Giornale, Numero 17 del 17 maggio 2018

Ilva Taranto, colpito sulla gru muore operaio. Operai: sciopero immediato

Redazione di Operai Contro, Un operaio della ditta di carpenterie metalliche Ferplast dell’appalto Ilva, Angelo Raffaele Fuggiano, di 28 anni, dipendente della ditta d’appalto Ferplast, è morto colpito dal cavo […]

Redazione di Operai Contro,

Un operaio della ditta di carpenterie metalliche Ferplast dell’appalto Ilva, Angelo Raffaele Fuggiano, di 28 anni, dipendente della ditta d’appalto Ferplast, è morto colpito dal cavo di una gru.

Durante il cambio funi per la macchina scaricatrice DM 6, un cavo sarebbe saltato durante la fase di ancoraggio della parte finale travolgendo il lavoratore.

La vittima lascia la compagna e due bambini piccoli (un maschietto e una femminuccia).

Ironicamente era stato posto un trafiletto che invitava gli operai a salutare moglie e figli perché non sarebbero sicuri di tornare a casa dal lavoro.

E’ la verità

Gli operai hanno proclamato lo sciopero dei dipendenti diretti e dell’appalto dalle 11 di oggi fino a tutto il primo turno di domani

Nel corso degli ultimi mesi, dicono i sindacati «sono stati consumati più scioperi (ultimo il 30 aprile) per denunciare le condizioni di sicurezza carenti, generate anche da una serie di mancanze organizzative, assenza di investimenti e manutenzioni più volte denunciati, e oggi l’ennesimo inaccettabile episodio».

I sindacalisti dimenticano di dire che gli operai vengono uccisi per garantire profitti più alti ai padroni

I sindacalisti continuano a parlare di ” cultura della sicurezza “, ora aggiungono che è necessario un codice degli appalti. I sindacalisti chiedono il solito tavolo.

Il sindacato è diventato il garante del profitto dei padroni.

Padroni e sindacalisti ingrassano con il sangue degli operai

Operai, dobbiamo dire basta al lavoro-salariato

Operai, dobbiamo insorgere contro i padroni e i loro leccapiedi del sindacato

Un operaio dell’ILVA

Lascia una risposta