OPERAIO DI POMIGLIANO

Condividi:

intervista al tg3 20 ottobre 2012 a ciro d’alessio delegato fiom di pomigliano

ma per favore , adesso proponiamo noi agli operai i contratti di solidarieta’… col padrone?

ma bene, invece di rifiutare la cassa integrazione facciamo la cassa a meta’ con meta’ del salario?
ma bene e queste sarebbero le proposte della sinistra della fiom?

e questo eviterebbe i licenziamenti?

certo come no, darebbe al padrone fiat ancora tempo per manovrare bene, per scomporre la lotta negli stabilimenti tra quelli attivi e quelli fermi, come e’ gia’ adesso, ma bene…ma per favore e queste sarebbero le proposte della”sinistra” fiom? ma mi faccia il piacere, questa e’ sinistra del padrone…

quello che e’ grave e’ che questa “proposta” non e’ nuova, dal 2008 alberga in tanti settori sindacali e non, nella fiom, ma in tutto il sindacalismo sinistro-destro ma anche alla grande in quelli di base…

come operai che militano per l’organizzazione politica indipendente degli operai e’ giunto il tempo di dire una parola di chiarezza per tutti; fare queste proposte nella crisi del capitale oggi, significa non capire un acca degli interessi degli operai. sul piano pratico.

sul piano politico, e’ cedere all’idea che “senza mercato” bisogna dividere la miseria. la miseria non si accetta. se il compratore di forza-lavoro il padrone non compra piu’ la forza-lavoro, si fotta il padrone e il suo sistema, noi dobbiamo vivere.

se i padroni non ci lasciano vivere decentemente ma anzi si accaniscono tra predoni per abbassare a livelli infimi la nostra condizione di poveri e sfruttati e’ veramente l’ora per noi, diventa posssibile e urgente organizzarsi per affossare il sistema del capitale.

quest’ opera lo devono fare gli operai contro l’oppotunismo piccolo-borghese alla frutta, e chi pur non essendolo e’ giunto a capire in profondita’ i meccanismi inceppati del sistema e sceglie di stare della parte della classe col rafforzamento e costituzione del partito operaio.

e’ ora di affilare arma principale per affrontare i padroni, i loro interessi e i loro servi, ovunque alberghino (sindacato, partiti, associazioni, collettivi)….

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.