LA CURA MONTI E’ BUONA, MA IL MALATO E’ MORTO

Condividi:

Arriva l’ennesima tegola di Moody’s sull’Italia. L’agenzia ha infatti tagliato di ben due scalini il rating dei titoli di Stato, portandolo da A3 a Baa2 e mantenendo un outlook negativo.

”deterioramento delle prospettive economiche nel breve termine”, nonostante le misure e le riforme decise dal governo Monti, al ”clima politico che, con l’avvicinarsi del voto della prossima primavera – scrive Moody’s – e’ fonte di un aumento dei rischi”. Questo spiega anche l’outlook negativo, con il nostro Paese che resta sotto stretta osservazione da parte dell’agenzia di rating. Per la quale ”i rischi che gravano sull’attuazione delle riforme restano considerevoli”. Il peggioramento dell’economia, poi, col Paese in recessione, ”aumenta il peso dell’austerity e delle riforme sulla popolazione italiana”. Questo porta le forze politiche a frenare, in qualche modo, l’azione del governo. Quest’ultimo – riconosce Moody’s – ha messo in campo ”un programma di riforme che ha davvero le potenzialita’ per migliorare notevolmente la crescita e le prospettive di bilancio”. Nonostante cio’ la recessione incombe e raggiungere gli obiettivi di risanamento dei conti resta una enorme sfida, con il pareggio di bilancio – si sottolinea – slittato di due anni.

Moody’s ha dimenticato di dire che Monti e’ un ciarlatano

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.