Renzi è a piede libero e non risulta indagato

Redazione di Operai Contro, l’associazione a delinquere ramificata nel  sistema bancario, offre ogni giorno un campione del modus operandi. Ieri è toccato a Veneto Banca. Renzi e Padoan per conto del governo dei padroni, hanno finora sostenuto e finanziato le banche, e mentre si prodigano in rassicurazioni, ancora regalano ai padroni e alle banche stesse, i risparmi dei correntisti, dei risparmiatori comuni, e i denari tagliati alla sanità e più in generale alla “cosa pubblica”. Renzi nonostante il suo aperto e dichiarato sostegno alle banche, è ancora a piede libero e non risulta indagato. Saluti sempre più schifati   […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

l’associazione a delinquere ramificata nel  sistema bancario, offre ogni giorno un campione del modus operandi. Ieri è toccato a Veneto Banca.

Renzi e Padoan per conto del governo dei padroni, hanno finora sostenuto e finanziato le banche, e mentre si prodigano in rassicurazioni, ancora regalano ai padroni e alle banche stesse, i risparmi dei correntisti, dei risparmiatori comuni, e i denari tagliati alla sanità e più in generale alla “cosa pubblica”.

Renzi nonostante il suo aperto e dichiarato sostegno alle banche, è ancora a piede libero e non risulta indagato.

Saluti sempre più schifati

 

Articolo del Mattino di Padova

Veneto Banca: Consoli ai domiciliari. Sequestrati 45 milioni, 14 indagati. C’è anche l’ex presidente Favotto

All’alba del 2 agosto la Gdf di Venezia ha eseguito un’ordinanza del Gip arrestando Vincenzo Consoli per ostacolo della vigilanza e aggiotaggio. Sotto accusa le operazioni baciate e il danno al patrimonio dell’istituto. Per la Procura fu “operazione fraudolenta”.

VENEZIA. Nelle prime ore di martedì 2 agosto i militari della Guardia di Finanza, Nucleo Speciale di Polizia Valutaria e al Nucleo di Polizia Tributaria di Venezia, hanno arrestato Vincenzo Consoli, ex amministratore delegato di Veneto Banca. Le fiamme gialle hanno proceduto all’esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Roma, disponendo gli arresti domiciliari del manager della Popolare di Montebelluna, per i reati di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle Autorità pubbliche di vigilanza ed aggiotaggio.

Ascesa e declino del ragioniere di Matera

Per 27 anni manager della Popolare di Montebelluna che contribuì a rendere grande banca. Poi la discesa a direttore generale su richiesta di “discontinuità”, le dimissioni un anno fa. Ora l’arresto.

 

Le Fiamme Gialle hanno anche eseguito un sequestro che il pubblico ministero aveva disposto in via di urgenza per 45,425 milioni di euro e che “ha consentito di apprendere, in pregiudizio dello stesso Consoli, un immobile il cui valore è stimato in 1,8 milioni di euro, nonché liquidità e titoli.

Tutti gli indagati. Sono state eseguite perquisizioni domiciliari nei riguardi di 14 indagati. Nel fascicolo di oltre 150 pagine del Tribunale di Roma, tra i nomi spunta adesso anche l’ex presidente dell’istituto l’economista dell’Università di Padova Francesco Favotto, dimissionario dalla banca il 29 ottobre 2015. Con lui anche Flavio Marcolin, responsabile degli Affari societari e legali da marzo 2014, Stefano Bortolo originario di Montebelluna e responsabile della direzione centrale amministrazione da novembre 2008 fino al 2014, Pietro D’Aguì indicato come “formale acquirente delle obbligazioni bond Tier 1 emesse da Veneto Banca”. D’Aguì è stato amministratore delegato e socio storico di Bim, nonchè capofila della cordata che aveva provato pochi mesi fa a ricomprarsi la banca intermobiliare torinese. Poi arrivò lo stop della Bce.

 

VENETO BANCA – LA MAPPA DELLE DENUNCE.

A elenco della Procura anche Gianclaudio Giovannone, torinese e titolare della Mava anch’essa acquirente delle obbligazioni che ha comprato D’Aguì. Anche Giovannone sedeva al salotto buono torinese in qualità di socio Bim. Nelle carte ricompare anche il nome dell’ex presidente di Veneto banca, Flavio Trinca che ha preceduto l’era Favotto, e che già appariva tra gli indagati con Consoli da febbraio 2015. Mosé Fagiani, bergamasco, ex condirettore di Consoli, Massimo Lembo di Verona, già responsabile della compliance ma che l’ad Cristiano Carrus ha messo responsabile delle Politiche del Lavoro. Renato Merlo di Montebelluna, che di Veneto banca è stato direttore delle banche estere e tutti gli ex sindaci Diego Xausa e Michele Stiz, Marco Pezzetta, Martino Mazzocato e Roberto D’Imperio.

Veneto Banca, ecco la Top 100 degli azionisti rimasti bruciati

Chi ha scommesso e perso su Montebelluna: da Berlusconi a Stefanel, da Marchi a Zoppas

Sotto accusa le baciate. “L’attività di polizia giudiziaria deriva da un’articolata indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Roma e delegata al Nucleo Speciale di Polizia Valutaria e al Nucleo di Polizia Tributaria di Venezia, grazie alla quale è stata fatta luce su plurime condotte di ostacolo perpetrate in danno di Bankitalia e Consob” aggiungono le autorità.

In particolare sono contestate una serie di operazioni (le cosiddette baciate) in virtù delle quali era la stessa banca a finanziare importanti clienti perché gli stessi acquistassero azioni del medesimo istituto di credito. Il significato economico reale di queste operazioni – celate sotto una veste apparentemente lineare – è chiaro: il cliente “finanziato” deteneva titoli di Veneto Banca per conto della Banca, spiega la Gdf.

L’inganno a risparmiatori e azionisti. “Ciò sarebbe avvenuto anche mediante l’“arruolamento” di compiacenti investitori, spiegano le Fiamme Gialle, disponibili ad intestarsi temporaneamente ingenti quote di obbligazioni subordinate, sollevando la banca dall’onere di detrarne il controvalore dal patrimonio di vigilanza, come invece prescritto dalla Banca d’Italia. Anche in tali casi si trattava, in pratica, di veri e propri “parcheggi” temporanei di titoli che, in realtà, rientravano nella titolarità dell’emittente, Veneto Banca”.

Perquisite le sedi di Veneto Banca, indagati Consoli e Trinca

Militari della Guardia di finanza a Montebelluna e in altre città: indagine per “ostacolo alla vigilanza”. Finanzieri anche a casa dei dirigenti

 

IL CRAC DELLE POPOLARI IN PAROLE SEMPLICI.

“Tutto questo è stato accompagnato dalla concessione di finanziamenti a soggetti in difficoltà economiche, senza un’adeguata verifica della capacità di rimborso da parte dei richiedenti, all’insegna di un diffuso e sostanziale disinteresse del merito creditizio – si legge nella nota emessa dalle forze dell’ordine – L’effetto era di offrire, all’esterno, l’immagine di una solidità patrimoniale dell’istituto ben maggiore di quella effettiva, idonea ad ingannare la platea dei risparmiatori e gli altri azionisti, rafforzando così – secondo la ricostruzione, in modo fraudolento – l’immagine della banca e la fiducia nel management”.

Il patrimonio falsato. Inoltre, secondo gli elementi acquisiti dalla Procura di Roma, mediante queste operazioni i vertici di Veneto Banca potevano falsamente rappresentare agli organi di vigilanza, in primis Bankitalia e Consob, una consistenza patrimoniale superiore al reale, così da rientrare nei parametri di sicurezza che la legge esige per gli istituti bancari.

Si tratta della creazione di una situazione di patrimonio “virtuale” che avrebbe poi consentito di fissare il sovrapprezzo delle azioni su valori assai elevati rispetto allo stato dell’azienda.

Veneto Banca: la fuga del 1.570 soci prima del baratro

Hanno venduto a 39,50 euro il 13 febbraio 2015 alla banca che poi ha traferito le azioni (900 mila in tutto) a Jp Morgan per ripagare un pacchetto di mutui vitalizi. Le sanzioni Consob, la policy seguita dalla banca

Secondo il “grave quadro indiziario emerso”, si legge nella nota, tali condotte hanno determinato l’“annacquamento” del patrimonio di vigilanza della banca, che, secondo le regole della Banca d’Italia avrebbe dovuto essere rettificato in modo da evidenziare il suo valore reale, indicando il vero ammontare dei prestiti ancora effettivamente riscuotibili. Invece, nelle segnalazioni periodiche alla Banca d’Italia, Veneto Banca ha continuato ad indicare un valore del patrimonio di vigilanza sovrastimato rispetto a quello effettivo, “mascherandone la reale consistenza”.

Tutto ciò è emerso dalle ispezioni Bankitalia e Consob che hanno portato alla luce l’effettiva situazione dell’istituto. Da qui, riepiloga la Gdf, è emerso il reale valore del patrimonio della Banca e sono state individuate le ipotesi di responsabilità.

Nella foto Vincenzo Consolo ex ad di Veneto Banca

 

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.