PIAGGIO PONTEDERA/ COLPO SU COLPO

Martedi 1 giugno di nuovo Sciopero, un'ora a fine turno è la risposta alla pressione ed ai ricatti di capi e capetti sui giovani interinali che hanno scioperato Venerdi. Il comunicato dei delegati sindacali e del gruppo operaio Piaggio.
Condividi:

Martedi 1 giugno di nuovo Sciopero, un’ora a fine turno è la risposta alla pressione ed ai ricatti di capi e capetti sui giovani interinali che hanno scioperato Venerdi. Il comunicato dei delegati sindacali e del gruppo operaio Piaggio.


La Piaggio teme che i precari alzino la testa!
Dopo l’ultimo sciopero,  come già altre volte,  ci sono stati episodi di pesanti pressioni  nei confronti dei lavoratori precari.
Capi squadra che non hanno  perso  occasione per  dissuaderli dal fare sciopero e   dal battersi per vedere riconosciuti i propri diritti.  Con frasi ammiccanti e minacciose: “fossi in te eviterei di fare sciopero”;  “ma come, hai fatto sciopero? mi hai deluso”; “ ti avevo detto..di giocare bene le tue carte, te lo dico come fossi tuo padre”, ecc., ecc…
La verità è che questi Signori sono capi,    sorveglianti, NON PADRI, pagati dal padrone  meglio degli operai per riuscire a ottenere quello che vuole: lavoratori obbedienti e produttivi, pronti a dire sempre SÌ senza pretese.
A questa azienda serve un numero alto di lavoratori precari rispetto all’organico fisso, per  organizzare la produzione in modo stagionale  e risparmiare i costi di magazzino. Un organizzazione  del lavoro che prevede la  completa ubbidienza dell’operaio, che   deve adeguarsi  totalmente ai tempi dell’azienda,  essere disponibile  ad un lavoro breve  e intenso, con lo straordinario come regola.
Se saltasse    la passività dei  lavoratori a termine, non sarebbe più sostenibile per la Piaggio  questa   organizzazione produttiva che, per il lavoratori, ha avuto per unico  risultato l’intensificazione di precariato, sfruttamento e cassa integrazione.  Sarebbe obbligata  ad  allungare i  periodi produttivi e venire a patti con le  giuste rivendicazioni dei lavoratori.
Per queste ragioni, è veramente un bel segnale verso tutti i lavoratori, l’adesione allo sciopero di venerdì scorso di tanti precari, che hanno inteso esecitare un  proprio diritto, sindacale e civile, e maturato la necessità dell’unione di tutti i lavoratori.
Contro  l’atteggiamento dei capi verso questi giovani lavoratori, dichiariamo per martedì 1 giugno ‘21
 un’ora di sciopero a fine turno in tutto lo stabilimento
Delegati: Cappellini, Tecce, Guezze, Bellagamba, Mei, Di Sacco – comitato operai piaggio

https://www.operaicontro.it/whatsapp-image-2021-05-31-at-13-08-11/
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.