LE BRACCIA INCROCIATE DEI METALMECCANICI

Condividi:

Le braccia incrociate dei metalmeccanici.

Egregio Direttore.

Non e’ stata la rivoluzione, ma il dito puntato contro i nemici degli operai si e’ fatto pugno chiuso. Non solo e tanto per lo sciopero generale minacciato da Landini, se venisse toccato l’articolo 18, ma perche’ milioni di metalmeccanici hanno scioperato in tutte le fabbriche, nonostante le minacce che governo e padroni con in testa la Fiat, stanno mettendo in campo contro di loro, e contro tutti gli operai.
[k]Sciopero vero[k]! titolava un volantino diffuso ieri alla manifestazione di Roma.
Chi lo diffondeva diceva che sta girando in diverse fabbriche, ma noi pensiamo che sia un appello da raccogliere e farlo conoscere in piu’ fabbriche e posti di lavori possibili.
Costruiamolo lo [k]sciopero vero[k] che immobilizza fabbriche, cantieri, posti di lavoro.
L’arma dello sciopero vero, puo’ essere fondamentale nelle vertenze aziendali, ma quando il suo uso non e’ piu’ solo circoscritto alla singola azienda, assume un aspetto sociale prorompente, fino a culminare nello sciopero generale.
Lavorare per essere in grado di proclamare scioperi veri e raggiungere questo obbiettivo, significa poter avere questa arma sempre carica, puntata contro i padroni e il loro governo.
Di questi tempi ne abbiamo proprio bisogno.
Operai di Genova per lo sciopero vero. Saluti.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.