MURATORI CON LA PARTITA IVA

Redazione di Operai Contro, l’ INAIL sostiene che gli infortuni nell’edilizia si sono dimezzati. E’ un falso l’attività nell’edilizia si è ridotta del 50%. In più molti incidenti, non verrebbero neppure più denunciati perché il sommerso la fa da padrone. Si sta alzando l’età media dei muratori caduti sul lavoro.  Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti in merito ebbe a dire che non era nemmeno concepibile che ci fossero muratori con la partita Iva, eppure incrociando i dati si può arrivare a stimare come in Italia ce ne sia grosso modo mezzo milione, di cui il 40 per cento […]

Redazione di Operai Contro,

l’ INAIL sostiene che gli infortuni nell’edilizia si sono dimezzati.

E’ un falso l’attività nell’edilizia si è ridotta del 50%.

In più molti incidenti, non verrebbero neppure più denunciati perché il sommerso la fa da padrone.

Si sta alzando l’età media dei muratori caduti sul lavoro.

 Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti in merito ebbe a dire che non era nemmeno concepibile che ci fossero muratori con la partita Iva, eppure incrociando i dati si può arrivare a stimare come in Italia ce ne sia grosso modo mezzo milione, di cui il 40 per cento rappresentato da lavoratori stranieri.

Il dato di Roma è particolarmente illuminante: nei primi 9 mesi del 2014 l’occupazione nel settore edile è scesa del 3,9 per cento mentre i lavoratori autonomi sono saliti del 16 per cento!

 Il ricatto dei padroni è chiaro: o ti fai la partita IVA o non lavori.

Dal 2000 a oggi non c’è stato nessun ingresso di giovani, almeno nel Centro Nord, e i vuoti sono stati riempiti, più che in altri Paesi europei, da lavoratori stranieri. Egiziani e rumeni a Milano, serbi e croati nel Nord Est e soprattutto rumeni a Roma, grazie a un trattato bilaterale che preesisteva allo stesso ingresso di Bucarest nella Ue.

Un operaio edile

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.