PRODI SCONFITTO IN SENATO: CADE IL GOVERNO

Condividi:

Il progetto di Romano Prodi si e’ infranto. Al senato il governo non ha ottenuto la fiducia richiesta. Hanno votato no in 161, mentre i si sono stati 156. Un senatore (Scalera) si e’ astenuto, mentre tre erano gli assenti (Andreotti, Pallaro e Pininfarina). Il presidente del Consiglio e’ poi andato al Quirinale per rimettere il mandato nelle mani del capo dello Stato. La gestione della crisi passa ora nelle mani di Napolitano.
La liquidazione del governo Prodi non e’ certo stata determinata dall’UDEUR di Mastella, ma l’uscita di Mastella dal governo e’ solo stata l’ultima causa.
Prodi e Montezemolo hanno tentato fino all’ultimo di resistere. In due anni il governo di centro sinistra borghese e’ riuscito a fare cio’ che nessun governo di destra della borghesia avrebbe potuto realizzare pacificamente:
– il livello dei salari degli operai e’ all’ultimo posto in europa
– gli industriali hanno ottenuto miliardi di euro di finanziamenti
– l’eta’ pensionabile degli operai e’ stata aumentata
– le imprese dell’esercito italiano all’estero non solo sono state rifinanziate, ma l’impegno e’ aumentato
– il governo Prodi e’ riuscito a spedire tranquillamente i soldati contro la popolazione della campania
– per finire il governo Prodi ha pilotato la trienallizzazione del contratto dei metalmeccanici
Se tanti erano i meriti del Governo Prodi ci si puo’ chiedere perche’ una fetta della borghesia lo ha liquidato?
Prodi non sarebbe riuscito a fare di piu’ di quello che ha fatto per gli industriali. Glielo impedivano gli scontri all’interno della sua accozzaglia di partiti e la risicata maggioranza al Senato. Una nuova legge elettorale che dia governi piu’ stabili e’ il sogno di tutti i borghesi.
Prodi non e’ riuscito ad impedire l’affronto al Papa e Mastella ed Andreotti sono stati i fedeli esecutori della vendetta del Vaticano.
Ora lentamente si andra’ verso nuove elezioni, con la stessa legge elettorale o una nuova tutto dipendera’ dall’abilita’ di Napolitano.
In ogni caso gli operai hanno una sola necessita:
– opporsi al nuovo governo, che si trovera’ la strada aperta da Prodi e portera’ fino in fondo l’attacco alle loro condizioni di vita, e per fare questo hanno la necessita’ di organizzare un loro partito

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.