Il sindaco di Esselunga sgombera il presidio permanente

Condividi:

Il sindaco di Esselunga sgombera il presidio permanente di Pioltello

Gli operai in lotta rilanciano la battaglia

Assemblea straordinaria alle 21 davanti ai cancelli

Con la solita vigliaccheria che contraddistingue i deboli, alle ore 9 di questa mattina ingenti reparti delle forze dell’ordine (in tutto un’ottantina) hanno prima circondato e poi demolito le strutture del presidio permanente, soverchiando i 5 operai in turno al presidio. La decisione e’ maturata ieri sera grazie a un’ordinanza firmata dal sindaco del PD, Concas, gia’ protagonista nel recente passato di eroiche imprese contro i bambini rom della zona, nonche’ di pressioni sulla prefettura affinche’ venisse rimosso il presidio di Pioltello.
Le motivazioni addotte per l’ordinanza si commentano da sole: a) Intralcio al traffico (notoriamente i camion transitano sulle aiuole) b) Lamente le dei vicini per schiamazzi notturni (la casa piu’ vicina dista 300m; e a Piotlello tutto si fa tranne che festeggiare) c) Violazione del decoro pubblico (certo “il mago di Esselunga” rappresenta una vista migliore) d) Blcocchi davanti ai cancelli (gia’: le merci contano piu’ delle persone, si sa!)
Se la mattinata ha messo in mostra una certa potenza militare al servizio dei magnati della grande distribuzione, l’impalcatura politica che vi e’ alle spalle mostra tutta la sua debolezza. Incapaci di far funzionare il teatrino delle parti (il padrone, la politica, i sindacati) che ha sempre avuto l’obiettivo di tenere in piedi l’unica vera legge esistente, quella che garantisce il diritto al massimo profitto, sono ora costretti a rimuovere con la forza le cause degli accadimenti che impediscono sonni tranquilli a Caprotti e soci, e cioe’ la determinazione e l’indipendenza sindacale e politica degli operai in lotta
Per chi avesse nutrito qualche illusione sulle “istituzioni democratiche” cio’ che e’ avvenuto stamattina puo’ anche essere una doccia fredda, a maggior ragione dopo che la magistratura ha deciso il reintegro dei primi due operai in causa, mettendo cioe’ in luce la natura discriminatoria e politica dei licenziamenti degli operai in Esselunga;
ma per tutti gli altri e’ solo la conferma della natura di classe delle istituzioni, a maggior ragione oggi che al governo c’e’ un esponente della finanza internazionale, sostenuto da tutte le compagini politiche italiane, di destra e di “sinistra”
Lo sgombero del presidio non e’ quindi altro che lo specchio della loro paura: quella di non riuscire a gestire la politica di lacrime e sangue che il capitale sta imponendo all’insieme dei proletari; la paura che il seme della rivolta dal basso possa contagiare settori di massa sempre piu’ ampi e trovare canali di espressione politica indipendenti e con una chiara prospettiva di cambiamento radicale
Noi continueremo a lottare per giustificare questa loro paura e facciamo appello alla massima partecipazione all’assemblea di stasera, per poter decidere insieme forme di mobilitazione adeguate agli accadimenti di questa mattina. E non solo.

SI.Cobas – Presidio permanente Pioltello

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.