Archive for 15 Dicembre, 2015

  • Metal İşçileri Birliği – MİB Ieri alle 18:34 · 2015’TE OTOMOTİV ÜRETİMİNDE REKORLAR KIRILDI… HADİ BAKALIM BEYLER PAMUK ELLER CEBE, 2017’Yİ BEKLEYEMEZ İŞÇİ ÜCRETLERE ZAM YAPMA ZAMANIDIR!!! 2015’te otomotiv üretimi rekor kırdı. İyi güzel peki asgari ücret diyelim ki 1300 TL olduğunda tüm ücret gruplarına aynı oranlarda ücret iyileştirmesi yapacak mısınız? Ey TM ve diğer sendika yönetimleri masaya yumruğunuzu vurup “Madem kazandınız, işçimiz bunun için her türlü fedakarlığı yaptı, artık 2017’yi beklemeyiz sözleşmeyi tadil edeceksiniz” diyebilecek misiniz? 2015 nella produzione automobilistica hanno record è rotto… Forza, andiamo a vedere ragazzi cotone le mani in tasca, 2017, non possiamo aspettare […] 0

    OPERAI TURCHI

    Metal İşçileri Birliği – MİB Ieri alle 18:34 · 2015’TE OTOMOTİV ÜRETİMİNDE REKORLAR KIRILDI… HADİ BAKALIM BEYLER PAMUK ELLER CEBE, 2017’Yİ BEKLEYEMEZ İŞÇİ ÜCRETLERE ZAM YAPMA ZAMANIDIR!!! 2015’te otomotiv üretimi rekor kırdı. İyi güzel peki asgari ücret diyelim ki 1300 TL olduğunda tüm ücret gruplarına aynı oranlarda ücret iyileştirmesi yapacak mısınız? Ey TM ve diğer sendika yönetimleri masaya yumruğunuzu vurup “Madem kazandınız, işçimiz bunun için her türlü fedakarlığı yaptı, artık 2017’yi beklemeyiz sözleşmeyi tadil edeceksiniz” diyebilecek misiniz? 2015 nella produzione automobilistica hanno record è rotto… Forza, andiamo a vedere ragazzi cotone le mani in tasca, 2017, non possiamo aspettare […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Boschi è un uomo onesto. Lo dice la figlia. Lo dice la moglie. Boschi era vice presidente della Banca Etruria, ma non sapeva niente Boschi prendeva uno stipendio da nababbo, ma non faceva niente Era stato messo li per caso Un toscano di Pisa dal corriere Sono accusati di aver sfruttato a fini personali il ruolo che avevano all’interno dell’Istituto. E di averlo fatto per godere di finanziamenti che altrimenti non avrebbero potuto ottenere. Per questo l’ex presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi e l’ex membro del Cda Luciano Nataloni sono accusati dalla procura di […] 0

    E’ UN UOMO ONESTO

    Redazione di Operai Contro, Boschi è un uomo onesto. Lo dice la figlia. Lo dice la moglie. Boschi era vice presidente della Banca Etruria, ma non sapeva niente Boschi prendeva uno stipendio da nababbo, ma non faceva niente Era stato messo li per caso Un toscano di Pisa dal corriere Sono accusati di aver sfruttato a fini personali il ruolo che avevano all’interno dell’Istituto. E di averlo fatto per godere di finanziamenti che altrimenti non avrebbero potuto ottenere. Per questo l’ex presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi e l’ex membro del Cda Luciano Nataloni sono accusati dalla procura di […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai contro, non si capisce più niente – Gli USA erano a capo di una coalizione di 50 stati per combattere il dittatore Assad e il Califfato.      Della coalizione USA faceva parte la Turchia. I padroni Turchi bombardano i curdi. I Curdi si oppongono all’ISIS e sono armati dagli USA – I francesi hanno costituito una coalizione per combattere il califfato che ha come attore principale i padroni Russi che sono sostenitori del dittatore siriano Assad. Fanno parte della coalizione dei padroni Francesi, i padroni Iraniani e gli Hezbollah Libanesi , alleati e sostenitori del dittatore siriano  […] 0

    1, 2, 3, COALIZIONI PER LA LOTTA ALL’ ISIS

    Redazione di Operai contro, non si capisce più niente – Gli USA erano a capo di una coalizione di 50 stati per combattere il dittatore Assad e il Califfato.      Della coalizione USA faceva parte la Turchia. I padroni Turchi bombardano i curdi. I Curdi si oppongono all’ISIS e sono armati dagli USA – I francesi hanno costituito una coalizione per combattere il califfato che ha come attore principale i padroni Russi che sono sostenitori del dittatore siriano Assad. Fanno parte della coalizione dei padroni Francesi, i padroni Iraniani e gli Hezbollah Libanesi , alleati e sostenitori del dittatore siriano  […]

    Continue Reading

  • Cara Redazione, costretti a vivere sottotraccia dalla mancanza di una politica dell’accoglienza e dal clima da caccia all’uomo, innescato dalla propaganda razzista, i lavoratori immigrati sono tra i più sfruttati e meno pagati. in Italia costituiscono il 10% dei lavoratori. Su dieci immigrati che lavorano, quattro prendono meno di 800 euro al mese. Poi ce n’è una marea sotto il ricatto del lavoro irregolare e in nero. Per i padroni sono un vero affarone, ringraziano Renzi e Salvini per la forza lavoro a prezzi stracciati. I dati del rapporto della Fondazione Ismu. Saluti da un lettore.   MILANO -I […] 0

    4 immigrati su 10 sotto gli di 800 euro al mese

    Cara Redazione, costretti a vivere sottotraccia dalla mancanza di una politica dell’accoglienza e dal clima da caccia all’uomo, innescato dalla propaganda razzista, i lavoratori immigrati sono tra i più sfruttati e meno pagati. in Italia costituiscono il 10% dei lavoratori. Su dieci immigrati che lavorano, quattro prendono meno di 800 euro al mese. Poi ce n’è una marea sotto il ricatto del lavoro irregolare e in nero. Per i padroni sono un vero affarone, ringraziano Renzi e Salvini per la forza lavoro a prezzi stracciati. I dati del rapporto della Fondazione Ismu. Saluti da un lettore.   MILANO -I […]

    Continue Reading

  • Redazione di O.C. La disponibilità in Iraq delle materie prime (petrolio e gas naturale) rappresenta oltre il 90% della ricchezza del paese e il 65 % del PIL, il governo iracheno nel 2011 aveva presentato un ulteriore piani di sviluppo per l’estrazione del petrolio, per portare la produzione giornaliera a 12 milioni di barili nell’arco di 6/7 anni ( la produzione nel 2011 era stimata in “appena” 250.000 barili al giorno . Il governo americano aveva ritirato l’esercito , ma non aveva ritirato ì contractors. Una forza di quasi 100.000 uomini che controllava interamente l’Iraq, costando tra le altre […] 0

    Imperialismo: bombardare per sedersi al tavolo e dividersi il bottino

    Redazione di O.C. La disponibilità in Iraq delle materie prime (petrolio e gas naturale) rappresenta oltre il 90% della ricchezza del paese e il 65 % del PIL, il governo iracheno nel 2011 aveva presentato un ulteriore piani di sviluppo per l’estrazione del petrolio, per portare la produzione giornaliera a 12 milioni di barili nell’arco di 6/7 anni ( la produzione nel 2011 era stimata in “appena” 250.000 barili al giorno . Il governo americano aveva ritirato l’esercito , ma non aveva ritirato ì contractors. Una forza di quasi 100.000 uomini che controllava interamente l’Iraq, costando tra le altre […]

    Continue Reading