BERLUSCONI, IL PREGIUDICATO CHE HA IN MANO IL GOVERNO: E ORA?

Redazione di Operai Contro, dopo vent’anni di scorciatoie, minacce, forzature e vergognose leggi ad personam l’uomo di Arcore è incappato in una sentenza definitiva: da questa sera è tecnicamente un pregiudicato che entro sei mesi o giù di lì dovrà scontare una pena detentiva, arresti domiciliari o servizi sociali. Il governo voluto da Napolitano, sostenuto dal Pd si basa sul sostegno di un pregiudicato: Berlusconi. Questo è l’unico governo che la democrazia dei padroni poteva realizzare. Una banda di delinquenti che poteva vivere grazie ai voti di un pregiudicato. Per gli operai cosa cambia? Niente. I ladroni del parlamento, il delinquente di […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

dopo vent’anni di scorciatoie, minacce, forzature e vergognose leggi ad personam l’uomo di Arcore è incappato in una sentenza definitiva: da questa sera è tecnicamente un pregiudicato che entro sei mesi o giù di lì dovrà scontare una pena detentiva, arresti domiciliari o servizi sociali.

Il governo voluto da Napolitano, sostenuto dal Pd si basa sul sostegno di un pregiudicato: Berlusconi. Questo è l’unico governo che la democrazia dei padroni poteva realizzare.

Una banda di delinquenti che poteva vivere grazie ai voti di un pregiudicato.

Per gli operai cosa cambia?

Niente. I ladroni del parlamento, il delinquente di Arcore, potranno essere schiacciati definitivamente solo dalla rivolta operaia.

Un operaio

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.