LE PROSSIME ELEZIONI: LA PAURA DELL’ASTENSIONISMO

Redazione di Operai Contro, mancano poche settimane alle elezioni amministrative. Il gradimento degli elettori verso la classe politica è ai minimi storici, si può tranquillamente andare verso un nuovo record di astensioni. Quello degli astensionisti rappresenterà con quasi assoluta certezza il maggior partito del paese. La gente è stufa di essere presa in giro dai padroni e dai loro rappresentanti. Chiunque vincerà farà gli interessi dei padroni e la gente non ha voglia di legittimare questo sistema. I politici avranno bisogno di scuse per giustificare il numero enorme di non votanti e allora si comincia a correre ai ripari: […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

mancano poche settimane alle elezioni amministrative. Il gradimento degli elettori verso la classe politica è ai minimi storici, si può tranquillamente andare verso un nuovo record di astensioni.

Quello degli astensionisti rappresenterà con quasi assoluta certezza il maggior partito del paese. La gente è stufa di essere presa in giro dai padroni e dai loro rappresentanti. Chiunque vincerà farà gli interessi dei padroni e la gente non ha voglia di legittimare questo sistema.

I politici avranno bisogno di scuse per giustificare il numero enorme di non votanti e allora si comincia a correre ai ripari: prima il ministro degli interni Alfano afferma che si potrebbe tenere aperte le urne anche lunedì poi fa marcia indietro, in questo modo la scusa è servita e con essa anche l’argomento di dibattito tra gli schieramenti.

Per giustificare l’astensionismo si darà colpa al week-end al meteo e mai si ammetterà che l’astensionismo è voto di protesta contro il sistema economico e politico. Gli asserviti giornalisti del sistema faranno il resto evitando di porre l’attenzione sul numero di non votanti e facendo solo vedere le solite facce sorridenti dei politici che prenderanno la maggioranza di pochissimi voti. Mai diranno che il 20% a cui può ambire uno dei partiti candidati potrebbe rappresentare meno del 10% della popolazione se si arrivasse ad avere solo il 50% dei votanti tra gli aventi diritto e magari nemmeno di arriva a questa percentuale. Assisteremo alla solita buffonata.

d.c.

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.