VOLVO A DUBLINO (USA): UNO, DUE, TRE VOLTE NO!!!

Nel più grande stabilimento Volvo al mondo, per volumi produttivi, gli operai continuano a bloccare la produzione respingendo per  tre volte le ipotesi di contratto concordate tra i sindacalisti corrotti dello UAW e il padrone. Comitati di solidarietà con gli operai della Volvo in sciopero si sono costituiti in diversi stabilimenti (Ford di Cleveland, Indianapolis). Che si inventeranno ora i sindacalisti venduti e i padroni della Volvo?
Condividi:

Nel più grande stabilimento Volvo al mondo, per volumi produttivi, gli operai continuano a bloccare la produzione. Dopo aver respinto per due volte a maggio e giugno, con un sonoro NO (91 e 90% di voti contrari), le ipotesi di contratto concordate tra i sindacalisti corrotti dello UAW e il padrone, la determinazione e la partecipazione agli scioperi, sostenuti dal 98% degli operai sindacalizzati, costringe i padroni della Volvo e i loro amici nello UAW a presentare una terza bozza di contratto. Anche questo accordo viene respinto nel referendum della prima settimana di luglio. Il NO ha sfiorato il 70% per quanto riguarda la parte salariale e al 60% per l’orario di lavoro. Comitati di solidarietà con gli operai della Volvo in sciopero si sono costituiti in diversi stabilimenti (Ford di Cleveland, Indianapolis). Che si inventeranno ora i sindacalisti venduti e i padroni della Volvo?

GLI OPERAI DELLA VOLVO DELLO STABILIMENTO PRODUZIONE CAMION IN SCIOPERO, BOCCIANO L’IPOTESI DI ACCORDO.
L’ipotesi di accordo tra Volvo Trucks North America e il sindacato che rappresenta quasi 3.000 operai che hanno scioperato due volte quest’anno in una fabbrica di camion nel sud-ovest della Virginia è stato bocciato dagli operai in sciopero, hanno annunciato venerdì i funzionari di United Auto Workers (UAW).
È stato il terzo tentativo di accordo di lavoro bocciato dagli operai sindacalizzati quest’anno.
Il comunicato della dirigenza UAW ha affermato che gli operai dello stabilimento di assemblaggio di trattori e rimorchi della società a Dublino (USA) continueranno il loro attuale sciopero dopo aver respinto la bozza di accordo del 1° luglio.
“Apprezziamo la solidarietà e il sostegno della comunità mentre continuiamo a tenere il picchetto e a negoziare un contratto equo” per i membri dell’UAW Local 2069, ha affermato il comunicato dell’UAW rilasciato a Detroit.
Volvo afferma che lo stabilimento di Dublino (USA) è il più grande, per volume di produzione, di autoarticolati Volvo al mondo. L’azienda è uno dei maggiori datori di lavoro del settore privato della regione, con circa 3.300 dipendenti, di cui circa 2.900 rappresentati dall’UAW.
Il precedente contratto, raggiunto nel 2016, sarebbe dovuto scadere a metà marzo e le trattative sono iniziate a febbraio. Gli operai hanno scioperato dal 17 al 30 aprile e sono tornati al lavoro alla ripresa delle trattative. I membri dell’UAW hanno rifiutato una proposta di contratto a maggio. La società ha annunciato un altro accordo provvisorio nello stesso mese, ma è stato respinto il 6 giugno.
Volvo Trucks North America (NVR) ha osservato che si tratta della terza ipotesi di accordo approvata dai burocrati della UAW ma bocciata dagli operai iscritti all’UAW coinvolti nelle operazioni di assemblaggio di camion Volvo nella New River Valley a Dublino.
“Dati i significativi guadagni salariali e i vantaggi di prima classe offerti da questo accordo e il forte sostegno che ha ottenuto dalla leadership di UAW a tutti i livelli, questo risultato è inaspettato e molto deludente”, ha affermato il vicepresidente e direttore generale di NRV Franky Marchand, sostenendo nel comunicato che la società stava considerando i suoi prossimi passi.
“Lo sciopero in corso, che continuiamo a ritenere non necessario, sta danneggiando i nostri clienti e ha già rallentato il nostro progetto di espandere e aggiornare la struttura”, ha affermato. “Nessuno sta guadagnando dalla situazione attuale e prenderemo in considerazione tutte le opzioni relative al processo di contrattazione”

Secondo il manager della Volvo, il Gruppo Volvo è l’unico gruppo di produzione di autocarri pesanti che assembla tutti i suoi autocarri e motori per il mercato nordamericano negli Stati Uniti. Sostenendo che lo stabilimento è oggetto di un investimento di 400 milioni di dollari per aggiornamenti tecnologici, espansione del sito e preparazione per prodotti futuri, incluso il camion elettrico Volvo VNR. Ha aggiunto che nello stabilimento sono arrivati 1.100 posti di lavoro in più da quando l’attuale accordo sindacale è stato implementato nel 2016 ed è sulla buona strada per avere un aumento netto di circa 600 assunzioni nel 2021.
Fonte AP NEWS
A cura di M. C.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.