I TRE OPERAI DI MELFI

Redazione di Operai Contro, La sezione lavoro della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della Fiat contro la decisione della Corte di Appello di Potenza che, nel 2012, reintegrò tre operai della Sata di Melfi (Potenza) licenziati dopo che, durante uno sciopero interno notturno, bloccarono un carrello per il trasferimento di materiali a chi non scioperava. I tre opera -i Giovanni Barozzino, dal febbraio scorso senatore di Sel, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli – furono licenziati nel 2010. In un primo tempo il ricorso della Fiom fu accolto ma la Fiat non fece mai più rientrare in fabbrica […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

La sezione lavoro della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della Fiat contro la decisione della Corte di Appello di Potenza che, nel 2012, reintegrò tre operai della Sata di Melfi (Potenza) licenziati dopo che, durante uno sciopero interno notturno, bloccarono un carrello per il trasferimento di materiali a chi non scioperava.

I tre opera -i Giovanni Barozzino, dal febbraio scorso senatore di Sel, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli – furono licenziati nel 2010. In un primo tempo il ricorso della Fiom fu accolto ma la Fiat non fece mai più rientrare in fabbrica i tre operai. Un anno dopo, un altro giudice accolse il ricorso della Fiat e scattò il licenziamento, poi di nuovo revocato dalla Corte di Appello.

Airaudo (Sel), ora i 3 operai Melfi devono rientrare – ”E’ stato un licenziamento ingiusto, ora lo sappiamo definitivamente. Questi lavoratori, che hanno vinto tre cause su quattro, sono stati tenuti ingiustamente fuori dalla fabbrica”. Così Giorgio Airaudo, ex sindacalista della Fiom e oggi deputato di Sel, che ha dato la notizia con un twitt, commenta la sentenza della cassazione. ”Le leggi quando ci sono vanno rispettate, mi auguro che rientrino presto al lavoro e li abbraccio”, aggiunge.

Sono decine gli operai Fiat licenziati e reintegrati dalla magistratura.

Ma la legge si ferma ai cancelli della fabbrica.

In fabbrica decide il padrone

Un operaio

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.