Archive for 20 Febbraio, 2015

  • Redazione di OperaiContro, il Governo LEGACOOP-PD viaggiando alla velocità della luce e come uno schiacciasassi sulle ossa del proletariato sta per approvare il cosiddetto decreto “milleproroghe”. Gli straccetti di regime continuano la cantilena padronale, raccontando beatamente che il buongoverno dà una mano alle migliaia di persone che vivono con un’ingiunzione di sfratto tra capo e collo: non è vero un cazzo! O meglio, è vero per pochissimi casi. Dal governo Monti in poi lo Stato ha sdoganato il concetto per cui la proroga agli sfratti venga data solo PER FINITA LOCAZIONE a famiglie con ultra65enni, malati terminali e/o persone […] 0

    MILLEPROROGHE- MILLESFRATTI

    Redazione di OperaiContro, il Governo LEGACOOP-PD viaggiando alla velocità della luce e come uno schiacciasassi sulle ossa del proletariato sta per approvare il cosiddetto decreto “milleproroghe”. Gli straccetti di regime continuano la cantilena padronale, raccontando beatamente che il buongoverno dà una mano alle migliaia di persone che vivono con un’ingiunzione di sfratto tra capo e collo: non è vero un cazzo! O meglio, è vero per pochissimi casi. Dal governo Monti in poi lo Stato ha sdoganato il concetto per cui la proroga agli sfratti venga data solo PER FINITA LOCAZIONE a famiglie con ultra65enni, malati terminali e/o persone […]

    Continue Reading

  • Redazione di OperaiContro, prosegue a testa alta la lotta degli operai del settore petrolifero negli Stati Uniti d’America, capaci di incidere direttamente ed allargarsi anche in alcuni impianti del settore chimico della Federazione. Nella serata di giovedì 19 febbraio sono saltate per la sesta volta le trattative intavolate dalla United Steel Workers (USW) con la maggiore delle compagnie coinvolte, il colosso multinazionale SHELL. Il sindacato prosegue quindi le rivendicazioni contro la scarsità di mezzi e risorse economiche per aumentare i salari, la mancata volontà di accollarsi integralmente i costi dell’assicurazione sanitaria e migliorare la sicurezza sul lavoro. È stato […] 0

    OPERAI PETROLIFERO U.S.A. PROSEGUONO GLI SCIOPERI, IL SINDACATO USW FRENA

    Redazione di OperaiContro, prosegue a testa alta la lotta degli operai del settore petrolifero negli Stati Uniti d’America, capaci di incidere direttamente ed allargarsi anche in alcuni impianti del settore chimico della Federazione. Nella serata di giovedì 19 febbraio sono saltate per la sesta volta le trattative intavolate dalla United Steel Workers (USW) con la maggiore delle compagnie coinvolte, il colosso multinazionale SHELL. Il sindacato prosegue quindi le rivendicazioni contro la scarsità di mezzi e risorse economiche per aumentare i salari, la mancata volontà di accollarsi integralmente i costi dell’assicurazione sanitaria e migliorare la sicurezza sul lavoro. È stato […]

    Continue Reading

  • Redazione, HTML clipboard Da marzo 2015 contratto a tutele crescenti Arriva il via libera definitivo al nuovo contratto a tutele crescenti, che scatterà dal primo marzo 2015. Chi assume con questo strumento, godrà di una cospicua decontribuzione a carico dello Stato. — L’indennizzo economico in caso di licenziamento Per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato si limita la possibilità del reintegro del lavoratore, prevedendo invece indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità di servizio. Il reintegro sarà possibile solo in caso di licenziamento discriminatorio o per licenziamento disciplinare per il quale venga provata l’insussistenza del fatto materiale […] 0

    JOBS ACT

    Redazione, HTML clipboard Da marzo 2015 contratto a tutele crescenti Arriva il via libera definitivo al nuovo contratto a tutele crescenti, che scatterà dal primo marzo 2015. Chi assume con questo strumento, godrà di una cospicua decontribuzione a carico dello Stato. — L’indennizzo economico in caso di licenziamento Per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato si limita la possibilità del reintegro del lavoratore, prevedendo invece indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità di servizio. Il reintegro sarà possibile solo in caso di licenziamento discriminatorio o per licenziamento disciplinare per il quale venga provata l’insussistenza del fatto materiale […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, l’ INAIL sostiene che gli infortuni nell’edilizia si sono dimezzati. E’ un falso l’attività nell’edilizia si è ridotta del 50%. In più molti incidenti, non verrebbero neppure più denunciati perché il sommerso la fa da padrone. Si sta alzando l’età media dei muratori caduti sul lavoro.  Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti in merito ebbe a dire che non era nemmeno concepibile che ci fossero muratori con la partita Iva, eppure incrociando i dati si può arrivare a stimare come in Italia ce ne sia grosso modo mezzo milione, di cui il 40 per cento […] 0

    MURATORI CON LA PARTITA IVA

    Redazione di Operai Contro, l’ INAIL sostiene che gli infortuni nell’edilizia si sono dimezzati. E’ un falso l’attività nell’edilizia si è ridotta del 50%. In più molti incidenti, non verrebbero neppure più denunciati perché il sommerso la fa da padrone. Si sta alzando l’età media dei muratori caduti sul lavoro.  Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti in merito ebbe a dire che non era nemmeno concepibile che ci fossero muratori con la partita Iva, eppure incrociando i dati si può arrivare a stimare come in Italia ce ne sia grosso modo mezzo milione, di cui il 40 per cento […]

    Continue Reading

  • dal fatto quotidiano L’aula del Senato ha approvato il decreto sull’Ilva varato il 24 dicembre, votando con 151 voti favorevoli e 114 contrari la fiducia al maxi-emendamento presentato dal governo. Il testo passa ora alla Camera, ma è sostanzialmente blindato visto che deve essere convertito in legge entro il 6 marzo pena la decadenza. Confermati l’ammissione del siderurgico alla procedura di amministrazione straordinaria e i poteri straordinari attribuiti ai commissariPiero Gnudi, Claudio Carrubba ed Enrico Laghi per attuare l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), compresa l’immunità penale e amministrativa “per le condotte poste in essere in attuazione del piano”. Piano che peraltro si considererà attuato se […] 0

    Ilva, Senato vota decreto. Poche risorse e salta il polo per lotta a tumori infantili

    dal fatto quotidiano L’aula del Senato ha approvato il decreto sull’Ilva varato il 24 dicembre, votando con 151 voti favorevoli e 114 contrari la fiducia al maxi-emendamento presentato dal governo. Il testo passa ora alla Camera, ma è sostanzialmente blindato visto che deve essere convertito in legge entro il 6 marzo pena la decadenza. Confermati l’ammissione del siderurgico alla procedura di amministrazione straordinaria e i poteri straordinari attribuiti ai commissariPiero Gnudi, Claudio Carrubba ed Enrico Laghi per attuare l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), compresa l’immunità penale e amministrativa “per le condotte poste in essere in attuazione del piano”. Piano che peraltro si considererà attuato se […]

    Continue Reading

  • Redazione In Libia c’è il rischio di un “franchising del terrore con gruppi locali che decidono che la bandiera dell’Isis ha più visibilità” e quindi si uniscono ai jihadisti. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a Porta a Porta, sottolineando che l’Isis ha un “marchio lugubre dall’alto valore simbolico”. Gentiloni vuole essere ricordato come il ministro italiano che continuò l’opera di Mussolini “Bisogna restare uniti nel combattere la piaga del terrore”: lo ha detto il presidente Usa, Barack Obama, rivolgendosi ai rappresentanti di almeno 60 Paesi e accusando l’Isis di “genocidio”, di “violenza inspiegabile che sciocca il mondo intero”. Violenza […] 0

    IL MARESCIALLO GENTILONI,

    Redazione In Libia c’è il rischio di un “franchising del terrore con gruppi locali che decidono che la bandiera dell’Isis ha più visibilità” e quindi si uniscono ai jihadisti. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a Porta a Porta, sottolineando che l’Isis ha un “marchio lugubre dall’alto valore simbolico”. Gentiloni vuole essere ricordato come il ministro italiano che continuò l’opera di Mussolini “Bisogna restare uniti nel combattere la piaga del terrore”: lo ha detto il presidente Usa, Barack Obama, rivolgendosi ai rappresentanti di almeno 60 Paesi e accusando l’Isis di “genocidio”, di “violenza inspiegabile che sciocca il mondo intero”. Violenza […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai contro, “Sono assolutamente certo che l’Italia si è già rimessa in moto”. A un anno dall’insediamento del suo governo, il 22 febbraio 2014, Matteo Renzi fa un primo bilancio. Quali sono i dati che rendono il gangster “assolutamente certo”? – Più di cinque milioni di disoccupati – 14 milioni di poveri -aumento della disoccupazione dei giovani – i pensionati alla canna del gas Possibile che non ci sia un giornalista onesto che gli dica che è solo un gangster? Un lettore   Facebook Comments 0

    il gangster Renzi: Italia già rimessa in moto

    Redazione di Operai contro, “Sono assolutamente certo che l’Italia si è già rimessa in moto”. A un anno dall’insediamento del suo governo, il 22 febbraio 2014, Matteo Renzi fa un primo bilancio. Quali sono i dati che rendono il gangster “assolutamente certo”? – Più di cinque milioni di disoccupati – 14 milioni di poveri -aumento della disoccupazione dei giovani – i pensionati alla canna del gas Possibile che non ci sia un giornalista onesto che gli dica che è solo un gangster? Un lettore   Facebook Comments

    Continue Reading

  • Egregio Direttore, tre studenti finiscono all’ospedale per il crollo del soffitto di una scuola a Pescara. L’ultima volta era toccato a Sesto in provincia di Milano. Ancora prima in un’altra località del centro Italia. Negli anni scorsi più di una scuola è letteralmente crollata, seppellendo vivi alunni e maestre. Dopo il crollo la scuola di Pescara che ospita più di mille studenti è stata sgomberata. Una delle prime tournée di Renzi, era stata la campagna nelle scuole che, come da più parti veniva rilevato, rievocava Mussolini che indottrinava i giovani Balilla. Renzi aveva promesso di sistemare le strutture scolastiche […] 0

    Il ciarlatano promette, le scuole crollano

    Egregio Direttore, tre studenti finiscono all’ospedale per il crollo del soffitto di una scuola a Pescara. L’ultima volta era toccato a Sesto in provincia di Milano. Ancora prima in un’altra località del centro Italia. Negli anni scorsi più di una scuola è letteralmente crollata, seppellendo vivi alunni e maestre. Dopo il crollo la scuola di Pescara che ospita più di mille studenti è stata sgomberata. Una delle prime tournée di Renzi, era stata la campagna nelle scuole che, come da più parti veniva rilevato, rievocava Mussolini che indottrinava i giovani Balilla. Renzi aveva promesso di sistemare le strutture scolastiche […]

    Continue Reading