Archive for Dicembre 13th, 2012

  • STORIE DI PUPI E DI PUPARI DALLA SICILIA Il governo della regione Sicilia si e’ da poco ufficialmente insediato e il governatore Crocetta e’ corteggiato da tutte le TV, e’ l[k]uomo nuovo del momento, compare in tutti i salotti buoni, lo intervistano continuamente e il TG3 gli ha dedicato l[k]approfondimento della seconda serata dal titolo [k]rivoluzione siciliana[k]. Il messaggio che si vuol far passare tra le righe: [k]Vedete il nostro sistema democratico permette il cambiamento anche in una terra martoriata come la Sicilia, Crocetta rappresenta la discontinuita’ e la rottura con il passato[k]. Gia’ la discontinuita’, l[k]asso nella manica […] 0

    STORIE DI PUPI E DI PUPARI DALLA SICILIA

    STORIE DI PUPI E DI PUPARI DALLA SICILIA Il governo della regione Sicilia si e’ da poco ufficialmente insediato e il governatore Crocetta e’ corteggiato da tutte le TV, e’ l[k]uomo nuovo del momento, compare in tutti i salotti buoni, lo intervistano continuamente e il TG3 gli ha dedicato l[k]approfondimento della seconda serata dal titolo [k]rivoluzione siciliana[k]. Il messaggio che si vuol far passare tra le righe: [k]Vedete il nostro sistema democratico permette il cambiamento anche in una terra martoriata come la Sicilia, Crocetta rappresenta la discontinuita’ e la rottura con il passato[k]. Gia’ la discontinuita’, l[k]asso nella manica […]

    Continue Reading

  • Facebook Comments 0

    BERSANI IL PROGRAMMA DEL PD

    Facebook Comments

    Continue Reading

  • di FULVIO COLUCCI TARANTO – Ballano ancora i numeri della cassa integrazione all[k]Ilva. Ieri son partite 1100 lettere destinate ai lavoratori dichiarati in esubero. Un po[k] meno della cifra annunciata due giorni fa: 1400. Ma oggi l[k]azienda e le segreterie sindacali di Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm, incontrandosi alle 8,30, faranno il punto. A tranquillizzare il Gruppo Riva l[k]emendamento al decreto legge presentato in Parlamento dal ministro dell[k]Ambiente Clini: una volta approvato spieghera’ i suoi effetti sbloccando la vendita del prodotto sequestrato dalla magistratura tarantina. L[k]Ilva, secondo la tesi della dirigenza, esposta a sindacati e media, tornera’ cosi […] 0

    ILVA, CASSA INTEGRAZIONE

    di FULVIO COLUCCI TARANTO – Ballano ancora i numeri della cassa integrazione all[k]Ilva. Ieri son partite 1100 lettere destinate ai lavoratori dichiarati in esubero. Un po[k] meno della cifra annunciata due giorni fa: 1400. Ma oggi l[k]azienda e le segreterie sindacali di Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm, incontrandosi alle 8,30, faranno il punto. A tranquillizzare il Gruppo Riva l[k]emendamento al decreto legge presentato in Parlamento dal ministro dell[k]Ambiente Clini: una volta approvato spieghera’ i suoi effetti sbloccando la vendita del prodotto sequestrato dalla magistratura tarantina. L[k]Ilva, secondo la tesi della dirigenza, esposta a sindacati e media, tornera’ cosi […]

    Continue Reading

  • La situazione di guerra civile in Siria, attualmente in fase di stallo logistico, vede contrapposte principalmente le fazioni di un sedicente esercito di liberazione (gia’ visto in Libia…) ed il governo del presidente Assad. La terza figura politico-sociale in gioco, quindi escludendo da QUESTO conteggio le centinaia di migliaia di profughi civili causati da un improvviso imbracciare le armi di altrettanto spontanei ribelli, e’ quella del popolo curdo e del suo partito democraticamente rappresentante presso le istituzioni. Se la situazione gia’ era esplosiva all’interno dei confini turchi, con l’esercito regolare impegnato a bombardare persino i sentieri attraversati perlopiu’ da […] 0

    GENOCIDIO DEL POPOLO CURDO

    La situazione di guerra civile in Siria, attualmente in fase di stallo logistico, vede contrapposte principalmente le fazioni di un sedicente esercito di liberazione (gia’ visto in Libia…) ed il governo del presidente Assad. La terza figura politico-sociale in gioco, quindi escludendo da QUESTO conteggio le centinaia di migliaia di profughi civili causati da un improvviso imbracciare le armi di altrettanto spontanei ribelli, e’ quella del popolo curdo e del suo partito democraticamente rappresentante presso le istituzioni. Se la situazione gia’ era esplosiva all’interno dei confini turchi, con l’esercito regolare impegnato a bombardare persino i sentieri attraversati perlopiu’ da […]

    Continue Reading

  • Servo non mangia servo Egregio Direttore In questi giorni le prime pagine dei giornali relegano ad articoletti in basso pagina con rinvii all’interno, le notizie sull’Ilva di Taranto. Tengono banco in prima pagina le dichiarazioni degli schieramenti in campo per le elezioni, lo spread e la Merkel irritata dalle sparate di berlusconi. Passa in secondo piano senza risalto il ricatto di Riva il padrone dell’Ilva, di mandare a casa 5 mila operai come ritorsione al giudice, che ha detto no al dissequestro dei prodotti finiti e semilavorati. Il governo per salvaguardare i profitti del padrone, insiste nel voler azzerare […] 0

    SERVO NON MANGIA SERVO

    Servo non mangia servo Egregio Direttore In questi giorni le prime pagine dei giornali relegano ad articoletti in basso pagina con rinvii all’interno, le notizie sull’Ilva di Taranto. Tengono banco in prima pagina le dichiarazioni degli schieramenti in campo per le elezioni, lo spread e la Merkel irritata dalle sparate di berlusconi. Passa in secondo piano senza risalto il ricatto di Riva il padrone dell’Ilva, di mandare a casa 5 mila operai come ritorsione al giudice, che ha detto no al dissequestro dei prodotti finiti e semilavorati. Il governo per salvaguardare i profitti del padrone, insiste nel voler azzerare […]

    Continue Reading

  • LA PROVOCAZIONE DI JABIL NON FERMERA’ LA LOTTA. A fronte dei milioni di dollari spariti nel passaggio tra Jabil- Mercatec-Jabil, con la conseguenza di chiudere lo stabilimento di Cassina e mettere sulla strada 325 dipendenti, l’azienda lancia una provocazione denunciando alcuni lavoratori per l’occupazione della fabbrica sentendosi danneggiata dal presidio. I DANNEGGIATI SIAMO NOI! licenziati ma, intenzionati e decisi a riaprire la fabbrica con altri imprenditori piu’ affidabili . Si punta anche su un protocollo firmato dal GOVERNO, REGIONE, PROVINCIA E COMUNE DI CASSINA DE’ PECCHI in cui si afferma che l’area dove si trova lo stabilimento rimane a […] 0

    LA PROVOCAZIONE DI JABIL NON FERMERA’ LA LOTTA.

    LA PROVOCAZIONE DI JABIL NON FERMERA’ LA LOTTA. A fronte dei milioni di dollari spariti nel passaggio tra Jabil- Mercatec-Jabil, con la conseguenza di chiudere lo stabilimento di Cassina e mettere sulla strada 325 dipendenti, l’azienda lancia una provocazione denunciando alcuni lavoratori per l’occupazione della fabbrica sentendosi danneggiata dal presidio. I DANNEGGIATI SIAMO NOI! licenziati ma, intenzionati e decisi a riaprire la fabbrica con altri imprenditori piu’ affidabili . Si punta anche su un protocollo firmato dal GOVERNO, REGIONE, PROVINCIA E COMUNE DI CASSINA DE’ PECCHI in cui si afferma che l’area dove si trova lo stabilimento rimane a […]

    Continue Reading