Renzi si caga addosso e assicura soldi ai carrozzoni elettorali

Caro Operai Contro, per chi non l’avesse ancora capito, Renzi è per i grandi progetti. Non rompetegli i coglioni con i posti di lavoro, i salari e le pensioni da fame, i licenziamenti e i disoccupati. Per Renzi queste sono quisquiglie, che fra l’altro lui ha già pesantemente peggiorato con il Jobs Act. Ha detto basta con i “piccoli progetti”, ed ha aggiunto: “E’ finito il tempo del vittimismo in cui tutti dicevano che non c’erano soldi. I soldi ci sono, occorre spenderli bene”. Così Renzi, in vista delle amministrative e del referendum di ottobre, si prepara a spendere […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

per chi non l’avesse ancora capito, Renzi è per i grandi progetti.

Non rompetegli i coglioni con i posti di lavoro, i salari e le pensioni da fame, i licenziamenti e i disoccupati. Per Renzi queste sono quisquiglie, che fra l’altro lui ha già pesantemente peggiorato con il Jobs Act.

Ha detto basta con i “piccoli progetti”, ed ha aggiunto: “E’ finito il tempo del vittimismo in cui tutti dicevano che non c’erano soldi. I soldi ci sono, occorre spenderli bene”.

Così Renzi, in vista delle amministrative e del referendum di ottobre, si prepara a spendere bene i soldi, dandoli alle bande specializzate dei carrozzoni clientelari. Comincia dal Sud, per arrivare al Nord isole comprese, una tournée fino a ottobre, regalando soldi per gli apparati elettorali.

Renzi dal referendum di ottobre, si aspetta un plebiscito a suo favore, ma il fatto che sia già partito a farsi propaganda, vuol dire che si sta cagando addosso.

Salutoni da un lettore

L’articolo del Quotidiano del Sud

Renzi detta la linea per rilanciare il Sud:«I soldi adesso ci sono ma basta ai piccoli progetti»

«IL Meridione deve ripartire per far ripartire l’Italia, ma può avere un ruolo strategico in tutta l’area del Mediterraneo. Basta investimenti frammentati in piccoli progetti». Con queste parole il presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, è tornato sul tema dello sviluppo del Sud nel corso del question time alla Camera.

Il premier ha sostenuto che «noi non siamo convintissimi che i distretti e i laboratori ad alta tecnologia» al Sud «abbiano funzionato: la precedente programmazione europea a nostro giudizio ha avuto una eccesso di frammentazione. E’ finito il tempo del vittimismo in cui tutti dicevano che non c’erano soldi. I soldi ci sono, occorre spenderli bene».

Sul ruolo del Sud e sulle azioni di governo in tale senso, a pochi giorni dalla firma dei Patti stilati con le singole regioni, è intervenuto anche il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, oggi in Calabria per un’iniziativa sulla legalità: «Il Sud è in testa alle nostre priorità – ha sostenuto – e rappresenta un pezzo essenziale dell’agenda del Governo. Non si può pensare allo sviluppo dell’Italia senza il Meridione».

 Nella foto il cagasotto

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.