La strada fallimentare di Landini

Cara Redazione, la strada che sta imboccando Landini è fallimentare. E’ vero che oggi Landini può presentarsi come il leader del malcontento generale per due motivi: primo fa largo uso della presenza mediatica, secondo tenta di sfruttare la disfatta della sinistra. La coalizione sociale oggi proposta dalla FIOM è la più verticistica e rarefatta tra quelle sperimentate in questi anni, in realtà non ruota neppure attorno al sindacato, ma alla figura del suo leader. Landini dovrebbe organizzare i delegati combattivi e gli operai dentro le fabbriche e solo in questo modo riuscirebbe a coinvolgere altri soggetti sociali. Ci vorrebbe […]
Condividi:

Cara Redazione, la strada che sta imboccando Landini è fallimentare. E’ vero che oggi Landini può presentarsi come il leader del malcontento generale per due motivi: primo fa largo uso della presenza mediatica, secondo tenta di sfruttare la disfatta della sinistra. La coalizione sociale oggi proposta dalla FIOM è la più verticistica e rarefatta tra quelle sperimentate in questi anni, in realtà non ruota neppure attorno al sindacato, ma alla figura del suo leader. Landini dovrebbe organizzare i delegati combattivi e gli operai dentro le fabbriche e solo in questo modo riuscirebbe a coinvolgere altri soggetti sociali. Ci vorrebbe insomma una vera rottura per evitare strade già percorse senza risultati. Invece, pur polemizzando duramente tra loro, Camusso e Landini coabitano nella stessa crisi sindacale e alla fine offrono ad essa risposte concorrenziali, ma simili. Un operaio

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.