Archive for Dicembre 30th, 2015

  •   Caricato il 27 feb 2012 Le immagini si riferiscono allo sciopero dei metallurgici e degli operai della General Motors del 1937. Altri tempi? Facebook Comments 0

    UNA CANZONE DI JOE HILL

      Caricato il 27 feb 2012 Le immagini si riferiscono allo sciopero dei metallurgici e degli operai della General Motors del 1937. Altri tempi? Facebook Comments

    Continue Reading

  • da ilmanifesto.info Era la fine del 1915, cent’anni fa. A Salt Lake City, Utah, i tribunali e lo stato uccisero Joe Hill, militante e bardo del sindacato rivoluzionario degli Industrial Workers of the World (Iww). Dal carcere, aveva scritto: «So che molti ribelli importanti dicono che la satira e la canzone sono fuori luogo in un’organizzazione di lavoratori, e ammetto che le canzoni non sono indispensabili alla causa; ma ogni volta che mi viene, continuerò a scrivere queste mie sciocchezze cantate, anche se so bene che la lotta di classe è una cosa seria». Alle radici di Dylan Scrive Tom Morello, musicista ribelle di oggi: «Senza Joe Hill, […] 0

    JOE HILL: UN SINDACALISTA RIVOLUZIONARIO

    da ilmanifesto.info Era la fine del 1915, cent’anni fa. A Salt Lake City, Utah, i tribunali e lo stato uccisero Joe Hill, militante e bardo del sindacato rivoluzionario degli Industrial Workers of the World (Iww). Dal carcere, aveva scritto: «So che molti ribelli importanti dicono che la satira e la canzone sono fuori luogo in un’organizzazione di lavoratori, e ammetto che le canzoni non sono indispensabili alla causa; ma ogni volta che mi viene, continuerò a scrivere queste mie sciocchezze cantate, anche se so bene che la lotta di classe è una cosa seria». Alle radici di Dylan Scrive Tom Morello, musicista ribelle di oggi: «Senza Joe Hill, […]

    Continue Reading

  •   Piccole osservazione in tema di inquinamento  I mutamenti climatici, ovvero l’aumento della temperatura della Terra, non sono una novità, sono dovuti a fattori naturali su cui sono state elaborate varie teorie «scientifiche», non sempre concordi. In questi ultimi anni, l’aumento della temperatura si è coniugato con il costante peggioramento delle condizioni ambientali, fomentando tesi ancor più stonate. Al recente COP21 di Parigi, l’attenzione di politicanti e «scienziati» (con contorno di pennivendoli di alto e basso rango) si è posta soprattutto sul riscaldamento climatico, determinato dalle emissioni di anidride carbonica (CO2), sorvolando bellamente sulle catastrofi umane e ambientali, causate […] 0

    Polveri sottili e speculazione immobiliare

      Piccole osservazione in tema di inquinamento  I mutamenti climatici, ovvero l’aumento della temperatura della Terra, non sono una novità, sono dovuti a fattori naturali su cui sono state elaborate varie teorie «scientifiche», non sempre concordi. In questi ultimi anni, l’aumento della temperatura si è coniugato con il costante peggioramento delle condizioni ambientali, fomentando tesi ancor più stonate. Al recente COP21 di Parigi, l’attenzione di politicanti e «scienziati» (con contorno di pennivendoli di alto e basso rango) si è posta soprattutto sul riscaldamento climatico, determinato dalle emissioni di anidride carbonica (CO2), sorvolando bellamente sulle catastrofi umane e ambientali, causate […]

    Continue Reading

  • CONSIDERIAMO IMPORTANTI LE LOTTE DEGLI OPERAI TURCHI PURTROPPO NON CONOSCIAMO IL TURCO. VI INVIAMO LA TRADUZIONE OTTENUTA CON GOOGLE SE QUALCUNO CI AIUTA SIAMO CONTENTI Asgari ücretliden daha fazla vergi kesilecek. 2015’te 12 bin liraya kadar olan gelirler yüzde 15’lik vergi dilimine girerken bu rakam bu yıl sadece yüzde 5 artışla 12 bin 600 liraya çıkarıldı. Yani 12 bin 600 liraya kadar olan gelirler yüzde 15’lik vergi dilimi kapsamında olacak. Üzerindeki gelirler ise yüzde 20’lik dilime girecek. Buna göre asgari ücretli eylülden itibaren yüzde 20’lik dilime gireceği için aylık kaybı 70 lira olacak. İşçinin 4 aylık kaybı ise 280 […] 0

    OPERAI TURCHI

    CONSIDERIAMO IMPORTANTI LE LOTTE DEGLI OPERAI TURCHI PURTROPPO NON CONOSCIAMO IL TURCO. VI INVIAMO LA TRADUZIONE OTTENUTA CON GOOGLE SE QUALCUNO CI AIUTA SIAMO CONTENTI Asgari ücretliden daha fazla vergi kesilecek. 2015’te 12 bin liraya kadar olan gelirler yüzde 15’lik vergi dilimine girerken bu rakam bu yıl sadece yüzde 5 artışla 12 bin 600 liraya çıkarıldı. Yani 12 bin 600 liraya kadar olan gelirler yüzde 15’lik vergi dilimi kapsamında olacak. Üzerindeki gelirler ise yüzde 20’lik dilime girecek. Buna göre asgari ücretli eylülden itibaren yüzde 20’lik dilime gireceği için aylık kaybı 70 lira olacak. İşçinin 4 aylık kaybı ise 280 […]

    Continue Reading

  •  Redazione di Operai contro, ti invio uno scritto di Marco Damilano, che si chiede dove sono finiti gli intellettuali. La risposta semplice è che gli intellettuali italiani sguazzano nella merda di privilegi che gli concedono i padroni. Si potrebbe aggiungere che il ruolo degli intellettuali italiani è sempre stato quello di portare allo sbando gli operai che si ribellavano ai padroni ( vedi A. Sofri, Negri e altri) Si potrebbe aggiungere che gli intellettuali italiani sono degli ignoranti leccaculo dei padroni, senza paura di sbagliare. Molti intellettualini della cosidetta “sinistra” per restare a galla hanno seguito la strada di […] 0

    GLI INTELLETTUALI SONO AL SERVIZIO DEI PADRONI

     Redazione di Operai contro, ti invio uno scritto di Marco Damilano, che si chiede dove sono finiti gli intellettuali. La risposta semplice è che gli intellettuali italiani sguazzano nella merda di privilegi che gli concedono i padroni. Si potrebbe aggiungere che il ruolo degli intellettuali italiani è sempre stato quello di portare allo sbando gli operai che si ribellavano ai padroni ( vedi A. Sofri, Negri e altri) Si potrebbe aggiungere che gli intellettuali italiani sono degli ignoranti leccaculo dei padroni, senza paura di sbagliare. Molti intellettualini della cosidetta “sinistra” per restare a galla hanno seguito la strada di […]

    Continue Reading

  • L’analisi di Guido Rampoldi dal fatto quotidiano   Da come si mettono le cose pare sempre più probabile che la guerra all’Isis sarà solo il preludio di una carneficina più vasta e generalizzata dalla sponda sud del Mediterraneo al lontano Mar Arabico. I segni premonitori sono inequivocabili, a cominciare da un affollarsi di analisti intorno alle mappe di Siria e Iraq, dichiarati Stati defunti dall’ex ambasciatore americano all’Onu John Bolton. E anche se in via ufficiale nessun governo fa propria quella dichiarazione di morte, già comincia a circolare l’ipotesi di sezionare i cadaveri presunti con tecniche chirurgiche simili a […] 0

    IMPERIALISMO: LA SPARTIZIONE DELLE NUOVE COLONIE

    L’analisi di Guido Rampoldi dal fatto quotidiano   Da come si mettono le cose pare sempre più probabile che la guerra all’Isis sarà solo il preludio di una carneficina più vasta e generalizzata dalla sponda sud del Mediterraneo al lontano Mar Arabico. I segni premonitori sono inequivocabili, a cominciare da un affollarsi di analisti intorno alle mappe di Siria e Iraq, dichiarati Stati defunti dall’ex ambasciatore americano all’Onu John Bolton. E anche se in via ufficiale nessun governo fa propria quella dichiarazione di morte, già comincia a circolare l’ipotesi di sezionare i cadaveri presunti con tecniche chirurgiche simili a […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, per Renzi e la politica monetaria della Bce con a capo Draghi, bisogna aumentare l’inflazione, vogliono aumentare i prezzi, fermo restando il salario con il suo potere d’acquisto. L’inflazione nel 2015 L’inflazione in Italia (Istat) nel 2015 è stata dello 0,03%. Facendo la spesa i prezzi sembrano aumentati di più, ma evidentemente come già detto in altre occasioni, l’aumento dei prezzi è stato “contenuto” dal calo della massa dei consumi, in modo che confrontando la somma della massa dei consumi (diminuiti), con la somma della massa dei prezzi (aumentati), quest’ultima risulta “contenuta”. Questo ha un peso […] 0

    Salario fermo nel 2015. Nel 2016 Renzi e Draghi lo vogliono affossare

    Caro Operai Contro, per Renzi e la politica monetaria della Bce con a capo Draghi, bisogna aumentare l’inflazione, vogliono aumentare i prezzi, fermo restando il salario con il suo potere d’acquisto. L’inflazione nel 2015 L’inflazione in Italia (Istat) nel 2015 è stata dello 0,03%. Facendo la spesa i prezzi sembrano aumentati di più, ma evidentemente come già detto in altre occasioni, l’aumento dei prezzi è stato “contenuto” dal calo della massa dei consumi, in modo che confrontando la somma della massa dei consumi (diminuiti), con la somma della massa dei prezzi (aumentati), quest’ultima risulta “contenuta”. Questo ha un peso […]

    Continue Reading