SCIOPERI IN UK CONTRO IL CAROVITA, E SI SCOPRE LA LOTTA DI CLASSE

Alla rapida ascesa dell'inflazione, quella ufficiale al 9% in Gran Bretagna, rispondono i ferrovieri con gli scioperi che bloccano il paese ...
Condividi:

Alla rapida ascesa dell’inflazione, quella ufficiale al 9% in Gran Bretagna, rispondono i ferrovieri con gli scioperi che bloccano il paese: gli è stato offerto un misero 3% di aumento. I ferrovieri, con il più grande sciopero da trent’anni, stanno facendo da apripista per la mobilitazione di altri settori della classe operaia. I giornali inglesi scrivono di “lotta di classe”. Al momento è solo ancora una forte lotta economica settoriale che può diventare politica, cioè presa di coscienza degli interessi contrastanti insanabili tra lavoratori e padroni. La trasformazione potrebbe realizzarsi anche velocemente: padronato e apparati governativi sono preoccupati! provano ad alzare il livello dello scontro, da loro viene un’avvisaglia con la proposta di istituire il crumiraggio per legge e l’invito alla moderazione salariale, cioè all’ulteriore miseria. I lavoratori in lotta per gli aumenti salariali dovranno così scontrarsi con il sistema “democratico” nel suo insieme.

M.B.


 

«LONDRA, 23 giugno (Reuters).
I lavoratori delle ferrovie scioperano ancora questa settimana
Solo uno su cinque servizi ferroviari in funzione
Anche il personale di British Airways vota per uno sciopero
Modifica della legge prevista per consentire l’utilizzo di personale temporaneo

– Gli scioperi hanno paralizzato la rete ferroviaria britannica per il secondo giorno di questa settimana e il personale della British Airways ha votato per lo sciopero giovedì dopo gli avvertimenti che il Paese stava affrontando un’estate di malcontento industriale.
La rete ferroviaria britannica è stata quasi bloccata quando martedì 40.000 lavoratori hanno scioperato a seguito di uno sciopero simile, mentre i leader sindacali, le società di gestione dei treni e il governo hanno affrontato richieste di aumenti salariali per tenere il passo con l’aumento dell’inflazione e la promessa di non tagliare i posti di lavoro.
Ai passeggeri è stato consigliato di non utilizzare i treni a meno che non sia assolutamente necessario per tutta la settimana con solo circa un servizio su cinque in corso. I sindacati hanno avvertito di ulteriori azioni a meno che non fosse possibile raggiungere un accordo.
Un’impennata nel costo del cibo e del carburante sta spingendo sull’orlo del baratro molti bilanci familiari, spingendo i sindacati a chiedere aumenti salariali più elevati per i propri membri. Il governo ha sollecitato la moderazione salariale per evitare una spirale inflazionistica».

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.