Le elezioni greche un[k]opposizione di massa all[k]austerita’

Condividi:

Le elezioni greche riflettono un[k]opposizione di massa all[k]austerita’

Christoph Dreier

– Tesi Wsws:

o Le elezioni greche sono il preludio a nuovi forti confluitti sociali.

o Qualsiasi nuovo governo greco che mantenga la politica di austerita’ incontrera’ una forte opposizione di massa.

o L[k]e’lite dominante potrebbe rispondere alle proteste di massa integrando al governo i partiti della destra e dell[k]estrema destra, imponendo un governo autoritario per reprimere la resistenza della popolazione.

o Un eventuale governo di coalizione dei partiti della sinistra non avrebbe nulla di progressivo, e avrebbe l[k]appoggio del KKE che si assumerebbe il ruolo di disciplinare e disarmare le proteste popolari. Syriza a Sinistra Democratica hanno ribadito che vogliono rimanere nella UE, e rinegoziare le misure di austerita’.

– Record per l[k]astensione: 40%, contro il 25-30% delle tre precedenti elezioni (dati ministero Interni greco).

– Il socialdemocratico Pasok, al governo dal 2009, e’ sceso dal 43,9% delle ultime elezioni al 15,5%.

– Il conservatore Nuova Democrazia (al governo con Pasok dal dicembre 2011) dal 33,5% al 20%.

– Secondo le proiezioni ufficiali non riuscirebbero ad avere la maggioranza parlamentare, per 1 seggio, pur tenendo conto del premio di maggioranza.

– La Coalizione della Sinistra Radicale (Syriza) ha triplicato i voti dal 4,6% al 17%, secondo maggior partito.

o Syriza ha comunicato che in caso di vittoria e’ disposta a scendere a patti con Greci Indipendenti.

– La Sinistra Democratica, scissa nel 2010 da Syriza, al 5%.

– Lo stalinista e opportunista KKE dal 7,5% all[k]8,5%.

– I Verdi Greci e Alleanza Democratica entrambi al 3%.

– I partiti della destra hanno avuto una percentuale bassa, Laos ha perso voti.

– Il neo-fascista Alba Dorata al 5%, entra in parlamento;

Il populista di destra, Greci Indipendenti, al 10%; fondato a febbraio da ex deputati di Nuova Democrazia, ha centrato la campagna elettorale sulla xenofobia, unisce la rivendicazione della revoca dei tagli ad nazionalismo estremo.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.