Basta con gli accordi a perdere

Caro Operai Contro, alla Mascioni storica azienda tessile di Cuvio (Va), qualcuno aveva visto il nuovo padrone come un salvatore, finché non ha dichiarato 150 esuberi su 320 dipendenti a maggioranza operaia. Gli scioperi e la mobilitazione a fine 2015, non furono usati dal sindacato per respingere i licenziamenti, ma per mascherarli attraverso la concessione di un anno di cassa integrazione straordinaria e, contemporaneamente, la procedura di mobilità volontaria o per prepensionamento. A distanza di sei mesi e fra l’altro, con gli “ammortizzatori” in atto, il padrone torna alla carica, annunciando 120 esuberi. Caro Operai Contro, come ricordi spesso […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

alla Mascioni storica azienda tessile di Cuvio (Va), qualcuno aveva visto il nuovo padrone come un salvatore, finché non ha dichiarato 150 esuberi su 320 dipendenti a maggioranza operaia. Gli scioperi e la mobilitazione a fine 2015, non furono usati dal sindacato per respingere i licenziamenti, ma per mascherarli attraverso la concessione di un anno di cassa integrazione straordinaria e, contemporaneamente, la procedura di mobilità volontaria o per prepensionamento.

A distanza di sei mesi e fra l’altro, con gli “ammortizzatori” in atto, il padrone torna alla carica, annunciando 120 esuberi.

Caro Operai Contro, come ricordi spesso dobbiamo finirla con gli accordi a perdere, finirla con la delega in bianco ad un sindacalismo accomodante. Sono d’accordo che ci vuole il nostro impegno personale e collettivo, per dar vita ad un sindacalismo operaio.

Saluti da Maccagno

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.