Giornale, Numero 176 del 11 dicembre 2016

La Confindustria per il SI all’unanimità

Redazione di Operai Contro, La sconfitta di Renzi non è solo la sua sconfitta, ma anche la sconfitta dei suoi amici padroni. Il corriere della Sera il 6 dicembre ha […]

Redazione di Operai Contro,

La sconfitta di Renzi non è solo la sua sconfitta, ma anche la sconfitta dei suoi amici padroni. Il corriere della Sera il 6 dicembre ha pubblicato l’intervista a Boccia dove quest’ultimo esponeva che confindustria aveva all’unanimità votato per l’appoggio del sì. Si può quindi affermare che il voto non è stato solamente contro il governo Renzi, ma anche contro ai padroni che ne hanno per tre anni guidato le scelte. Prima di tra tutte le leggi fatte per i padroni ricorderemo il jobact che pesa soprattutto sui giovani che non a caso più nettamente si sono espressi per il NO.

Nel corso della sua intervista più volte cerca di prendere formali distanze dai partiti politici e al tempo stesso cerca di gettare già le basi del rapporto con qualsiasi prossimo governo, probabilmente consapevole che ogni partito italiano sarà sempre comunque al servizio dei padroni. Chiunque governerà per Boccia dovrà realizzare le volontà dei padroni anche mettendo in conto scelte impopolari, questo è quello che afferma senza mezzi termini.

Come ben sapevamo quindi a noi che abbia vinto il No o se avesse vinto il SI cambia poco perché non ci interessa difendere la costituzione che è comunque fatta per aiutare soprattutto i padroni. È però in ogni caso significativo che la maggior parte dei cittadini hanno bocciato il governo Renzi e i padroni.

D.C.

Lascia una risposta