GLI OPERAI DI TOPEKA FRITO-LAY TOPEKA (KANSAS) BOCCIANO L’ACCORDO E SCENDONO IN SCIOPERO PER SALARI PIÙ ALTI

Gli operai iscritti al sindacato hanno bocciato l’ipotesi di contratto e hanno abbandonato il lavoro questa settimana, vogliono la fine del blocco dei salari, dichiarano anche di essere costretti a lavorare fino a sei sette giorni alla settimana
Condividi:

Gli operai iscritti al sindacato hanno bocciato l’ipotesi di contratto e hanno abbandonato il lavoro questa settimana, vogliono la fine del blocco dei salari, dichiarano anche di essere costretti a lavorare fino a sei sette giorni alla settimana.

KCUR | di Abigail Censky
Pubblicato il 10 luglio 2021 alle 4:30 CDT


Gli operai iscritti al sindacato hanno bocciato l’ipotesi di contratto e hanno abbandonato il lavoro questa settimana, vogliono la fine del blocco dei salari, dichiarano anche di essere costretti a lavorare fino a sei sette giorni alla settimana.
TOPEKA, Kansas — Questa settimana più di 500 operai, l’80% della forza lavoro, hanno scioperato nello stabilimento di Topeka Frito-Lay chiedendo salari più alti e orari di lavoro “normali”.
Gli scioperanti hanno picchettato fuori dall’ingresso di un magazzino, issando cartelli che deridevano il marchio Frito-Lay mimando Chester Cheetah [personaggio immaginario, mascotte e logo aziendale NdR] e chiedendo ai clienti sostegno per le loro rivendicazioni: aumenti salariali e meno straordinari. “Perché non posso avere un giorno libero?”, ha detto Charles Taylor, che gestisce macchine che lavorano Doritos e Tostitos. “Non possiamo avere nemmeno un giorno libero, che senso ha? Una macchina non dovrebbe essere trattata meglio dei suoi addetti”.
Gli operai iscritti al sindacato hanno rifiutato l’ipotesi di contratto concordata dai sindacalisti e dalla società, affermando che gli aumenti salariali annuali del 2% erano una miseria. L’aumento, per la maggioranza degli operai, sarebbe inferiore ai 50 centesimi di dollaro l’ora [0,42 centesimi di euro NdR].
Brent Hall, presidente della Local 218 Bakery, Confectionary, Tobacco Workers and Grain Millers Union (Sindacato alimentaristi), ha affermato che i salari degli operai della Frito-Lay non hanno ricevuto nessun adeguamento all’aumento del costo della vita, a differenza di altre aziende dell’area di Topeka come Goodyear, Mars Wrigley, Target e altri grandi altri grandi stabilimenti che hanno ottenuto aumenti di 77 centesimi all’ora.
In un comunicato inviato per e-mail martedì, l’azienda ha affermato di essere “sicura che i suoi livelli salariali siano competitivi per il mercato di Topeka”.
I funzionari sindacali avevano ottenuto una moratoria per il contratto scaduto lunedì. È stato allora che ha gli operai hanno lasciato il lavoro.
A partire da circa un decennio, i contratti negoziati dal sindacato sono passati da aumenti salariali orari definiti a pagamenti una tantum, messi in busta all’inizio di ogni contratto biennale. Ora gli operai vogliono passare a una paga oraria definita ed in costante aumento.
“Quando ci diedero la prima somma forfettaria ci hanno praticamente detto che non ci avrebbero dato l’aumento”, ha detto Menard Reynolds, che ha lavorato nello stabilimento per 21 anni. Tanti operai iscritti al sindacato hanno anche spinto per porre fine agli straordinari obbligatori o per abolire il lavoro su turni di 12 ore con solo otto ore di riposo nel mezzo. Hall, il presidente del sindacato, afferma che l’ipotesi di accordo respinta dagli operai, limitava lo straordinario obbligatorio a 20 ore oltre la settimana lavorativa di 40 ore. La direzione aziendale ha affermato nel comunicato che “è stata Frito-Lay, non i dirigenti sindacali, a proporre limitazioni agli straordinari obbligatori”.
Il comunicato padronale ha definito la leadership sindacale “non in sintonia” con i propri iscritti. Ma Hall ha ribattuto che è stato il vicepresidente delle relazioni sindacali della società madre Frito-Lay PepsiCo, Carolyn Fisher, che ha consigliato alla leadership sindacale e ai membri del gruppo negoziale di raccomandare l’ipotesi di accordo agli operai nonostante che i funzionari sindacali le avessero detto che probabilmente sarebbe stato bocciato dagli operai.
“Avevamo detto loro che sarebbe successo, che gli operai lo avrebbero bocciato”, ha detto Hall.
Nella sua dichiarazione, Frito-Lay ha affermato che la società si concentrerà sul “continuare a gestire le operazioni del nostro stabilimento di Topeka”, ma Hall ha affermato che l’impianto non è stato pienamente operativo per tutta la settimana perché manca la maggior parte della forza lavoro, in sciopero, che normalmente gestisce lo stabilimento.
Ha detto che la società ha sospeso l’assicurazione sanitaria dei dipendenti in sciopero nel tentativo di costringere gli operai a varcare il picchetto. Attualmente è previsto un incontro il 19 luglio dopo che l’azienda ha affermato di non avere intenzione di trattare con il sindacato “per il futuro prossimo”. “Dicono che si preoccupano dei loro dipendenti, ma poi ci trattano così”, ha detto Hall. “Poi cercano di gettarci fumo negli occhi al tavolo delle trattative ogni tre anni”.
La questione degli straordinari obbligatori sembra essere particolarmente controversa. Mark McCarter, che lavora nello stabilimento, ha dichiarato al Topeka Capital-Journal che Frito-Lay ha spesso operai che lavorano 12 ore al giorno, sette giorni alla settimana, apparentemente con solo otto ore di pausa tra i turni.
In un altro articolo pubblicato dal giornale, Cherie Renfro lo ha confermato, inclusa questa scioccante accusa: “Quando un collega è crollato ed è morto, ci hanno fatto spostare il corpo per sostituirlo con un altro operaio per non interrompere le linee di produzione” (fonte M. Pomranz 12/07/21 Food&Wine). Renfro ha anche affermato che una categoria di operai nello stabilimento ha visto aumentare i suoi salari di appena 20 centesimi all’ora nell’ultimo decennio. Monk Drapeaux-Stewart – un tecnico – ha detto al sito Labor Notes che i suoi salari sono aumentati di soli 77 centesimi negli ultimi 12 anni. “Il latte è aumentato. La carne è aumentata. Tutto è aumentato”, ha detto al Kansas News Service Tracy Johnson, una veterana di 30 anni di Frito-Lay. “Ma i nostri salari sono rimasti gli stessi.”
A cura di M.C.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.