LA VIOLENZA DELLA POLIZIA IN TURCHIA

Redazione di Operai Contro, Continuano anche nella notte, sempre più violenti, gli scontri in piazza Taksim, cuore della protesta turca. Durante tutta la giornata la zona è stata il teatro di numerosi attacchi tra manifestanti e agenti. La polizia avevaripreso il controllo dell’area, dopo un’occupazione durata 10 giorni. I manifestanti, però, non si sono arresi e sono tornati a riversarsi nella piazza. Il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha allora mostrato il pugno duro, dopo aver ribadito la “tolleranza zero” che verrà usata contro i manifestanti e la piazza è stata nuovamente sgombrata con l’appoggio di mezzi blindati, cannoni ad acqua, lacrimogeni e granate assordanti per disperdere le migliaia di […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

Continuano anche nella notte, sempre più violenti, gli scontri in piazza Taksim, cuore della protesta turca.

Durante tutta la giornata la zona è stata il teatro di numerosi attacchi tra manifestanti e agenti. La polizia avevaripreso il controllo dell’areadopo un’occupazione durata 10 giorni. I manifestanti, però, non si sono arresi e sono tornati a riversarsi nella piazza. Il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha allora mostrato il pugno duro, dopo aver ribadito la “tolleranza zero” che verrà usata contro i manifestanti e la piazza è stata nuovamente sgombrata con l’appoggio di mezzi blindati, cannoni ad acqua, lacrimogeni e granate assordanti per disperdere le migliaia di manifestanti.

E il governatore di Istanbul, Huseyin Avni Mutlu, ha fatto sapere che la polizia antisommossa proseguirà “giorno e notte” le operazioni contro i manifestanti finchè Taksir non sarà sgomberata. Il governatore, in un annuncio tv, ha poi invitato i concittadini a stare lontano dalla piazza: “Continueremo incessantemente, giorno e notte”.

Nella notte, intanto ci sono stati di nuovo incidenti ad Ankara, nel quartiere alawita di Gazi a Istanbul e in altre città. E per l’Associazione medici turchi Tbb sono almeno 100 i manifestanti feriti oggi, 5 dei quali sono gravi, quando la polizia ha ripreso il controllo di Piazza Taksim. Molti, ha detto a Hurriyet online il presidente della Tbb Ahmet Ozdemir Akta, sono stati feriti alla testa da candelotti lacrimogeni sparati a altezza d’uomo dalla polizia. Il premier ha poi confermato che quattro persone, tre manifestanti e un poliziotto, sono morte dall’inizio della protesta. Secondo l’associazione medici 5mila manifestanti sono stati feriti. 

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.