di licenziamento giovedi scorso – spiega Paola Mazzoleni, rsu – Licenziati, in tronco, a partire dal giorno successivo. Adesso in fabbrica c’e’ molta paura perche’, […] 0

    MOLTENO,OPERAI THULE IN SCIOPERO

    MOLTENO – Uno dopo l’altro gli operai della Thule di Molteno hanno lasciato la linea di montaggio che produce catene (per le gomme delle auto e per il settore industriale) e hanno varcato il cancello dello stabilimento: erano in sciopero. Le maestranze del primo turno hanno incrociato le braccia per un’ora contro i licenziamenti. [k]Due nostri colleghi, un quadro di 52 anni e una addetta al centralino di 40 anni hanno ricevuto la lettera di licenziamento giovedi scorso – spiega Paola Mazzoleni, rsu – Licenziati, in tronco, a partire dal giorno successivo. Adesso in fabbrica c’e’ molta paura perche’, […]

    Continue Reading

  • A Basiano sui cancelli Egregio Direttore Da oggi gli operai licenziati dalla coop Alma a Basiano, tornano davanti ai cancelli, cercando di sensibilizzare gli operai della coop Bergamasca, ad unirsi alle loro rivendicazioni, invece di farsi strumentalizzare dai negrieri padroni delle coop, che hanno scatenato gli scontri con la polizia due settimane fa. Al centro delle richieste, il rispetto contrattuale (art. 42 bis, comma 3 bis del CCNL Trasporti merci e logistica) che prevede in cambio di appalto, l’obbligo di [k] rilevare tutti gli operai impiegati presso l’appalto stesso prima del cambio[k]. Un punto questo, che i negrieri in […] 0

    A BASIANO SUI CANCELLI

    A Basiano sui cancelli Egregio Direttore Da oggi gli operai licenziati dalla coop Alma a Basiano, tornano davanti ai cancelli, cercando di sensibilizzare gli operai della coop Bergamasca, ad unirsi alle loro rivendicazioni, invece di farsi strumentalizzare dai negrieri padroni delle coop, che hanno scatenato gli scontri con la polizia due settimane fa. Al centro delle richieste, il rispetto contrattuale (art. 42 bis, comma 3 bis del CCNL Trasporti merci e logistica) che prevede in cambio di appalto, l’obbligo di [k] rilevare tutti gli operai impiegati presso l’appalto stesso prima del cambio[k]. Un punto questo, che i negrieri in […]

    Continue Reading

  • Sono stati raccolti oltre 2 milioni e mezzo di euro al concertone di Bologna per i terremotati. Agli operai morti nei capannoni costruiti con lo sputo, non andra’ un euro. Ai terremotati che vivono nelle tende non andra’ un euro. I due milioni e mezzo di euro andranno alle banche. Le banche ringraziano Facebook Comments 0

    IL CONCERTONE DI BOLOGNA

    Sono stati raccolti oltre 2 milioni e mezzo di euro al concertone di Bologna per i terremotati. Agli operai morti nei capannoni costruiti con lo sputo, non andra’ un euro. Ai terremotati che vivono nelle tende non andra’ un euro. I due milioni e mezzo di euro andranno alle banche. Le banche ringraziano Facebook Comments

    Continue Reading

  • Le borse sempre nella merda e lo spread sempre piu’ in alto. La crisi economica del capitalismo non si lascia impressionare dalle parole. Operai, possono raccontare tutte le chiacchiere che vogliono. Operai, i politici, i tecnici, sono dei delinquenti al servizio dei padroni. Operai, prima la nostra rivoluzione li spazzera’ via e meglio sara’ Facebook Comments 0

    LA CRISI SE NE FOTTE DELL’EUROSUMMIT

    Le borse sempre nella merda e lo spread sempre piu’ in alto. La crisi economica del capitalismo non si lascia impressionare dalle parole. Operai, possono raccontare tutte le chiacchiere che vogliono. Operai, i politici, i tecnici, sono dei delinquenti al servizio dei padroni. Operai, prima la nostra rivoluzione li spazzera’ via e meglio sara’ Facebook Comments

    Continue Reading